Auxilium Torino scatenata: dopo Delfino e White, vicini altri colpi

Torino

Settimana febbrile in casa Auxilium Torino: in attesa dell’annuncio del rinnovo del main sponsor Fiat e di quello della scelta del Palavela come “impianto di casa” per le partite di campionato e di Eurocup (e del conseguente avvio della campagna abbonamenti), sembrano in dirittura d’arrivo diversi colpi.

Da Las Vegas la dirigenza torinese, con il placet di Larry Brown, e degli assistant coach Galbiati e Comazzi, sembra aver concluso diverse trattative oltre a quelle di Carlos Delfino e Royce White già ufficializzate negli ultimi giorni.

A quanto si apprende sarebbe poi prossimo l’ingaggio di Tekele Cotton, guardia classe ’93, con esperienza maturata in Europa con la maglia del Ludwigsburg (oltre 10 punti nell’edizione 2015-2016 dell’Eurocup e 2016-2017 della Basketball Champion’s League) ma fermo nell’ultima stagione per un grave infortunio non appena iniziata l’avventura all’Enisey Krasnoyarsk.

A Sassari si ricordano molto bene di lui, protagonista di un incredibile buzzer beater che decise il match fra la squadra sarda e quella tedesca nel novembre 2016.

Altro “candidato” è Tra Holder, il quale, uscito dal college di Arizona State (oltre 18 punti, 3 assist e 4 rimbalzi nel suo anno da senior, statistiche che lo hanno portato ad essere inserito nel primo quintetto della conference di appartenenza, la PAC 12), non è stato scelto al draft 2018 da nessuna squadra NBA ed è quindi pronto a giocarsi le proprie carte oltreoceano alla corte di coach Brown.

Infine si parla di trattativa alle fasi finali per Tony Carr, 51esima scelta nell’ultimo draft: il classe ’97 sta disputando la summer league con New Orleans rimanendo in campo oltre 25 minuti di media (oltre 7 punti): pare però difficile che possano essere essere ingaggiati tutti e tre i giocatori statunitensi, viste le simili caratteristiche tecniche e fisiche, quindi fra questa rosa di nomi è probabile che uno o due andranno a ricoprire il ruolo di guardia titolare e di sesto uomo.

Se per questi nomi servirà un ulteriore approfondimento prima della scelta definitiva, l’arrivo di un altro giocatore sembra questione di ore: James McAdoo, due volte campione NBA con i Golden State Warriors, sarà con molta probabilità il centro titolare della Fiat Auxilium nella prossima stagione. Anche per lui la volontà di rilancio è altissima visto che è reduce da sole tre partite disputate in NBA nel 2017 – 2018, con i 76ers,  per poi essere “dirottato” in G-League con Delaware ( 14 partite con 8.8 punti e oltre 5 rimbalzi di media).

Da queste mosse di mercato, l’Auxilium sta tramutando in fatti le parole del coach campione NBA con i Detroit Pistons nella conferenza stampa di presentazione dello scorso giugno: sono infatti tutte “scommesse” che come tali presentano un profilo di rischio, ma Brown è uno che ama questo genere di sfide.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *