Capo d’Orlando vuole continuare la corsa ai play off. La Juvecaserta affronta un momento difficile

Coach Di Carlo - Capo d'Orlando L’Orlandina alla ricerca di punti importantissimi per continuare la corsa play-off, si appresta ad ospitare una Juvecaserta alle prese con grane societarie ed una serie di sconfitte che ha fiondato la Pasta Reggia, in piena sfida salvezza.

QUI CAPO D’ORLANDO – E’ un coach Di Carlo che vuole assolutamente conquistare la vittoria, per proseguire la striscia positiva della Betaland e chiama a raccolta il proprio pubblico.

Queste le parole nella consueta conferenza pre-match:”È una bella opportunità per concentrarci solo su noi stessi. Dobbiamo provare ad incidere sulla nostra prestazione, sulla nostra determinazione.

Domenica alle 20.15 dovremo avere 28 punti in classifica ed essere più vicini al traguardo dei playoff. Come abbiamo fatto l’anno scorso, anche quest’anno ci piace andare per gradi. Adesso il primo obiettivo sono i playoff.

Per noi raggiungere i playoff significa realizzare un sogno, raccogliere i frutti di un anno di lavoro con l’idea di continuare a crescere e a migliorare. La partita contro Caserta ci offre questa opportunità, per questo motivo è una partita delicata. I nostri successi sono stati sempre frutto dell’unità tra squadra, club, ambiente, noi domenica dobbiamo essere tutti insieme, compatti e carichi di energia per arrivare domenica sera a 28 punti. Voglio fare un appello a chi verrà al palazzetto: “Siate carichi a palla”. Avere tutto l’ambiente che ci sostiene è determinante in questo momento della stagione.

Poi possiamo parlare di tutto quello che vogliamo, ma senza i due punti di domenica non abbiamo fatto niente. Non so esattamente che margini di miglioramento ha questa squadra. Io so che questa squadra ha potenzialità e margini di crescita. È un mix di veterani e giovani, vedere i progressi di Stojanovic e Laquintana, ma anche Iannuzzi ad esempio, ci fa ben sperare e ci indica che il lavoro è stato fatto con profitto. Il mio compito è spingere questa squadra a credere sempre di più in se stessa. Dobbiamo rispettare i nostri avversari e dare in campo tutto quello che abbiamo in corpo. Mi ero fissato dei piccoli traguardi in questa stagione.

Vincere 5 delle prime 10 partite, poi arrivare alle final eight, dopo le prime venti partite ci giochiamo i playoff, iniziamo la terza parte di stagione con 2 vittorie su 2. Ora c’è Caserta, i nostri successi al PalaFantozzi sono stati importantissimi in questa stagione, i due punti che dovremo conquistare domenica sono fondamentali. Ringrazio chi viene sempre al palazzetto, dall’altra parte, guardando avanti, mi piacerebbe creare l’humus per quello che sarà il domani.  Ci sarà tempo e modo di affrontare questi ragionamento.

Mi aspetto domenica grande entusiasmo, grande pubblico, questa settimana siamo andati in diverse scuole, il pubblico giovane è quello al quale ci rivolgiamo, l’energia dei giovani in questo momento ci serve per accendere ancora di più il palazzetto per lottare contro Caserta. Per quanto riguarda il mercato Peppe è collegato con tutto il pianeta terra, prenderemo il miglior giocatore possibile in base alle nostre possibilità. Cerchiamo di stare coi piedi per terra, il nostro obiettivo oggi è vincere contro Caserta”.

QUI CASERTA – Una settimana non facile quella vissuta a Caserta, dopo la conferma di coach Dell’Agnello avvenuta Lunedì, si è scatenata una vera e propria bufera nella città della Reggia. L’addio in settimana di Edgar Sosa è stato seguito da una serie di botta e risposta che sta tenendo tutt’ora banco sui social. Infatti a presunti mancati pagamenti denunciati su Instagram dalla guardia Dominicana hanno avuto seguito ulteriori post sui social di altri ex giocatori della Juvecaserta che hanno apertamente comunicato di essere in attesa di vecchi pagamenti.

E’ sicuro il rientro di Joshua Bostic, per la Pasta Reggia una eventuale sconfitta in terra sicula può significare essere risucchiati nel pieno della lotta salvezza. Le parole di coach Dell’Agnello: “Andiamo a giocare a Capo d Orlando con una fisionomia ancora diversa contro una squadra che sta facendo benissimo. Siamo molto felici per il rientro di Bostic, un giocatore fondamentale per i nostri equilibri sia tecnici che emotivi come ha più volte dimostrato. Allo stesso tempo con l’uscita di Sosa ci verrà a mancare un terminale offensivo importante. Sono certo che il gruppo, come sempre, si prenderà le sue responsabilità e reagirà di conseguenza. Una vittoria  sarebbe certamente il toccasana per porre fine a una settimana tribolata e quindi daremo il centodieci per cento per ottenere i due punti.”

LA CHIAVE TATTICA – Il capitano Marco Giuri sarà chiamato agli straordinari essendo l’unico playmaker di ruolo rimasto alla Juvecaserta. La Betaland può fare pieno affidamento ad un cecchino come Drake Diener ed in chiave di regia a due giocatori con molto fosforo come Ivanovic e Laquintana. L’Orlandina può vincere la partita dal perimetro.