Cremona conquista 2 punti d’oro. Per la Sutor il Pala Rossini è ancora un tabù.

Al Pala Rossini si disputa la quinta giornata di campionato, la Sutor riceve Cremona, che al momento si trova appaiata in classifica quota 2. Sugli spalti circa 2000 spettatori  con la presenza di circa 25 tifosi ospiti.

Coach Recalcati manda in campo: Steele, Cinciarini, Johnson, Burns e Andrews. Risponde Attilio Caja con  Johnson, Jackson, Harris, Huff e Stipanovic.

Dirigono l’incontro Cicoria, Lazzarini e Barni. Prima della palla a due è stato osservato un toccante minuto di silenzio in memoria del caporale degli Alpini Tiziano Chierotti, recentemente scomparso in Afghanistan.

Inizio spigoloso di match, con tanti contatti ai limiti che dimostrano quanto i giocatori sentano questa partita. Dopo 2’ il punteggio è di 4 a 2 per Montegranaro con Steele subito in palla. Huff segna una bella tripla frontale e regala il vantaggio a Cremona. Ma Cinciarini non ci sta e risponde con una gran penetrazione tra 3 avversari che regala il pareggio ai suoi. Andrews è ingenuo, e commette fallo in attacco spingendo platealmente Johnson finito in marcatura su di lui. Uno schema offensivo ben realizzato libera K. Johnson che segna la tripla. Harris per il momento non riesce ad entrare in partita, ed una sua palla persa permette con un tiro dello stesso Johnson di portare la Sutor al massimo vantaggio +5 (13-8) costringendo Caja a chiamare il primo time out. Tornati sul parquet la musica non cambia, i gialloblù segnano con Mazzola che tira dalla media cadendo all’indietro. Fa il suo esordio nella partita l’ex Luca Vitali e da una scossa agli ospiti che con  A. Johnson chiudono un parziale di 9 a 0 per Montegranaro. L’ultimo possesso è nelle mani di Steele che serve Cinciarini, il quale non riesce a segnare. I primi dieci minuti terminano sul punteggio di 15 a 10, con percentuali bassissime per entrambe le formazioni. Nel secondo quarto parte tra i 5 Slay, che era stato in dubbio fino a pochi minuti dalla palla a 2. Harris decide finalmente di entrare in partita, e lo fa nel migliore dei modi con una tripla ‘ignorante’. Per la Sutor il più pericoloso si conferma Johnson che segna appoggiando al tabellone. Mazzola commette il suo secondo fallo cercando di contendere un rimbalzo a Kotti, pertanto Recalcati è costretto a richiamarlo con se in panchina. Le mani restano molto fredde, dopo 14 minuti il punteggio è ancora di 17 a 16. Montegranaro chiama time out e riesce a svegliare un minimo la squadra. Steele gioca un pick&roll con Slay e tira segnando però solo 2 punti, avendo toccato con la punta del piede la linea dei 6.75. Il problema numero uno in questa seconda frazione è fermare Kotti, che non riesce sempre a tramutare i tiri liberi in punti 3/6 per lui. Lo spettacolo è davvero di basso livello, e l’unico a risaltare è sempre il numero 11 della Vanoli che con i suoi rimbalzi offensivi porta di nuovo in vantaggio Cremona sul 22 a 21. La coppia Huff e Harris, a 1’17” dall’intervallo danno il vantaggio agli ospiti (24-26). Una penetrazione di Campani costringe Kotti a commettere il suo terzo fallo. Dalla lunetta 2 su 2 per il giovane gialloblù. Ultima azione del primo tempo ancora per la Sutor, Cinciarini continua a mostrare la sua serata no, gioca il pick&roll con Campani, ma si palleggia sulle gambe e non riesce nemmeno a tirare. Si va negli spogliatoi per la pausa lunga sul 26 pari. Migliori marcatori: K.Johnson con 11 punti per Montegranaro, Kotti con 9 per Cremona.

Il secondo tempo vede la squadra di Caja più concentrata, e con un 6 a 0 di parziale cerca di mettere un bel distacco tra se e i locali. Ma la Sutor non ci stà, prima campani schiaccia  su uno scarico di Slay, poi Steele mette un tiro da 2 da oltre 6 metri. La difesa sutorina inizia a registrarsi, e la palla persa causata porta Cinciarini a conquistarsi i primi liberi della sua partita, 1 su 2 per l’ex biancoazzurro. Vitali serve ottimamente Jackson che subisce una spinta da Cinciarini: dalla lunetta 2 su 2 per lui. Jackson segna in penetrazione per il 31-36, poi commette il suo terzo fallo difendendo su Steele proiettato in attacco. Anche Vitali segna il suo primo punto della partita dalla lunetta. Burns si blocca a 3’ dalla sirena con un entrata sul pitturato. Ma a fare la differenza, alla fine, potrebbero essere i falli commessi. Già tanti giocatori con 3 penalità, e nell’eventualità di un supplementare la situazione potrebbe divenire preoccupante. Andrews batte dal palleggio il suo difensore e segna subendo il fallo di Vitali. Montegranaro torna anche a segnare da 3 con il capitano Fabio Di Bella che  riporta i compagni a -1 (39-40) . Poi sale in cattedra Vitali, che prima serve un assist a Harris, poi segna da 3 punti. La frazione termina con altri 2 punti per Cremona con Huff che sfrutta al meglio un rimbalzo offensivo (41-47). Si parte negli ultimi 10 minuti con Burns e Di Bella che riportano a -2 Montegranaro. Un passaggio a vuoto della difesa sutorina permette una penetrazione indisturbata e 2 punti facilissimi per A.Johnson. Poi Jackson segna un bel jumper dalla media. Dopo 3 minuti dell’ultimo quarto Montegranaro ha già speso il bonus, e l’ennesimo fallo, questa volta di Slay, manda in lunetta Stipanovic che non sbaglia e porta al +4 la Vanoli (49-53). Recalcati vuole parlarci su, e chiama il suo primo time out del secondo tempo. Le parole dell’ex coach della nazionale non devono essere entrate bene nella testa dei suoi giocatori, e Di Bella si fa rubare palla come il più inesperto dei play da Johnson che in contropiede subisce anche fallo. Dalla linea della ‘carità’ 2 su 2 per lui. Un contropiede chiuso da Huff porta al + 6 per Cremona. Ma Burns non ci stà, e con un rimbalzo offensivo riesce a ridurre lo scarto. Tamar Slay vuole prendere in mano i compagni, e segnando la tripla prova a far entrare in partita anche il pubblico che fin’ora è stato alquanto ‘freddo’, tranne gli instancabili ed encomiabili Sutor Ranger. Montegranaro sembra non avere più energie, e per l’ennesima volta lascia troppo spazio a Kotti che schiaccia da solo (58-64).Una fiammata dei gialloblù restituisce speranze al pubblico di casa: Cinciarini e Steele segnano da dentro l’area e porta il punteggio sul 62-64. Caja ferma subito la mini-reazione e chiama time-out. Si va avanti tirando dalla lunetta, almeno per Cremona: Vitali fa 1 su 2, mentre Johnson li segna entrambi, quindi si entra negli ultimi 100 secondi con gli ospiti in vantaggio (62-67). Un long-two di Steele riduce il gap, e un errore di Harris da la possibilità a Slay di andare sulla lunetta per portare i suoi ad un paso dagli avversari. Incredibilmente li sbaglia entrambi. La zona crea confusione negli uomini di Caja, che non sfruttano il match point e sbagliano il tiro. Cinciarini si dimostra un campione, e dopo un magro 2 su 10 dal campo, mette una tripla importantissima per il pareggio. Time out per Cremona che rimette in gioco dando palla ad A.Johnson, il quale si fa pressare da K.Johnson e finisce per calpestare la linea laterale e a perdere il pallone. Palla alla Sutor con 13” ancora sul cronometro, ma Di Bella non riesce a costruire nulla di buono. Si va ai supplementari!

Nei 5 minuti conclusivi i primi a muovere il tabellino sono gli ospiti con Jackson e Kotti. Recalcati ha mandato in campo Mazzola che al momento sta producendo solo cose negative per i suoi compagni. Il coach se ne accorge e lo sostituisce con K. Johnson. Dalla lunetta Steele prova a ricucire il punteggio e porta a -4 i gialloblù, ma Harris spegne subito le speranze della Sutor. Un errore al tiro per Cremona e il gioco da 3 punti di Cinciarini dimostrano che le due squadre non vogliono chiuderla qui. Palla persa per la Vanoli dall’altra parte e K. Johnson segna il -1 appoggiando al tabellone per il 74-75. Palla in mano a Vitali che sbaglia di nuovo, ma anche Steele questa volta non riesce a segnare. La Sutor commette subito fallo su Johnson che fa 1 su 2, ma il rimbalzo in attacco conquistato da Harris viene convertito in altri 2 punti (74-78). Montegranaro non riesce a costruire un tiro decente in attacco e la gara termina con la vittoria di Cremona per 80 a 74.

Caja conquista punti d’oro contro una diretta concorrente per la salvezza, Recalcati, invece, dovrà riflettere in settimana sul momento che stanno attraversando i suoi giocatori. Se di crisi non si parla, ci si è molto vicini. Top scorer dell’incontro Harris con 21 punti, anche se il vero mattatore della serata è stato Kotti, con 13 punti e 13 rimbalzi macchiati però dal 3/10 dalla lunetta. Per la Sutor 14 punti per Steele e 13 per Johnson.

 

Dalla sala stampa:

Caja: Abbiamo disputato una grande gara. Montegranaro ha provato fino all’ultimo a portarci via questi due punti,  ma siamo stati più bravi nei momenti decisivi. I nostri lunghi hanno fatto un lavoro ottimo, per posizionamento e aggressività. In settimana continueremo a valutare chi introdurre nel nostro roster. Abbiamo bisogno sicuramente di un terminale offensivo, in quanto in difesa abbiamo dimostrato anche oggi che non siamo male. Abbiamo concesso solo 74 punti in 45 minuti. A mio avviso l’MVP della gara è stato Aaron (Johnson n.d.r.).

Aaron Johnson: Ho cercato di fare solo quello che il coach mi ha chiesto in settimana. Credo di aver fatto bene anche perché non sono andato mai fuori dai giochi di squadra. Abbiamo vinto questa gara per la Ns. grande difesa.

Recalcati: Abbiamo giocato male, ma potevamo anche vincerla questa partita, che era la cosa che contava di più. Il problema è che abbiamo peccato di presunzione e non che eravamo in difficoltà per i vari problemi fisici che abbiamo subito in settimana. Alcuni giocatori si sono persi nei loro problemi, per qualcuno di loro è bastato un fallo non fischiato dagli arbitri, o un piccolo problema fisico per uscire dalla partita, e questo non è accettabile. In una gara punto a punto non si può essere frustrati e giocare in questo modo, facendo falli sciocchi quando già eravamo in bonus. Abbiamo dovuto togliere due volte i lunghi per tornare in partita. Tutti dobbiamo prenderci le nostre responsabilità. Abbiamo perso il senso della gara, si può essere utili anche non segnando ma dando il proprio contributo sporco al quintetto. Non siamo una squadra che gioca l’Eurolega, quindi abbiamo bisogno di tutti i nostri giocatori per poter vincere le partite. Una squadra che vuole salvarsi non può prescindere da ognuno dei suoi giocatori. In settimana io e la società dovremo valutare la situazione per vedere come possiamo uscirne.

Burns esce troppo facilmente dalla gara. Basta un niente per fargli perdere la concentrazione. Ha accusato un problema al ginocchio già operato nei primi minuti di gara, ma lo staff medico l’ha tranquillizzato a riguardo.

Abbiamo lavorato in settimana per servire il lungo che andava a prendere la posizione di pivot-basso, ma i piccoli non hanno fatto quello studiato in allenamento.

Su Freimans ho fatto una scelta tecnica, pertanto reputavo chi è sceso in campo più funzionale alla squadra.

Burns: Sento un po’ dolore al ginocchio. In settimana valuteremo facendo gli appositi controlli del caso. Ho accusato il problema al primo attacco, ma dopo che lo staff tecnico mi ha tranquillizzato ho voluto dare il mio contributo alla squadra. Stasera è stata un eccezione, non perdo cosi facilmente la concentrazione di solito, ma ero spaventato dal ginocchio visto l’infortunio dell’anno scorso. Penso di essere lo stesso di Avellino. Dobbiamo compattarci come squadra. Tutti devono ricompattarsi con la squadra e cercare di fare di più.

SUTOR MONTEGRANARO: Steele 14, Cinciarini 11, Panzini ,Vallasciani , Slay  11, Piunti , Campani 4, Di Bella 9, Mazzola 2, Johnson 13, Andrews 4, Burns 6.

VANOLI CREMONA: Vitali 7, Kotti 13, Jackson 11, Belloni , Conti , Ruini 2, Johnson 12, Harris 21, Huff 9, Stipanovic 5, Cazzaniga.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata