Roma sbanca Pesaro e conquista i primi due punti della stagione

Roma inaugura la stagione 2012/13 nel migliore dei modi. All’Adriatic Arena la Virtus vince 75 a 71 e conferma le buone impressioni fornite nella seconda parte di pre-season. Pesaro invece saluta il suo pubblico con una sconfitta ma con la consapevolezza che la squadra c’è e la salvezza, obiettivo dichiarato della società, è ampiamente alla portata.

Grande protagonista dell’incontro è, a sorpresa, Lorenzo D’Ercole. Il play di scuola mensanina scrive 17 punti (top-scorer dell’incontro) con un notevole 5/6 da oltre l’arco. Solita grande prestazione anche per Datome che ne mette 16 con 3/4 da due e 10/10 ai liberi. Per la Scavolini quattro uomini in doppia cifra: Traini (13), Amoroso (12), Mack e Bryan (10).

LA CRONACA.

Coach Calvani parte con Taylor, Goss, Datome, Jones e Czyz. Coach Ticchi risponde schierando Cavaliero, Hamilton, Mack, Barbour, e Crosariol, ex di turno. I padroni di casa partono forte e al 3’ vanno subito sul 9 a 2 grazie alle triple di Mack, Hamilton e Barbour inframmezzate solo da un canestro di Goss. Roma però non si dà per vinta e immediatamente accorcia sull’11 a 10 grazie alle iniziative di Goss, Jones e Datome. Pesaro è brava a mantenere il vantaggio pur avendo sempre sul collo il fiato degli ospiti; tutto ciò fino a metà secondo quarto quando i giallorossi prima toccano la parità con una schiacciata di Lawal (30-30 al 15’) e poi grazie a un 2/2 ai liberi di Datome vanno per la prima volta in vantaggio (30-32 al 16’). La Scavolini per alcuni minuti non riesce ad essere continua come ad inizio match e la Virtus ne approfitta per chiudere sul +5 (34-39) il secondo quarto.

Al ritorno dagli spogliatoi l’equilibrio non si spezza e al 25’ Roma è sempre avanti di 5 (46-51). Pesaro, nonostante sia pesantemente condizionata dai falli di Crosariol e Cavaliero, riesce a restare sempre in partita e addirittura a chiudere la terza frazione avanti di 1 (53-52 al 30’). L’ultimo periodo viene inaugurato da un 2/2 ai liberi di Dagunduro ed un canestro di Czyz che ridanno a Roma il nuovo vantaggio (53 a 56 al 32’). La Virtus però non si ferma e grazie ad una tripla di un positivissimo D’Ercole e un’ennesima schiacciata di Lawal con tiro libero aggiuntivo raggiunge anche la doppia cifra di vantaggio (55 a 65 al 35’). Nella seconda metà dell’ultima frazione la truppa di Calvani controlla senza grossi affanni e le fiammate di Amoroso nell’ultimo giro di lancette riescono solo a rendere meno ampio il divario. Il finale è 71 a 75 e i due punti li porta a casa Roma.

SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO: Traini 13, Cavaliero 8, Barbour 9, Crosariol 2, Flamini, Mack 10, Bryan 10, Amici n.e., Hamilton 7, Amoroso 12. Coach: Giampiero Ticchi.

VIRTUS ROMA: Goss 8, Jones 7, Tambone n.e., Tonolli n.e., Gorrieri n.e., D’Ercole 17, Dagunduro 4, Datome 16, Taylor 4, Lawal 9, Czyz 9, Lorant 1. Coach: Marco Calvani.

© BasketItaly.it – Riproduzione Riservata