Il punto sul massimo campionato dopo la giornata numero 23

Il motivo principale d’interesse del sesto turno di ritorno del massimo campionato di Lega A era lo scontro ad alta quota tra la Montepaschi Siena e l’Armani Milano. Alla vigilia della gara il distacco tra le due squadre in classifica era di quattro punti, e Siena era reduce da una inusuale striscia di tre perse in fila (due in Eurolega ed una in campionato). Milano mai come in questa occasione era chiamata a dare un segnale di forza alle altre contendenti e riaprire i giochi in classifica. Così non è stato, perché Siena ha dato una nuova dimostrazione di forza battendo i milanesi al termine di una partita incandescente in campo per scontri e contatti ferocissimi tra i protagonisti. Chi ha fatto le spese subito della tonnara in campo è stato il giovane Gentile con una ferita al capo inferta da uno scontro nei primissimi minuti di gioco con Stonerook.  Giornata favorevole per gli uomini di Pianigiani, che riportano a sei i punti di vantaggio sulle seconde in classifica, perché la Virtus Bologna ha perso in quel di Varese, mentre la Dinamo Sassari doveva osservare il proprio turno di riposo. Chi raggiunge il gruppo delle seconde, composto dalle tre prima citate, sono la Bennet Cantù e la Umana Venezia. I veneziani di coach Mazzon si confermano la gradita sorpresa di questo campionato con l’autoritaria vittoria nell’anticipo del Sabato in quel di Teramo. Nessuno si sarebbe aspettato che la Reyer ripescata a due settimane dell’inizio del campionato sarebbe stata capace di confezionare una simile stagione. Cantù, invece, è passata sui resti della Sidigas Avellino e potenzialmente potrebbe essere seconda in solitaria vincendo il recupero in quel di Pesaro. Proprio gli adriatici sono la squadra apparsa in maggiore difficoltà in questo turno di campionato, dopo la sconfitta interna contro Caserta. Stop casalingo che è stato il terzo consecutivo in questo scorcio di campionato per i ragazzi di Dal Monte, che in questo momento sono noni e fuori dalla zona play-off. Zona play-off che è occupata due punto più dalle prime citate Avellino e Varese. Mentre gli irpini, a causa delle molte defezioni nel proprio roster per infortuni ed altere vicissitudini, sembrano purtroppo poter perdere altre posizioni in clasifica, la Cimberio Varese che ha demolito in casa la Virtus Bologna, priva del suo georgiano volante Sanikidze, invece sembra squadra che possa inserirsi in un discorso di vertice grazie alla bontà del proprio gioco e qualità di alcuni suoi singoli. Non fanno passi avanti nella zona playoff l’Acea Roma e l’Angelico Biella , entrambe sconfitte rimangono ancorate a quota 20 punti in classifica e raggiunte dalla brillante Otto Caserta in versione esterna (terza vittoria consecutiva fuori per i casertani). Punti pesanti in zona salvezza sulle vincitrici di Roma e Biella, rispettivamente Cremona e Montegranaro. I marchigiani con il successo in terra piemontese portano a sei i punti di vantaggio sul fanalino di coda Casale, mentre Cremona con il successo interno su Roma porta a quattro i suoi punti di vantaggio in classifica su Casale. Situazione, quindi, sempre più complicata per la neopromossa piemontese, sconfitta in quel di Treviso dai verdi veneti, che con la vittoria cercano di buttare giù l’amore boccone dell’eliminazione in Eurocup. Casale, che deve scontare l’ennesimo pessimo finale di gara al Palaverde, dopo le dimissioni di coach Crespi non è ancora riuscita a vincere una gara nelle ultime tre uscite. Il tempo per riflettere per le squadre sarà veramente esiguo perché le protagoniste del massimo campionato torneranno in campo già Mercoledì per il settimo turno di ritorno.