Cremona vince a Caserta: salvezza ipotecata per i lombardi

La Otto Caserta tra le mura amiche del PalaMaggiò viene superata, anche, dalla Vanoli Braga Cremona per 74-77. Quel anche, sta nel fatto che la sconfitta interna contro i cremonesi è il quinto stop casalingo per la formazione bianconera, che nel girone di ritorno non è mai stata capace di vincere tra le mura amiche.

Inoltre per i casertani la sconfitta contro Cremona è la quarta consecutiva nell’ultimo mese di campionato.  Detto dell’evidente crisi di risultati e della flessione di rendimento della truppa di Sacripanti nel girone di ritorno, la Vanoli Braga con la vittoria in terra casertana mette in cassaforte la salvezza. Infatti gli uomini di Caja bissando il successo della settimana scorsa in casa contro Milano (peraltro con un risultato abbastanza simile 77-73 ai milanesi), agganciano al terz’ultimo posto la stessa Caserta a quota venti punti in classifica, e portano ad otto i punti di vantaggio in graduatoria sul fanalino di coda Casale.

 

Uomo partita è stato l’ex canturino Jason Rich, arrivato tra lo scetticismo generale ad inizio Febbraio al posto di Roderick, la guardia Usa ha dato un grandissimo contributo al sodalizio lombardo nell’allontanare le sabbie mobili della zona retrocessione. Rich ha realizzato ben 24 punti con fantastiche percentuali al tiro (9/12 da due e 2/3 da tre). Oltre a Rich, la Vanoli Braga si è potuta avvalere delle buone prove dei sui esterni Daniele Cinciarini (12 punti la maggior parte nella prima parte di gara) e Tabu (12 punti), e del solito Milic nel pitturato (9 punti e 9 rimbalzi). Tra gli uomini di Sacripanti cinque sono andati in doppia cifra per punti realizzati, ma i migliori sono stati i lunghi Andre Smith (15 punti e 10 rimbalzi) e Stipanovic (12 punti e 12 rimbalzi). Per i bianconeri, ancora una volta, è stato confermato che nelle giornate di scarsa vena di Collins (7 punti con 1/6 da tre e solo 2 assist) sia improbo vincere, mentre Bell (1/7 da tre)  è stato protagonista di un’altra prova con tanti errori al tiro.

La Otto  ha un buon approccio con la partita, e raggiunge il suo massimo vantaggio nella partita al 4’ sul 11-5, ma la Vanoli Braga con un parziale di 14-5 in proprio favore mette la testa avanti sul 16-19 al 8’. Il primo quarto si chiude con i lombardi avanti (19-22), mentre la prima metà del secondo quarto si mantiene in grande equilibrio (26-26 al 14’). Equilibrio che regnerà fino al 37-37 del 19’, prima che Rich con cinque punti in fila (37-42), faccia mettere la targa dei cremonesi prima del rientro negli spogliatoi per l’intervallo (39-42 al 20’). L’inizio della ripresa è tutto a favore degli ospiti, che con due bombe in fila dell’ex Tusek e Tabu trovano il massimo vantaggio sul +11 al 27’ (45-56 ). Ancora con Tusek,  Cremona trova il nuovo massimo vantaggio sul +13 (47-60). Caserta nell’ultimo minuto del quarto ha una reazione veemente. Grazie due triple di Righetti ed i canestri di Kludacek i bianconeri piazzano un break di 11-0 in un batter d’occhio (58-60 al 30’). La Vanoli Braga, superato il momentaneo black-out,  riprende le fila del discorso e ritrova otto lunghezze di vantaggio (59-67 al 33’). Cremona tiene la partita in pugno (69-76 al 39’) fino all’ultimo minuto, poi Caserta come nel finale del terzo quarto reagisce trovando il 74-76 ad una manciata di secondi dalla fine. Tabu realizza un libero (74-77), i padroni di casa avrebbero la possibilità con un a tripla di andare al supplementare, ma pasticciano e non riescono nell’impresa.

Otto Caserta-Vanoli Braga Cremona  74-77 (19-22, 39-42, 58-60)

Caserta: Smith 15, Righetti 13, Stipanovic 12, Kludacek 10, Bell 10, Collins 7, Maresca 4, Doornekamp 3

Cremona: Rich 24, Cinciarini 12, Tabu 12, Milic 9, Lighty 4, Tusek 7, Perkovic 5, D’Ercole 4

Mvp: Jason Rich