Brescia-Reggio Emilia, l’inaspettato testa-coda

La 6ª giornata di Serie A propone domenica a mezzogiorno la sfida fra Germani Brescia e Grissin Bon Reggio Emilia. Al PalaGeorge si affrontano la capolista (in coabitazione con Venezia) e l’ultima della classe (assieme a Brindisi): la Leonessa è ancora imbattuta, gli emiliani sono invece in cerca del primo successo in campionato.

QUI BRESCIA
Coach Diana recupera Lee Moore dopo la contusione al ginocchio patita a Brindisi, mentre l’unico in dubbio del roster è Andrea Traini per un problema muscolare non ancora risolto completamente. Il tecnico della Leonessa vuole continuare a far sognare i tifosi dopo le cinque vittorie consecutive e commenta lucidamente alla vigilia: «L’errore più grande che potremmo fare è quello di guardare la classifica e pensare che sarà una partita facile. Mi aspetto una partita molto dura, Reggio Emilia arriverà a Brescia determinata per provare a vincere la partita. Noi giochiamo in casa e vogliamo imporre il nostro il nostro gioco e la nostra aggressività, stiamo lavorando per riuscire a giocare un’altra partita di livello come abbiamo fatto nelle 5 gare precedenti. Mi aspetto un PalaGeorge esaurito, carico di entusiasmo e pronto a spingere la squadra a raggiungere un’altra vittoria. Saremmo la prima squadra di Brescia capace di vincere le prime sei partite di un campionato di Serie A».

QUI REGGIO EMILIA
Dopo il k.o. casalingo in Eurocup con Gerusalemme, la Grissin Bon riparte da Brescia per cancellare lo 0-5 in Serie A che al momento relega la truppa emiliana sul fondo della classifica assieme a Brindisi. In settimana è arrivata la doccia fredda Nevels: la guardia americana dovrà stare ferma due mesi per un problema alla caviglia: a questo punto è scontato l’intervento sul mercato alla ricerca di un play/guardia e un lungo da aggiungere per sopperire anche all’assenza di Cervi, il cui rientro è previsto non prima di gennaio. «Ci aspetta un mezzogiorno di fuoco in casa della capolista – ha sottolineato coach Menetti alla vigilia della trasferta lombarda – Proveremo a fare del nostro meglio, dando spazio anche ai giovani Cipolla e Bonacini. Dobbiamo migliorare la qualità delle palle perse, senza crollare nei momenti di maggiore difficoltà: abbiamo lavorato per migliorare il ritmo individuale dei giocatori. Brescia ha cambiato poco dalla scorsa stagione e questo è sicuramente un vantaggio: Vitali è il suo faro, Landry, Hunt e Moss sono altri clienti molto scomodi da tenere d’occhio».

PRECEDENTI
Sono 10 i precedenti tra Brescia e Reggio Emilia: perfetto equilibrio con 5 successi a testa. Al PalaGeorge i biancoblu si sono imposti tre volte su cinque, l’ultima nel novembre 2016 per 93-88 interrompendo la striscia di 7 vittorie consecutive di Della Valle e compagni.