Road to Preolympic – Orfana di Mejri la Tunisia si affida a Roll

Sarà la Tunisia di Adel Tlatli la prima avversaria dell’Italia nel torneo Preolimpico di Torino. Appuntamento a domani, lunedì 4 luglio, con la palla a due prevista per le ore 21.00. Scopriamo meglio cosa ci attende nella sfida contro la formazione nordafricana:

PERCHE’ AL PREOLIMPICO – Paese dalla tradizione cestistica “povera”, la Tunisia si è riaffacciata nell’elite del basket continentale nel 2009, centrando il bronzo nel torneo africano: era infatti da 30 anni che la nazionale di Tlatli non raggiungeva un traguardo così prestigioso. Da quel momento la crescita dei nordafricani, guidati dalla stella NBA Salah Mejri (Dallas Mavericks), è stata esponenziale arrivando addirittura a centrare l’oro ad AfroBasket 2011 in Madagascar. La storica vittoria non è stata bissata poi nelle edizioni successive ma grazie al nuovo bronzo della passata stagione, la Tunisia si è guadagnata l’incredibile possibilità di partecipare al Torneo Preolimpico di Torino.

LA STELLA – Il giocatore di punta è ovviamente Salah Mejri, centro di 2.17 con esperienza NBA, ma che mancherà nella kermesse che prenderà il via domani a causa di un infortunio al ginocchio. La sua assenza sarà ovviamente pesantissima per la Tunisia, sia sotto il profilo della leadership che del contributo sul parquet. Eccellente stoppatore dal carattere “focoso” ed ottimo rimbalzista, fa ovviamente della verticalità il suo punto di forza, sfruttando adeguatamente anche le situazioni di pick and roll per concludere al ferro. Con il suo forfait a Torino toccherà al duo Makrem Ben Rhomdane e Michael Roll prendere per mano la Nazionale guidata da Adel Tlatli. Il primo è un’ala grande abile dal punto di vista offensivo e con ottime proprietà di palleggio nonostante la stazza. A dettare i tempi in cabina di regia ci sarà invece il naturalizzato Roll, play rapido e con una più che discreta mano da dietro l’arco: l’ex Ucla è approdato quest’anno al Baskonia garantendosi la rinconferma anche per la prossima stagione.

PUNTI DI FORZA E PUNTI DEBOLI – I nordafricani, per esperienza e qualità, sono ovviamente considerati la cenerentola del Gruppo B con Italia e Croazia. L’assenza di Mejri limita ulteriormente la già scarsa vena offensiva dei tunisini, abituati ad esprimere un gioco lineare e pulito che ruotava attorno al centro dei Mavericks: probabile infatti che per le due sfide di Torino vedremo una nazionale molto più perimetrale del solito, aggrappata alle percentuali dalla lunga di Roll ed El Mabrouk

LA ROSA – Questi i 12 convocati di coach Adel Tlatli

Abada (P, 189cm)
Abbassi (C, 202cm)
Ben Romdhane (AC, 204cm)
Bouzid (C, 206cm)
Braa (AC, 203cm)
Chennouffi (AP, 200cm) 
El Mabrouk (G, 185cm) 
Ghyaza (AC, 206cm)
Knioua (P, 189cm)
Lahiani (AP, 201cm)
Mouhli (PG, 190cm)
Roll (PG, 198cm)

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *