Brescia non vuole perdere il treno per i Playoff, Varese ha intenzione di continuare la strada verso le zone sicure

eric maynor, varese

Nel posticipo dell’ottava giornata del girone di ritorno di Serie A si affrontano la Germani Basket Brescia e la OpenjobMetis Varese. La squadra di coach Diana si trova in una migliore posizione in classifica, a soli due punti dalla zona Playoff, grazie anche a un’ottimo girone d’andata; Caja e i suoi uomini invece si trovano qualche posizione più in basso, con 4 punti di margine sull’ultima in classifica. Ad attraversare un momento più positivo sembra però essere la OpenjobMetis, vedremo dunque se Brescia tornerà alla vittoria casalinga mantenendo il distacco sui biancorossi o se Varese continuerà la sua striscia di vittorie. L’appuntamento è fissato alle ore 20:45 al PalaGeorge, con diretta su Rai Sport HD.

Qui Brescia – La Germani ha rallentato la sua corsa nelle ultime settimane, subendo 3 KO nelle ultime 4 uscite. L’ultima sconfitta è arrivata in casa contro Brindisi, decisivi sono stati l’ultimo parziale di 17-25 e più in generale i 91 punti subiti. Per Vitali e compagni si presenta subito l’occasione di rifarsi tra le mura amiche, anche perché una vittoria servirebbe per non perdere il treno che porta ai Playoff. Saranno dunque necessarie un’altra buona prova di Moore (22 con Brindisi) e il ritorno ai massimi livelli di Landry, oltre all’apporto importante dei leader Vitali, Moss e Burns. Nel prepartita coach Diana ha parlato così degli avversari e della sfida: “Varese l’ho trovata di recente una squadra molto diversa rispetto alla gara di novembre, probabilmente il fatto di giocare una sola volta a settimana ha facilitato loro il compito a livello di energia. Quella che mettono ora sul parquet non è la stessa che si vedeva quando giocavano tre volte a settimana. Poi l’inserimento di Johnson ha dato qualità, mentre mi ha stupito molto la crescita di Anosike. Varese sta improntando la sua crescita sulle caratteristiche del suo allenatore, con una difesa aggressiva e tanta energia. Temo poi particolarmente il pacchetto delle guardie, Maynor, Johnson ed anche Eyenga, così come i due lunghi Pelle ed Anosike. Noi dovremo cercare di ovviare alle carenze di natura fisica impostando una partita tattica per compensare il nostro impatto fisico minore”.

Qui Varese –  In questa stagione la OpenjobMetis non era mai riuscita a ottenere due successi in fila, dunque le tre vittorie consecutive conquistate dai biancorossi sono un grande segnale di ripresa e di validità del gruppo. L’ultima vittoria con Pesaro, arrivata grazie ad un secondo tempo giocato di squadra in attacco e con grinta difensiva, ha permesso di passare avanti proprio alla Conultinvest e di allungare su Cremona. La sfida con Brescia presenta dunque la possibilità di fare un altro passo verso la zona più sicura della classifica, dato anche l’impegno proibitivo della Vanoli sul campo di Milano. L’obiettivo sarà raggiungibile se Johnson, Anosike, Maynor ed Eyenga riusciranno ad andare ancora tutti e 4 in doppia cifra, ma soprattutto se riusciranno a far girare la palla con fiducia come fatto nelle ultime gare. Coach Caja ne è consapevole e si è concentrato molto sul suo gruppo in conferenza, dopo aver parlato degli avversari: “Brescia è una squadra che, nonostante la “flessione” avuta nelle ultime uscite, nasconde moltissime insidie anche grazie ad un roster costruito bene e che segue delle precise gerarchie. Un gruppo diretto splendidamente da coach Diana, allenatore molto “tattico” che sa leggere bene le partite. Per poter avere la meglio dovremo fare una gara di grande fisicità ed aggressività, cercando di fare la nostra pallacanestro senza snaturare troppo il nostro gioco. Se ci fermiamo a pensare ai loro tatticismi, rischiamo di cadere nella loro trappola così come hanno fatto altre squadre prima di noi nel corso della stagione. Il nostro atteggiamento? Non è mai stato da “ultima squadra in classifica”. Certo è che vincere ti aiuta a rischiare di più in determinati momenti. Ora abbiamo intrapreso la strada giusta; dobbiamo continuare così, perché far passi indietro sarebbe davvero un peccato”.

Chiave tattica – Come sottolineato da Diana la Germani dovrà fare attenzione all’importante impatto fisico delle ali e dei lunghi biancorossi, in particolare di Anosike, che sta attraversando un grande momento di forma. Dall’altra parte invece sarà fondamentale limitare il gioco di Brescia dalla sua origine, vale a dire le mani di Luca Vitali, uno dei migliori playmaker del campionato e secondo miglior assistman con 7.3 di media. Interessante sarà poi la sfida tra le guardie Johnson e Moore, da cui ci si aspettano parecchi punti.