Biella-Caserta: i biellesi non possono già fallire, casertani tra le polemiche

Per la terza giornata del massimo campionato italiano di basket domenica sera alle 18:15 si affronteranno sul parquet di Biella i padroni di casa dell’Angelico ed i campani della Juvecaserta. La squadra di casa è ancora all’asciutto di vittorie per aver perso all’esordio sull’ostico campo di Sassari, e nel precedente turno contro la Scavolini Banca Marche Pesaro.

Fatale per gli uomini di Cancellieri è stata la seconda frazione di gioco, quando hanno subito nel quarto un parziale di 7-27,che li ha messi ko ed ha reso vano il tentativo di rimonta finale. La squadra bianconera di coach Pino Sacripanti nello scorso turno ha conquistato il primo successo stagionale battendo la Vanoli Braga Cremona per 63-60. I campani sono stati bravi nel corso della partita a rimontare lo svantaggio in doppia cifra subito nel primo quarto di gioco. La partita mette di fronte, due squadre, che in questo stagione sono partite con lo stesso obiettivo quello di raggiungere la salvezza, cioè evitare l’ultima posizione in classifica che significherebbe retrocedere. Domani sera, seppure, ci troveremo solamente alla terza giornata di campionato la partita può essere considerata uno scontro salvezza. I padroni di casa dell’Angelico avranno una maggiore pressione psicologica perché non potranno fallire il secondo appuntamento consecutivo casalingo dopo la sconfitta contro Pesaro, mentre Caserta sotto questo punto di vista può giocare più tranquilla grazie il successo ottenuto Domenica contro un’altra diretta concorrente per la salvezza quale Cremona. Nonostante la vittoria nell’ultimo turno in campionato la squadra bianconera non ha trascorso una settimana serena in campo e fuori. Dal punto di vista del campo perché è tornato nuovamente ad essere fortemente indiziato di taglio il play americano Nic Wise. Il regista, proveniente dal campionato francese, più volte in quest’estate è stato sull’orlo del taglio per via delle non ottimali condizioni fisiche, ma in questi giorni che la situazione sembrava essersi stabilizzata anche in considerazione del fatto che Wise ha deciso di modificare il proprio contratto, invece sono tornati a soffiare nuovamente forti venti di taglio sul capo del play americano. In città il nome più ricorrente come eventuale sostituto è quello del play Brian Chase, che già tre settimane fa sembrava vicinissimo a sostituire Wise, poi non se ne fece più nulla. Fuori dal campo, invece, hanno creato un po’ di malumore tra i tifosi le dichiarazioni del presidente Gervasio, che lamentava il fatto che la squadra fosse ancora priva oltre del main sponsor, anche di quello secondario, e del fatto che il pubblico nonostante i prezzi rivisti al ribasso degli abbonamenti non abbia ben risposto all’iniziativa messa in atto(circa 1200 gli abbonati). I tifosi hanno voluto intendere nel messaggio del presidente un nuovo grido di allarme come quelli dell’anno passato, e quindi è salita in citta la preoccupazione, che anche quest’anno la squadra faccia fatica economicamente a portare avanti tutta la stagione. In merito a ciò la società con una nota ufficiale nella giornata di ieri ha voluto chiarire che non ci sono problemi nel portare al termine la stagione, e lo sfogo del presidente era diretto agli imprenditori in primis, e successivamente ai tifosi che sono rimasti insensibili al progetto societario bianconero. In casa Angelico, invece, la settimana è stata dedicata al recupero degli infortunati. Il capitano Matteo Soragna, assente in questo inizio campionato, per uno sfortunato infortunio alla spalla sinistra  dopo essersi operato ed aver recuperato dall’operazione alla spalla destra, continuerà a rimanere fuori, mentre lo staff tecnico biellese conta di recuperare l’ala-pivot greca, classe 1992, Chrysikipoulos, ma la decisione se schierare o meno il giocatore sarà presa solo nelle ore precedenti alla gara. Coach Cancellieri si augura di rivedere lo stesso Jaramaz della gara contro  Pesaro (23 punti con 5/5 da tre per il giovane serbo), ma soprattutto vorrà vedere un diverso Russel Robinson, molto deludente nella gara contro i marchigiani con un emblematico -5 di valutazione finale. Biella parte leggermente favorita potendo contare sul fattore pubblico, ma sicuramente Caserta ha dalla parte sua un gruppo più esperto con veterani del nostro campionato come Mordente e l’ex di giornata Michelori ,e stranieri molto navigati (lo stesso Wise, la guardia Chatfield ed l’ala lituana Jonusas) rispetto alla giovane banda biellese.