Caserta vuole fermare a sette la striscia di sconfitte consecutive. Al Palamaggiò arriva la Fiat Torino

Cinciarini Daniele,Bostic Johsua,Caserta

Nella volata per la salvezza e in quella per acciuffare i playoff sono invischiate rispettivamente Caserta e Torino, che si affronteranno domani al PalaMaggiò.

Quella che per i campani era un’annata più che buona al termine del girone d’andata si sta trasformando in un vero e proprio incubo: al netto delle vicende societarie e il caso Sosa, la squadra di Dell’Agnello ha una striscia aperta 7 sconfitte consecutive in questo girone di ritorno e vede avvicinarsi sempre più minacciose sia Pesaro che Cremona, distanti solo 4 punti.

L’Auxilium Torino invece ha trascorso la settimana recriminando su quello che sarebbe potuto essere e invece non è stato: il ko casalingo contro Pistoia al supplementare ha abbassato di molto le possibilità per raggiungere i playoff, sopratutto se si considera l’andamento del match e per il fatto che la Fiat abbia giocato nelle ultime settimane senza i due fari Wright e Washington.

Per Caserta questo match vale doppio visto che la prossima settimana sarà impegnata nello scontro salvezza contro Pesaro e affrontarlo con sei punti di vantaggio (ciò accadrebbe in caso di vittoria casalinga e sconfitta di Pesaro a Brindisi) darebbe la giusta serenità e tranquillità.

Tranquillità e fiducia che stanno venendo meno anche per le modalità in cui stanno giungendo le sconfitte, quasi tutte al fotofinish (e spesso subendo rimonte): lo scarto medio delle ultime 3 partite è lì a testimoniarlo.

Qui Caserta

Dell’Agnello ribadisce che il problema principale in questa fase è la mancanza di tranquillità:”Abbiamo bisogno di scacciare la negatività che ci circonda e di essere premiati per gli sforzi in termini di determinazione, volontà e impegno che stiamo mettendo.

La nostra solidità difensiva testimonia l’unità di intenti e l’applicazione mentale dei giocatori e sarà ancor più importante ripeterci da questo punto di vista, poiché giocheremo contro una squadra talentuosa in ogni ruolo.

Ci siamo allenati con tanta intensità per riuscire anche a finalizzare le opportunità che costruiamo attraverso il gioco di squadra: è tempo di raccogliere i due punti che troppo spesso ci sono scappati nelle ultime giornate”.

Qui Torino

Torino ha perso sì Wright ma ha messo in mostra un Poeta scintillante nelle ultime due uscite, leader in grado di assumersi responsabilità e trascinare il gruppo, da buon capitano.

Il suo entusiasmo servirà anche per far dimenticare la cocente delusione dell’ultimo turno, la quale traspare a distanza di una settimana nelle parole di coach Vitucci:”Singoli errori nel finale ci hanno condannato, nonostante avessimo condotto il match per lunghi tratti. Abbiamo pensato a recuperare gli infortunati (Cuccarolo e Mazzola saranno a disposizione) e ci siamo preparati a disputare un match in cui servirà serenità e cinismo, visto che Caserta sta attraversando un periodo di difficoltà ma rimane una squadra esperta e con una notevole versatilità”.

La Chiave tattica

Sono due squadre che per motivi diversi hanno due batterie di lunghi “importanti”. Caserta può contare su Watt, che vorrà vendicare la partita disputata all’andata, l’unica nel girone d’andata non conclusa in doppia cifra, ma anche sull’esperienza di Johnson e Diawara. Non si può non sottolineare l’attività nei pressi del ferro da parte di Putney, giocatore atipico per eccellenza su cui potrebbe essere impiegato il giovane Okeke, fresco di convocazione nella nazionale Under 20.

Per Torino ora si può parlare senza mezzi termini di sovrabbondanza: il neo acquisto Hollins dopo un esordio da circoletto rosso ha avuto problemi di falli contro Pistoia e dovrà essere migliorata la sintonia con Dj White.

Dalla panchina entreranno Cuccarolo e Mazzola: questa abbondanza consentirà di far giocare Wilson come ala piccola in ruolo inedito e dalla sua capacità di adattamento in questo nuovo ruolo dipenderanno le sorti della Fiat Torino.

Per Caserta il risultato potrebbe dipendere dalla qualità della costruzione del gioco di Giuri e Cinciarini e sopratutto dalla capacità di innescare i numerosi tiratori, in primis Berisha (12/20 dai 6.75 nelle ultime tre partite), Bostic e Gaddefords.

Palla a due alle ore 18.15 con diretta su Rete7