OKC distrugge gli Spurs: è 2-1.

In Oklahoma è tutta un’altra storia. I Thunder annientano gli Spurs per 102-82 nella loro prima gara casalinga della serie e accorciano sul 2-1. La partita dura sostanzialmente un quarto: i neroargento partono forte con Parker e Step Jack e dopo il 10-4 iniziale Thunder riescono ad andare in vantaggio e chiudono sul 24-22 il primo periodo. L’inizio del secono parziale sancisce in pratica la fine della partita: i big three di Oklahoma si scatenano e, complici le brutte percentuali degli altri big three, quelli del Texas, raggiungono anche il più 15 e chiudono il primo tempo in vantaggio 54-41. Gli ultimi due quarti sono 24 minuti di garbage time tanto che i padroni di casa vanno sul +20, vantaggio che manterrano per quasi tutta la partita. Per OKC ottime prove di Durant con 22 punti e Harden con 15, ma è Sefolosha a soprendere tutti con 19 punti a referto. Gli Spurs pagano le brutte prove al tiro di Duncan e Ginobili (5-15 per il caraibico e 1/5 per il Narigon), per i texani si salvano solo Parker e Jackson con 16 punti a testa. A questo punto gara-4 rappresenta il crocevia fondamentale per i Thunder: se i ragazzi di Brooks dovessero riuscire a riportare la serie in parità allora a quel punto la maggior freschezza atletica di Durant e compagni potrebbe prevalere in una serie con tante partite, ma gli Spurs hanno dimostrato di avere molte frecce al loro arco, da Parker a Green chiunque è in grado di segnare. Probabilmente ch vincerà l’Ovest alla fine vincerà anche l’anello, ma i due di South Beach non sembrano essere particolarmente d’accordo.

 

 

(C) BasketItaly.it – Riproduzione Riservata