Postpartita Virtus Roma-Montegranaro – Calvani:”L’importante era vincere”, Valli:”Qualcuno non ha capito lo spirito Sutor”

E’ un Marco Calvani felice ma non del tutto soddisfatto quello che si presenta in sala stampa. “E’ stata una partita difficile e complicata – esordisce il tecnico – e Montegranaro non merita sicuramente la posizione di classifica che ha. Non dimentichiamoci che questa Sutor è la stessa che domenica scorsa ha lottato fino al 40’ a Siena e precedentemente aveva battuto Varese”. Poi sulla partita: “Abbiamo giocato alla grande solo un quarto e mezzo. La vera Roma è quella del terzo quarto, aggressiva e capace di dettare il proprio il ritmo. Non è un caso che giocando con tenacia abbiamo raggiunto quasi venti punti di vantaggio”. Purtroppo per Calvani le note liete finiscono qui: “Dopo il terzo quarto siamo ritornati nell’oblio, perdendo palloni banali, non riuscendo mai a chiudere davvero il match, un po’ per colpa nostra, un po’ per merito degli avversari. La loro zona e il loro pressing ci hanno fatto perdere fluidità in attacco ”. Infine conclude: “L’importante era vincere e dimenticare le sconfitte casalinghe collezionate fino ad ora”.

Sull’altra sponda Valli è estremamente deluso ed amareggiato: “Ho una delle squadre più vecchie del campionato e non abbiamo avuto né l’esperienza né la lucidità di chiudere la partita. Potevamo chiudere i primi due quarti avanti di quindici punti e invece abbiamo chiuso solo sul più +4. Nel terzo quarto la partita si è incattivita e sul piano del gioco abbiamo fatto un passo indietro. Fisicamente non siamo riusciti a stare dietro Roma che ha un roster che meriterebbe di stare nei primi quattro posti della classifica”. Valli è un fiume in piena: “Forse qualcuno non ha capito qual è lo spirito Sutor, non ha capito cosa significa salvare questa squadra. Non siamo stati capaci di reagire ai momenti di difficoltà. Dovevamo aggredire dal primo all’ultimo minuto ed invece lo abbiamo fatto solo a tratti. Mi dispiace molto perché durante la settimana lavoriamo tanto ma a quanto pare non basta. Dobbiamo impegnarci di più per evitare ulteriori passi falsi”.

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata