Alla scoperta dell’NBA Café di Barcellona

Ha inaugurato ufficialmente a Barcellona il primo NBACafé d'Europa (Foto: Laura Cristaldi, Basket Italy)
Ha inaugurato ufficialmente a Barcellona il primo NBACafé d’Europa (Foto: Laura Cristaldi, Basket Italy)

Il primo NBA Café in Eruopa ha aperto i battenti sulla Rambla di Barcellona una decina di giorni fa. In occasione degli NBA Global Games di Barcellona, con gli Oklahoma City Thunder in visita alla capitale catalana, dopo la tappa a Madrid a inizio settimana, il bar ristorante tematico è stato inaugurato ufficialmente.

NBA Café, Barcelona, 2016-10-05

Niente dell’altro mondo, per carità; immaginatevi un “Hard Rock Café” meno tetro e più luminoso e con le vetrinette guarnite di gadget delle varie squadre NBA invece che con strumenti musicali presuntamente appartenuti a stelle del rock. Menù tipicamente tex-mex, con hamburguer vari e birre piuttosto care, se comparate con gli economici prezzi spagnoli… Ma trattandosi di un NBA Café ed essendo sulla Rambla, ci puo anche stare.

Il maxi schermo quadrangolare situato sulla barra del bar non ha molto a che vedere con quelli presenti nei palazzetti americani, l’immagine è ben lontano dal full-HD e gli highlights trasmessi sono i soliti triti e ritriti che abbiamo visto mille volte (comunque sempre affascinati). La delusione maggiore è che non faranno vedere partite in diretta, neanche una, nulla del genere! Il locale, infatti, chiude in settimana a mezzanotte e nei fine settimana mezz’ora dopo, quando in Spagna la gente non ha neanche finito di cenare.

NBA Café, Barcelona, 2016-10-05

In vendita ci sono i gadaget dell’NBA Café, ma non il marchandising ufficiale NBA. Insomma, un po’ una delusione per chi si aspettava di trovare un locale che trasmettesse partite notturne in diretta (almeno dei week-end) o vendesse materiale NBA senza necessità di pagare spese di spedizione o tasse d’importazione. Comunque come catena franchising fa la sua figura, e in una città e un luogo turistico come la Rambla di Barcellona, dove transitano ogni giorni migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, sicuramente avrà il suo successo.

L’idea è esportabile e ne apriranno altri nel vecchio continente, ma in ogni caso per vedere le partite ci toccherà continuare a stare a casa nosta, accendere la TV a pagamento o il computer sperando di trovare uno streaming più o meno pirata e cercare di gioire e/o soffrire in silenzio per non svegliare mamma, papà o tutto il circondario!

4 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *