Juve Caserta – Sutor Montegranaro: chi uscirà dalla crisi?

Gara importante quella che si disputerà domani al PalaMaggiò di Caserta. Le due squadre, stanno affrontando un momento non semplice. I padroni di casa, nell’ultimo turno, hanno subito una dura sconfitta sul parquet dell’Angelico Biella. Il -17 finale ha portato la dirigenza casertana, di comune accordo con Sacripanti, a tagliare il play titolare Dominique Wise. Montegranaro invece, dopo una partenza lanciata con la vittoria ad Avellino, ha rallentato, nonostante il calendario prevedesse due gare in casa, non è riuscita a muovere la classifica soccombendo a due delle tre squadre ancora a punteggio pieno in questo campionato: Sassari e la Virtus Bologna. In settimana Andrews ha ripreso ad allenarsi con i compagni, mentre Kyle Johnson ha accusato un infortunio scivolando sul parquet durante gli allenamenti.

Negli anni passati, le gare tra queste due formazioni, hanno dato sempre vita a spettacoli non indifferenti. Le statistiche dicono che si è in perfetta parità negli scontri diretti in serie A, infatti nei precedenti 8 incontri il parziale è di 4 a 4. Perfetta parità anche negli scontri disputati a Caserta, con la vittoria della Sutorlo scorso anno, nell’ultima volta in cui si sono incontrate le formazioni.
Per i marchigiani è anche una partita importante, la duecentesima nella massima serie, traguardo impensabile fino a qualche anno fa!

Nei roster sono presenti 2 ex molto amati dalle vecchie tifoserie, uno per parte: Fabio Di Bella e Giuliano Maresca. Il primo è stato il play titolare degli anni d’oro nella storia recentissima della Juve Caserta, che portò i bianconeri a disputare i preliminari di Eurolega, poi l’Eurocup. Lo stesso si può dire per Maresca, che è stato il capitano della Sutor nell’anno della storica promozione in serie A, ed anche nella prima stagione disputata nella massima serie.
Passando alla gara di domani, in settimana entrambi i coach hanno dichiarato che sarà molto importante portare a casa la posta in palio, in quanto tutte e due le squadre hanno come obiettivo principale la salvezza. Pertanto battere una diretta concorrente, raddoppierebbe il valore dei due punti. La Sutor punterà forte su Steele, che dovrà vedersela con Stefano Gentile, responsabilizzato dopo la partenza di Wise, mentre Caserta cercherà di trarre vantaggio dai propri lunghi che al momento stanno rendendo molto meglio di quelli marchigiani.
L’incognita dell’incontro potrebbe essere Andrews, tesserato in settimana, che potrebbe prendere il posto di Johnson a referto, nel caso in cui quest’ultimo non riuscirà a recuperare in tempo dal problema muscolare.

Le dichiarazioni del prepartita

Ecco le dichiarazioni di Coach Recalcati raccolte nella conferenza stampa della vigilia: “Diciamo subito che per Caserta partiranno tutti. Ieri si è fatto male anche Johnson che oggi non si allena: purtroppo è scivolato sugli adesivi pubblicitari nel parquet ed ha uno stiramento. Sente dolore, sembra non ci siano lesioni ma la parte è molto infiammata. Ora sta facendo terapie con Marco Minnucci, il nostro fisioterapista, vedremo se fare una verifica domani o domenica. Inoltre valuteremo il ginocchio di Andrews dopo una settimana in cui si è allenato con condizione discreta. Se il ginocchio non dà riscontri negativi, penso possa giocare, ma intanto dobbiamo vedere se ce la fa Kyle: in caso contrario abbiamo spazio sia per Andrews sia per Freimanis, altrimenti, faremo la valutazione su Zach e vedremo quale dei tre stranieri citati non convocare. Per come si è allenato comunque penso che Andrews possa giocare”.

Il coach parla poi della partita e dall’avversario di domenica: “Giochiamo con Caserta che ha i nostri stessi obiettivi: si deve salvare quindi un risultato positivo in trasferta in queste partite varrebbe il doppio. Sarà una gara importante dopo due partite che ci hanno lasciato in parte soddisfatti: è vero che abbiamo perso ma con due squadre che attualmente hanno sempre vinto. Ad ogni modo non possiamo essere soddisfatti a pieno, dobbiamo portare a casa punti e questo ci obbliga a cercare di vincere domenica per prendere fiducia. Non basta solo essere capaci in campo ma serve vincere. Caserta non avrà il suo playmaker Wise, appena tagliato: non devo essere ipocrita, sulla carta per noi è meglio, ma attenzione alla reazione degli altri, che avranno più responsabilità. Pensate alla nostra vittoria ad Avellino, bisogna diffidare delle squadre che non sono al completo. Poi in casa per tradizione Caserta sa far bene, è una squadra pronta, organizzata, come tutte quelle di Sacripanti, manca Wise ma l’asse realizzativo resta: c’è Chatfield, miglior realizzatore del campionato francese, hanno ali duttili che sanno tirare, hanno Jelovac che è un grande rimbalzista, e poi giocano molto di post basso. Dobbiamo stare attenti ad Akindele e Michelori che sanno giocare sotto canestro, sono più grossi e noi dobbiamo trovarci pronti ad affrontarli. Mi aspetto da loro una difesa individuale aggressiva sui pick and roll, ma anche un po’ di zona che potrebbero usare visto che la rotazione è ridotta. Siamo pronti a trovare una squadra in condizione e un ambiente caldo: non dico che questa partita sarà un crocevia ma pensando ai doppi confronti già da ora diventa importante”. Infine coach Recalcati parla dell’ex di giornata, Giuliano Maresca, e dell’ultima gara persa con Bologna: “Non parlo dell’arbitraggio, né delle multe perché non conosco le carte e non so cosa sia stato scritto. Durante la gara a volte non siamo stati bravi a difendere il pick and roll, Freimanis spesso è stato un po’ leggero e abbiamo permesso canestri facili: è importante capire che i lunghi devono salire un metro in più e che dobbiamo essere più aggressivi, ma sono cose che vanno viste e migliorate. Maresca lo ricordo con gran piacere: lo convocai in Nazionale dopo un anno e mezzo di stop per fargli avere più assistenza ed aiutarlo a recuperare fino a portarlo ai Giochi del Mediterraneo. È sempre stato un gran lavoratore, molto rispettoso uno che vorresti sempre avere in squadra”.

Coach Sacripanti così inquadra il confronto con i marchigiani: “Anche se ha due soli punti in classifica come noi, Montegranaro in questo periodo sta giocando molto bene e lo dimostrano anche le due sconfitte di misura accusate contro formazioni di prima fascia quali sono Bologna e Sassari. Anche la Sutor – continua il tecnico bianconero – si è profondamente rinnovata quest’anno visto che della squadra della scorsa stagione sono rimasti soltanto Di Bella e Mazzola. Hanno, però, costruito una squadra con atletismo e tanto talento individuale sia negli esterni che nei lunghi, capaci, peraltro, di poter colpire anche dal perimetro. Noi, dobbiamo riscattare la prestazione di Biella e per ottenere ciò sarà indispensabile imporre il nostro ritmo. Dovremo – conclude Sacripanti – avere la capacità di concretizzare con continuità le nostre azioni offensive cercando sempre tiri ad alta percentuale, ma anche diminuendo in maniera consistente il numero delle palle perse ed avere maggiore intensità e durezza in difesa”.

L’inizio della gara è fissato per le ore 18,15 e la partita sarà diretta da Carmelo Paternicò di Piazza Armerina (EN), Dino Seghetti di Livorno e Guido Di Francesco di Teramo.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata