Nba – Pazzesco LeBron guida la rimonta dal -26. Bene Bucks e Memphis

Lebron James

Quello che è accaduto nella notte Nba è semplicemente pazzesco. Nonostante un primo tempo incredibile di Indiana da 74 punti (record di franchigia ai playoffs), Cleveland è riuscita a rimontare dal -25 guidata da uno strepitoso Lebron James da 41+13+12 chiudendo 119-114 per i Cavs. La più grande rimonta della storia dei Playoffs.

Farà discutere la scelta di Lue di panchinare per tutto il quarto quarto Irving e Love, lasciando spazio a una second unit guidata da nativo di Akron. Farà discutere ma la scelta è stata senza dubbio vincente.

Si chiude (quasi) la stagione di Indiana che si è mostrata troppo discontinua dopo un eccezionale primo tempo, dove ha brillato l’atletismo di Turner (micidiale schiacciata su Thompson) e il talento di PG13. A proposito, chissà quale sarà il destino di quest’ultimo…

 

Passando a Milwaukee, dominano i Bucks annullando completamente l’attacco dei Raptors. Dopo un quarto i padroni di casa toccano già il +20 guidati dai punti di Giannis e di Middleton (rispettivamente 19+8+4 per il primo e 20 con 7 assist per il secondo).

Fa strano leggere la cifra singola accanto a DeMar DeRozan, che chiude con soli 8 punti, ma le percentuali al tiro dei Raptors sono tremende e anche Lowry chiude con solo 13 punti. Il punteggio finale recita 104-77 e Toronto è chiamata alla reazione in gara 4.

 

Rialza la testa Memphis che supera gli Spurs per 105-94, riaprendo la serie. Zach Randolph torna quello dei tempi d’oro con 20 punti e 8 rimbalzi a cui si aggiunge Marc Gasol da 21 punti. Ma a risvegliarsi è Mike Conley che guida i suoi da entrambi i lati del campo. 24+8 per il leader di Memphis  e Spurs arginati con Parker e Ginobili a 0 punti.

Partita “normale” per Kawhi Leonard con 18 punti, dopo le strepitose prime due gare, e ora gli occhi sono tutti su gara 4 per capire se si è trattato di un fuoco di paglia o la serie rischia di andare davvero fino in fondo