Caserta-Avellino: un derby che vale un piccolo sorriso

Domenica alle 18:15 sulle tavole del PalaMaggiò andrà in scena il derby campano per la dodicesima giornata del girone di ritorno del campionato di A  tra i padroni di casa della Otto Caserta ed gli ospiti della Sidigas Avellino.

Un derby campano, che giustamente può essere considerato in tono minore visto l’andamento delle due formazioni nell’ultimo spicchio di campionato. La compagine casertana con la sconfitta di Sabato scorso a Teramo ha incassato la sua quinta sconfitta consecutiva, ed in casa nel girone di ritorno non ha mai vinto, dove ha incassato altrettante cinque sconfitte in fila. Truppa bianconera di coach Sacripanti, che una volta messa in cassaforte la salvezza ed avendo visto allontanarsi in classifica la zona play-off, non ha avuto più grande mordente nell’affrontare le gare disputate nell’ultimo periodo. La Sidigas Avellino, anch’essa ha perso nell’ultimo turno di campionato, e la sconfitta in casa contro Roma  per gli irpini è stata pesantissima nella lotta play-off. Infatti gli uomini di Vitucci, perdendo lo scontro diretto in casa contro i romani, hanno perso l’ottavo posto in graduatoria in favore di Varese a quota 28 punti, e sono stati agganciati in classifica dagli stessi romani a quota 26 punti. Malasorte che ha continuato a perseguitare i biancoverdi avellinesi (quattro sconfitte nelle ultime cinque gare), che nel cruciale incontro di Sabato scorso hanno dovuto rinunciare, anche, nelle ultime ore prima della gara al proprio totem nell’area pitturata Linton Jhonson.   Quest’ultimo dovrebbe essere abile ed arruolabile per la gara di Caserta, mentre sarà sempre assente il lungodegente Taquan Dean. In casa casertana, invece, è in forte dubbio il play Andrè Collins, che sconta vari acciacchi fisici mai curati nel corso della stagione con il riposo, per la necessità del team bianconero di non privarsi del proprio motore del gioco e mente pensante  in campo. A naso Collins dovrebbe scendere in campo (poi eventualmente nei prossimi giorni potrebbe essere presa in considerazione l’intervento chirurgico per curare gli acciacchi del folletto statunitense) per animare contro il regista Marques Green  lo scontro che sulla carta è il più affascinante dal punto di vista tecnico dell’incontro, e per cercare di regalare una soddisfazione al  deluso pubblico bianconero con la vittoria nel derby. Successo, che nel confronto regionale per i bianconeri manca dalla stagione 2009/10, negli ultimi tre derby gli uomini di Terra si Lavoro sono sempre stati sconfitti dagli irpini. Per la formazione di Vitucci c’è il dolce ricordo del derby di ritorno vinto a Caserta la passata stagione, partita che cadde proprio a questo punto della stagione. Dopo il trionfo esterno al PalaMaggiò Green e compagni vinsero ben cinque partite consecutive conquistando i play-off con addirittura il quarto posto in classifica, ma ripetersi in questa annata pare oggettivamente molto più complicato per i biancoverdi sempre alle prese con i tanti problemi fisici dei propri giocatori e con un calendario complicato.