NBA: Utah in semifinale; Boston fa suo il primo incontro del secondo round

Paul Pierce & Chris Paul Boston
Paul Pierce (qui con Chris Paul) ha giocato la sua ultima partita prima del ritiro – Nil Alemany per BasketItaly.it

Domenica sera intensa di NBA, con il primo incontro di semifinale della East Conference che ha visto i Boston Celtics vincere in rimonta contro i Washington Wizards e l’ultima sfida dei quarti difinale della West Conference, con gli Utah Jazz capaci di espugnare il parquet dei Los Angeles Clippers in Gara 7, nella serata che ha così vissuto l’addio alla pallacanestro giocata di un mito come Paul Pierce.

Washington Wizards @ Boston Celtics 111-123

Una partita letteralmente dai due volti quella vissuta al TD Garden di Boston e che dava il via alle semifinali dei Playoffs 2016-17. Gli ospiti, infatti, sorprendevano i padroni di casa con un fulminante 16-0 in apertura, mentre Boston sbagliava i primi 8 tiri a canestro. È dovuto intervenire Isaiah Thomas a dare una scossa ai suoi con due triple, e il primo quarto si è chiuso con vantaggio visitante per 34-28 (9 punti per Marcin Gortat e 7 per John Wall). Nel secondo quarto le cose iniziavano a girare meglio per i padroni di casa, che riuscivano a ridurre lo svantaggio, fino ad andare a riposo sul 64-59 per i Wizards.

Nel terzo parziale i Celtics completavano la rimonta, grazie soprattutto a tiri aperti di Al Horford, ben imbeccato da un sempre ispiratissimo Isaiah Thomas. I Wizards, invece, dopo una prima parte estremamente prolifica, sono stati capaci di realizzare solo 16 punti in tutto il quarto, terminando il parziale sotto 80-95. I Wizards hanno provato a rientrare grazie a un parziale di 9-0 in apertura di periodo, mentre i Celtics avevano sbagliato i primi 5 canestri, ma il rientro in campo di Isaiah Thomas ridava ordine e sicurezza alla squadra di casa, che terminava vincendo e portandosi avanti 1-0 serie.

  • Boston: Isaiah Thomas (33 punti, 9 assist), Joe Crowder (24 punti, 6 rimbalzi), Al Horford (21 punti, 10 assist, 9 rimbalzi)
  • Washington: Bradley Beal (27 punti, 4 assist), John Wall (20 punti, 16 assist, 4 rimbalzi), Marcin Gortat (16 punti, 13 rimbalzi)

Utah Jazz @ Los Angeles Clippers 104-91

Mentre nella East Conference iniziavano le semifinali, nella sempre combattuta West Conference si disputava l’unica Gara 7 della serie, quella che avrebbe deciso il rivale in semifinale dei Golden State Warriors. Con Blake Griffin infortunato e i dubbi seminati negli ultimi anni dai Clippers, l’esito di questa sfida sembrava quasi segnato, e infatti la compagine di Salt Lake City ha dominato da inizio a fine, conquistando una meritata qualificacione alle semifinali.

Dopo un primo quarto terminato in parità (24-24), con i padroni di casa capaci di rimontare il primo vantaggio dei Jazz, gli ospiti hanno preso il largo nel marcatore nel secondo periodo, andando a riposo sul 46-39. I Clippers facevano fatica a trovare il canestro, mentre Utah suppliva a una pessima giornata di Rudy Gobert (1 punto e 6 falli) mandando in doppia cifra ben 7 uomini. Alla fine del terzo quarto il vantaggio visitante era lievitato fino al 79-63. La compagine californiana ha provato a ridurre lo svantaggio nell’ultimo quarto, ma senza riuscire mai veramente a impensierire gli uomini di Quin Snyder, e cadeva così nuovamente ai quarti di Conference.

Alla fine dell’incontro emotivo momento per il ritiro ufficiale dalla pallacanestro giocata di Paul Pierce. Il giocatore, che compirà 40 anni in ottobre, ha disputato 19 stagioni in NBA, 15 dei quali con i Boston Celtics, e messo a segno più di 26.000 punti.

  • Clippers: DeAndre Jordan (24 punti, 17 rimbalzi), Jamal Crawford (20 punti, 4 rimbalzi), Chris Paul (13 punti, 9 assist)
  • Utah: Gordon Hayward (26 punti, 8 rimbalzi), Derrick Favors (17 punti, 11 rimbalzi), George Hill (17 punti, 5 assist, 4 rimbalzi)