NBA Preview: I Los Angeles Clippers attendono il canto del Gallo

Danilo Gallinari Clippers
Danilo Gallinari è pronto per la nuova avventura con i Clippers (Foto: Ufficio Stampa Italia Danilo Gallinari)

Mancano ormai pochi giorni all’inizio della stagione 2017-18 del campionato più bello ed emozionante al mondo: l’NBA. Gli occhi degli appassionati di pallacanestro italiani, oltre che sulle triple di Stephen Curry e sulle schiacciate di LeBron James, saranno puntati anche verso la California, per scoprire cosa combinerà Danilo Gallinari con i Los Angeles Clippers, una squadra con ambizioni più elevate rispetto ai Denver Nuggets e che dovrebbe esaltare le caratteristiche del miglior giocatore italiano di questa epoca.

Non vogliamo disminuire l’ottimo Marco Belinelli, per carità, ma il fatto che l’altro azzurro in NBA si sia ritrovato tra de file degli Atlanta Hawks in piena fase di ricostruzione, smorza un po’ gli entusiasmi e li concentra tutti su Danilo che, secondo quando sostenuto dal proprio giocatore in occasione del Media Day, assieme a Blake Griffin e DeAndre Jordan, formerà “il miglior frontcourt dell’NBA”.

Un’estate movimentata per i Clippers

I Los Angeles Clippers hanno cambiato molto durante quest’estate, mantenendo solo cinque giocatori che formavano parte del roster dell’anno scorso, tra cui le due assolute stelle: Blake Griffin e DeAndre Jordan. Dopo l’uscita di Chris Paul verso gli Houston Rockets, c’era chi pronosticava un futuro di ricostruzione per il franchise californiano, che invece pochi giorni dopo annunciava il rinnovo multimilionario di Griffin (132 milioni di dollari per 5 anni) e quindi le incorporazioni di Danilo Gallinari e Milos Teodosic nella free agency, segnale del desiderio di continuare a mantenersi competitivi al massimo nella sempre più complicata West Conference.

Gli altri superstiti della rivoluzione estiva sono stati la guardia Ausin Rivers, che continuerà così a giocare agli ordini di suo papà, coach Doc, il rookie scelto nel draft 2016 Brice Johnson e l’uomo di rotazione Wesley Johnson. Per il resto… Tutto nuovo! Dalla trade che ha portato Chris Paul in Texas sono arrivati parecchi giocatori intessanti: il playmaker difensivo Patrick Beverley, che avrà un ruolo importante in seno alla squadra, il sesto uomo Lou Williams, che sostituirà Jamal Crawford come realizzatore della seconda unità, e poi le giovani ali Sam Dekker e Montrezl Harrell, chiamati a scendere in campo nei momenti di riposo di Gallo e Blake. Via Draft sono arrivati Sindarius Thornwell e Jawun Evans, mentre Willie Reed e Marshall Plumlee sono stati contrattati per il ruolo di centro supplente.

DeAndre Jordan è uno dei pilastri dei Clippers – Nil Alemany (per BasketItaly)

Gallo e Milos, talento europeo di lusso

In ogni caso, le due acquisizioni che più hanno fatto parlare di sé in casa Clippers sono state ovviamente quelle di Danilo Gallinari e Milos Teodosic. Avevamo già riportato le dichiarazioni dell’azzurro e spiegato il perché di questa sua scelta, descrivendo i Los Angeles Clippers come un destino affascinante e perfetto per l’ala di Graffignana. Il franchise californiano ha voluto fortemente Danilo Gallinari: lo seguivano da anni perché avevano individuato nelle sue caratteristiche quello che mancava alla propria squadra. D’altro canto, chi aveva seguito la traiettoria dell’azzurro a Denver, sebbene il giocatore si trovasse benissimo nella Mile High City, si augurava un cambiamento per poter vedere finalmente il miglior giocatore italiano attuale lottare da protagonista in una squadra di alto livello, e i Clippers, in questo senso, rappresentano proprio la soluzione ideale.

Estremamente affascinante, inoltre, la mossa del front-office dei Clippers di contrattare Milos Teodosic: il trentenne serbo è considerato il miglior playmaker d’Europa e probabilmente il miglior giocatore europeo in attività che non aveva ancora provato ad avventurarsi oltreoceano. Dopo aver perso probabilmente il miglior playmaker NBA con la partenza di Chris Paul, prendere in squadra il miglior europeo nello stesso ruolo era probabilmente la miglior situazione possibile. Teodosic, inoltre, non sembra averci messo molto ad adattarsi al nuovo sistema di gioco, visto che durante le prime quattro sfide di preseason nelle quali ha giocato ha realizzato splendidi assist, che hanno già fatto innamorare tutto l’ambiente dei Clippers, e soprattutto DeAndre Jordan, che si vede recapitare sapientemente palloni che lo trovano smarcato e facili possibilità di realizzare.

Danilo Gallinari ha disputato solo le prime due partite amichevoli, quelle che avevano avuto luogo alle Hawaii contro i Toronto Raports (una vittoria e una sconfitta) e in occasione delle quali avevamo visto un Gallo completamentea suo agio e giocare come sa, rendendosi pericoloso da tutte le zone del campo (l’abbiamo visto schiacciare, penetrare o tirare da tre) e soprattutto attirare falli rivali per andare in lunetta spesso e volentieri: una dote per la quale l’azzurro ha sempre brillato ed è stato elogiato. Durante le ultime tre sfide l’italiano è stato mantenuto a riposo precauzionale per un fastidio al piede, ma si parla di un problema minimo, che rendeva inutile rischiare in preseason.

Tutto indica che il Gallo sarà regolarmente in campo per la opening-night della sua nuova squadra in NBA la prossima notte tra giovedì 19 e venerdì 20 ottobre, quando i Los Angeles Clippers si sfideranno ai Lakers nel sempre sentito derby cittadino e che darà il via al 2017-18 dei Clippers. In California ci si attende il canto del Gallo per continuare a volare alto in regular-season e tutti si auspicano che per migliorare i risultati nei Playoffs.

La salute di Blake Griffin sarà fondamentale per le ambizioni dei Clippers – Carlos Almenar (per BasketItaly)

Pronostico, l’importante è la salute

Realizzare un pronostico quando si parla di Danilo Gallinari e di Clippers fa pensare ovviamente agli infortuni che sia il giocatore che la squadra hanno sofferto in passato; se Gallo e il suo nuovo compagno di squadra Blake Griffin eviteranno altri spiacevoli contrattempi con l’infermeria, allora questi Los Angeles Clippers potrebbero addirittura soprendere e raggiungere le finali di Conference.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *