Vigilia di Pasqua al PalaDesio: Cantù per la salvezza, Pistoia per i playoff

Pre Cantù-Pistoia, Petteway, 20170415

La MIA Cantù affronterà,  alle ore 20.30, al PalaBancoDesio la The Flexx Pistoia, cercando una prova di carattere per provare a uscire da una striscia negativa che dura ormai da tre match. Discorso inverso invece per Pistoia, che arriva con grande entusiasmo in Lombardia, reduce da tre vittorie consecutive che le hanno permesso di agganciare momentaneamente l’ultimo posto utile per disputare i playoff, e non ha intenzione di fermarsi. Sono sette i precedenti tra Cantù e Pistoia, con la Flexx che si è imposta in 5 occasioni, il trend è però differente se si considerano solamente le tre gare disputate in Lombardia dove i bianco- blu hanno conquistato 2 successi. Sono ben tre  gli ex della gara di questa sera: David Cournooh ha iniziato la stagione proprio con la formazione toscana, l’ala statunitense JaJuan Johnson ha fatto il suo esordio in Italia con Pistoia nel 2013/2014 e infine lo statunitense Michael Jenkins, ha invece debuttato in Serie A nel 2013/2014 con la Pallacanestro Cantù. La partita verrà trasmessa in differita martedì 18 aprile alle ore 22.30 da Milanow (canale 191 del digitale terrestre).

QUI CANTU’. Coach Recalcati non avrà a disposizione per la gara interna l’esterno Alex Acker, che nell’ultima partita ad Avellino ha riportato una lesione muscolare. Verrà invece molto probabilmente inserito a referto il lungo sloveno Uros Slokar. Queste le parole del coach della MIA nella consueta conferenza pre-match:“Credo che conosciate la nostra situazione fisica e quindi mi concentrerei sulla gara di domenica. E’ una partita da vincere perché siamo in un momento della stagione in cui abbiamo bisogno di due punti. A parte Acker dovremmo avere a disposizione tutti i giocatori, compreso Uros Slokar. Abbiamo tempo fino a sabato sera per decidere se schierarlo a referto e quindi, se non ci saranno altre defezioni che ci costringeranno a ragionamenti diversi, Uros sarà in campo e sono certo che sarà utile alla nostra causa. Mi attendo una bella cornice di pubblico e un ambiente caldo conoscendo anche la rivalità che esiste tra le due tifoserie.” Sull’importanza di conquistare i due punti ha continuato così: “Noi abbiamo bisogno di un successo per metterci in anticipo in una situazione di sicurezza senza dover attendere i risultati altrui. Ci manca da troppo tempo la vittoria: tre sconfitte possono sembrare poche, però sono tantissime e soprattutto coprono un arco temporale ampio. Questo genera un po’ di frustrazione e ti fa perdere fiducia in ciò su cui stai lavorando. Abbiamo mille motivi per voler aggiudicarci questa sfida e il più importante è che ci darebbe la possibilità di chiudere questa stagione e iniziare a pensare al futuro.”

QUI PISTOIA. Gli uomini di coach Vincenzo Esposito nell’ultimo mese sono sull’onda dell’entusiasmo, collezionando una striscia di tre vittorie consecutive (tra cui quella interna contro la capolista EA7 Emporio Armani Milano) e attualmente si trovano all’ottavo posto solitario in classifica a quota 26 punti in piena corsa dunque per la qualificazione ai playoff. Rispetto alla gara di andata il roster della Flexx è variato, Pistoia ha sostituito la guardia americana Chris Roberts con il suo connazionale Michael Jenkins e rinunciato all’esterno David Cournooh, passato proprio alla MIA. Queste le parole del coach Esposito davanti ai giornalisti:”Arriviamo alla partita con Cantù dopo una settimana fatta a buon ritmo -afferma Esposito- con la giusta intensità e concentrazione. Ho visto i ragazzi ovviamente molto sereni, viste le tre vittorie consecutive da cui siamo reduci, ma anche estremamente motivati e determinati. Questo è un aspetto che ci tengo a sottolineare e che mi riempie di orgoglio: nonostante aver centrato con larghissimo anticipo il nostro vero obiettivo stagionale, quello della salvezza, nessuno si è seduto, ma anzi vedo giorno dopo giorno che da parte della squadra è forte il desiderio di spingere ancora per provare ad arrivare di nuovo a un traguardo che sinceramente qualche mese fa pareva fuori dalla nostra portata”.