Capo d’Orlando esce fra gli applausi, Milano va sul 3-1 e vola in semifinale

L’EA7 Milano sbanca per la seconda volta in tre giorni il PalaFantozzi e vola in semifinale chiudendo 3-1 la serie contro Capo d’Orlando.

E’ stata una gara-4 meno equilibrata delle altre: Milano ha preso subito il largo ed ha condotto per tutta la partita contro una Betaland che ha dato l’impressione di non averne più a livello fisico.

Grande merito però va a Milano, che nelle due partite a Capo d’Orlando ha dimostrato di essere tornata mentalmente dentro i playoff e, soprattutto in attacco, ha ripreso la giusta continuità.

Con un Archie in più, recuperato in extremis dallo staff medico, Capo d’Orlando scende in campo con la stessa voglia di vincere e di stupire mostrata nelle tre gare precedenti, ma questa volta fa più fatica a trovare la via del canestro in attacco, sbagliando qualche appoggio comodo o, in alcune occasioni, qualche tiro da tre aperto.

Milano allora ne approfitta e scava un solco già nel primo quarto andando in vantaggio in doppia cifra e controllando fino alla sirena del primo tempo. Poi, una timida rimonta, porta i padroni di casa dal -21 fino al -8, ma Macvan spegne ogni tentativo di riaprire definitivamente la partita con un jumper da due punti ed una tripla che chiude la partita.

Ottimi spunti per coach Repesa, che ha finalmente ritrovato un uomo chiave, Macvan appunto, e si è affidato alla regia di Cinciarini, uno di quelli che ha sempre messo l’anima, per mettere ordine in attacco. Con pazienza e determinazione, Milano è riuscita a venir fuori da una serie che era cominciata a diventare complicata, e dal secondo tempo di gara 3 in poi ha messo in chiaro le cose ricordando a tutti di essere la squadra campione in carica.

Capo d’Orlando esce a testa altissima, avendo dato tutto, dopo una stagione estremamente positiva: da tutti indicata come candidata alla retrocessione, ha presto stupito l’Italia intera fino a conquistare la qualificazione per le Final Eight, la salvezza con largo anticipo ed infine il sogno playoff giocando contro una corazzata come Milano; il punto più alto lo ha raggiunto vincendo anche gara 1 dei quarti al Forum. Stasera l’eliminazione, ma resta comunque una stagione da applausi.

 

BasketItaly.it MVP: Milan Macvan. 15 punti, 3/4 da due, 3/4 da tre, 6 rimbalzi.

 

 

Betaland Capo d’Orlando – EA7 Emporio Armani Milano 62-77 (12-24, 31-45, 49-65)

 

Capo d’Orlando: Galipò n.e., Tepic 7, Iannuzzi 8, Laquintana 2, Nicevic, Kikowski 6, Delas 5, Diener 4, Donda n.e., Ivanovic 6, Archie 15, Berzins 9. Allenatore: Di Carlo.

Milano: McLean 8, Fontecchio, Hickman 10, Kalnietis 4, Raduljica 8, Macvan 15, Pascolo 12, Tarczewski n.e., Cinciarini 6, Abass 3, Cerella n.e., Simon 11. Allenatore: Repesa.

 

Tiri da due: Capo d’Orlando 21/43, 49% ; Milano 24/37, 65%

Tiri da tre: Capo d’Orlando 5/27, 19% ; Milano 6/21, 29%

Tiri liberi: Capo d’Orlando 5/10, 50% ; Milano 11/14, 79% %

Rimbalzi: Capo d’Orlando 46 (29 dif. ; 17 off.) ; Milano 32 (29 dif. ; 3 off.)

Assist: Capo d’Orlando 14 ; Milano 20.