Eurolega, Qualifying Rounds: Kazan a valanga, Donetsk K.O.

Nella seconda giornata dei quarti di finale dei Qualifying Rounds di Desio l’Unics Kazan non lascia spazio a dubbi sulle proprie mire, regolando il Ratiopharm Ulm 91-73, in una partita mai in discussione. Primo strappo dei russi, che a metà secondo quarto sono avanti 33-16, reazione dei tedeschi fino al –5 dell’intervallo, poi russi a valanga, con un terzo quarto da 35 punti che uccide la partita.

In evidenza l’ex-Treviso Terrell Lyday con 21 punti, 5/8 da tre e 4 assist e Ian vougioukas: per il lungo ex-Pana 18 con 9/12 dal campo. Bene anche Mire Chatman, 15 con 4 assist, già in buona confidenza con i nuovi compagni.

Per l’Ulm 17 a testa per l’ex-Virtus Roma Allan Ray e per il prodotto di Santa Clara Univesity John Bryant, che aggiunge anche 7 rimbalzi.

Esito a sorpresa nella seconda partita di serata, con il quotato BC Donetsk dell’ex-canturino Doron Perkins, fuori contro il Le Mans, in una partita dal punteggio bassissimo, 61-55, con gli ucraini che evaporano letteralmente nella ripresa mettendo a referto solo 24 punti complessivi. Numeri ingannevoli per un confusionario Perkins (15 con 10 rimbalzi, ma 4 perse), inconsistente D’or Fisher (2 punti e 7 rimbalzi in 30’), la sfida la decidono il piccolo-grande Khalid El Amin (12 punti e 5 assist) e Cameron Long (14 con 2 triple di cui una decisiva nel finale). Francesi apparsi in generale più squadra della slegata truppa di coach Jovanovic, lontana dall’aver trovato la giusta chimica nonostante un roster ben fornito.

Le due vincenti si sfideranno nella seconda semifinale di domani, prevista per le 20.45, con i russi favoriti d’obbligo.

Alle 18, invece, l’atteso incontro della Mapooro Cantù, opposta ai cechi del Cez Nymburk. Clicca qui per la preview dell’incontro di BasketItaly.it

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata