Dinamo e Sant’Orsola: insieme per crescere.

E’ stata presentata oggi nella club house Dinamo di via Nenni, la nuova collaborazione fra la Dinamo Banco di Sardegna Sassari e la Sant’Orsola Team Sassari, un intesa che metterà a confronto il basket maschile e femminile nelle sue due massime espressioni sassaresi e che, cercherà attraverso uno scambio di esperienze, di far crescere ancora di più entrambe le società.

 

E’ stata presentata oggi nella club house Dinamo di via Nenni, la nuova collaborazione fra la Dinamo Banco di Sardegna Sassari e la Sant’Orsola Team Sassari, un intesa che metterà a confronto il basket maschile e femminile nelle sue due massime espressioni sassaresi e che, cercherà attraverso uno scambio di esperienze, di far crescere ancora di più entrambe le società.

Alla conferenza stampa tenutasi questa mattina nella Casa ufficiale della Dinamo, il vice presidente biancoblu Gianmario Dettori e il presidente della squadra femminile Nereo Vasconi, hanno presentato quella che sarà una collaborazione che, ha lo scopo di promuovere il basket femminile da una parte e, di portare uno scambio di esperienze soprattutto sulla crescita del vivaio dall’altra.
Con molto orgoglio il vicepresidente Dettori ha aperto la conferenza: “Dopo la collaborazione con l’Anmic è un piacere annunciare l’accordo con il Sant’Orsola Team, in previsione di una Dinamo collegata con tutti i settori del Basket partendo appunto dalle eccellenze della pallacanestro Sassarese, l’accordo prevederà uno scambio di esperienze a 360 gradi, sia per quanto riguarda il settore tecnico, sia per quello dirigenziale”.
Il presidente Vasconi era altrettanto orgoglioso della collaborazione, considerato come punto di ripartenza per il basket femminile che ha purtroppo un calo di interesse e che, ha visto ultimamente la scomparsa a livello nazionale, di diverse società: “Ringrazio il presidente Sardara che si è subito dimostrato disponibile per questa collaborazione, purtroppo il basket femminile vive un periodo di profilo basso e anche io ho rischiato di lasciare la presidenza della squadra, a convincermi del contrario è stato l’ottenimento della Wild Card, che permetterà al Sant’Orsola di disputare la A3 femminile, ottenuta grazie al consolidato settore giovanile.”
Il presidente Vasconi si è concentrato sull’esposizione di quelli che saranno gli obiettivi della collaborazione: “La Dinamo grazie ai risultati ottenuti, può offrire una promozione mediatica che può consentire un esposizione della pallacanestro che faccia evitare la dispersione delle giovani atlete, sono diverse infatti le ragazze che abbandonano questo sport e, questo progetto può consentire alle massime espressioni del basket sassarese di diventare un punto di riferimento per le giovani giocatrici; il progetto prevederà degli incontri fra le dirigenze, degli incontri fra i settori tecnici in cui scambiarsi esperienze soprattutto sullo sviluppo dei settori giovanili, proprio su questo si vuole lavorare attivamente, anche con  degli incontri con i genitori delle future giocatrici, in maniera tale da non far perdere quelli che sono i valori che il basket ha sempre insegnato e che lo hanno sempre differenziato da altri sport come un isola felice”.
Vasconi ha anche illustrato quello che sarà il prossimo campionato in cui sarà impegnata la compagine femminile e gli altri obiettivi della società: “Il prossimo campionato sarà di 36 squadre divise in 3 gironi territoriale da 12, noi dovremmo essere inseriti nel girone Nord, il che permetterebbe una crescita dal punto di vista del gioco, dato che l’ultimo campionato è stato prettamente regionale e non ha permesso la dovuta maturazione della squadra; avremmo una collaborazione con Alghero per la crescita del settore giovanile e ci piacerebbe che anche a Sassari possa risollevarsi la media dei tesseramenti, cosa in cui Cagliari, grazie agli impianti di proprietà e alle collaborazioni fra basket maschile e femminile, è superiore; la speranza mai portata a compimento è quello di sfruttare un canale di collaborazione fra le varie società sarde, presenti in tutti i campionati, che permetta attraverso lo scambio delle atlete, di trovare per quest’ultime il giusto collocamento per la loro crescita tecnica, collaborazione che purtroppo per ora non è mai andata in porto”.
Cresce dunque il panorama di lavoro per la Dinamo, che in un momento in cui il basket non riesce ad ottenere il riscontro di pubblico che merita, prova ad allargare i propri orizzonti, per favorire la crescita anche di altre società, sia sotto il profilo tecnico, sia sotto quello mediatico.
Il lavoro della Dinamo proseguirà ora anche per il completamento della squadra per la prossima stagione, in settimana è arrivata la “scontatissima” conferma di capitan Vanuzzo che ha dichiarato amore a vita alla squadra sassarese e il prolungamento del contratto di Brian Sacchetti, ora si attende la conferma ufficiale di Pinton e infine a completare il roster biancoblu, mancherà solo il 3 titolare che verrà firmato più avanti col tempo, in maniera tale da sfruttare delle occasioni che in questo momento non sono presenti sul mercato a causa di ingaggi troppo alti.