La nazionale a Sassari, inizia il cammino verso l’europeo 2013

Con la conferenza stampa al Palazzo Ducale di Sassari, è iniziata ufficialmente l’avventura della nazionale italiana guidata da Simone Pianigiani in terra sarda. Due le gare che si disputeranno al PalaSerradimigni, prima il Portogallo e poi la Turchia con in mezzo la difficile trasferta in Repubblica Ceca. Un primo trittico di gare, fondamentale per raggiungere la qualificazione, con la garanzia del calore del pubblico sassarese, che celebrerà anche la definitiva intitolazione dell’impianto di gioco a Roberta Serradimigni.

Il Palazzo Ducale in piazza del Comune ha ospitato la nutrita conferenza stampa, tante le autorità presenti, sia a livello amministrativo, sia della FIP nazionale e regionale; ha aperto la conferenza il Sindaco Ganau, che oltre ad aver

esposto il piacere di poter ospitare le gare della nazionale, ha elogiato il completamento dell’impianto di condizionamento del PalaSerradimigni, opera indispensabile per offrire il parquet Sassarese alle prestazioni della squadra di Pianigiani. Ganau ha inoltre elogiato il movimento che i risultati della Dinamo Sassari hanno creato, riguardanti il sempre più crescente avvicinamento dei giovani alla pallacanestro.
Era presente anche l’assessore regionale Sergio Milia che, come indicato da Ganau ha avuto un ruolo fondamentale per l’ottenimento dei finanziamenti che hanno permesso il completamento dell’impianto sportivo. Milia ha espresso sia i suoi ringraziamenti a Sassari per il ruolo che ha assunto all’interno della pallacanestro sarda, sia  alla nazionale, che ha dimostrato attraverso varie manifestazioni, di scegliere ogni anno da diverso tempo a questa parte, la Sardegna come luogo ideale per i propri impegni sportivi e tecnici; Milia si è anche augurato che Datome, anch’egli presente alla conferenza, possa presto indossare i colori della Dinamo.
Erano diverse le autorità istituzionali presenti, come la presidente della Provincia Giudici, che non hanno mancato di elogiare la scelta di Sassari per le partite degli azzurri e l’onore e l’orgoglio che questo ha rappresentato per tutto il movimento sardo.
Importanti anche gli interventi della FIP, a partire dal vicepresidente Vicario Gaetano Laguardia che ha ringraziato ed elogiato il lavoro svolto dalla Fip regionale, lavoro che ha visto protagonista il presidente Bruno Perra, quest’ultimo è intervenuto durante la conferenza per sottolineare da una parte  l’orgoglio per la scelta della Sardegna e di Sassari in particolare da parte della FIP, dall’altra per elogiare la presenza in maglia azzurra di due cestisti sardi, Chessa, vero padrone di casa, e Datome, e di come entrambi abbiano guadagnato questa maglia con pieno merito sportivo e per questo possono essere indicati come vero esempio per i più giovani, dato il loro coraggio di prendere delle decisioni che li hanno fatti allontanare dalla Sardegna.

 

Presente anche il presidente della Dinamo Stefano Sardara che ha elogiato il lavoro di squadra svolto dallo staff Dinamo, dalle amministrazioni pubbliche e dalla FIP, un unico movimento che vedrà nella disputa delle due gare, un premio al lavoro svolto.
Gli ospiti principali però erano i due cestisti sardi Chessa e Datome; Chessa: “Sono felice di essere qui con la nazionale, è casa mia e finalmente dopo tre anni posso giocare con il pubblico dalla mia parte, queste partite sono un premio per il lavoro che ha svolto la Dinamo e al movimento che è riuscito a creare in Sardegna, mi auguro una grossa presenza di pubblico”, Datome oltre ad aver ricordato con nostalgia lo scudetto allievi vinto dalla sua Santa Croce Olbia, ha anche analizzato il lavoro svolto e futuro della nazionale: “Sono contento del movimento che si è creato in Sardegna e del lavoro di Perra, è bello poter giocare a Sassari con il tifo dalla mia parte; noi siamo particolarmente carichi, da quando abbiamo iniziato il lavoro non vediamo l’ora di scendere in campo, il nostro obiettivo è la qualificazione e sappiamo che non sarà facile, perché una sola sconfitta può compromettere tutto il cammino”.

Ricordiamo che la formula per il prossimo europeo che si svolgerà in Slovenia vedrà come partecipanti, le prime e le seconde qualificate di ogni girone, più le 4 migliori terze, per l’Italia gli avversari saranno: Portogallo, Rep.Ceca, Turchia e Bielorussia.
Si parte il 15 Agosto con la gara inaugurale contro il Portogallo e si chiude l’8 Settembre contro la Bulgaria, appuntamento quindi al PalaSerradimigni alle 20:30 di Mercoledì in un rinfescatissimo impianto, che oltre alle due squadre ospiterà la massiccia presenza di pubblico, come da sempre è successo in terra sassarese.
La seconda gara in Sardegna sarà il 21 Agosto contro la Turchia, vera corazzata del girone, un ora prima della partita si terrà una cerimonia che prevederà la donazione di una targa commemorativa dedicata a Roberta Serradimigni, che sancirà definitivamente l’intitolazione dell’impianto di gioco alla prima vera sassarese ad aver indossato la maglia della nazionale maggiore di basket.

Per tutti gli appassionati e curiosi, l’allenamento odierno e quello di domani 14 agosto saranno aperti al pubblico, nel rispetto ovviamente delle scelte dello staff tecnico, la nazionale si allenerà anche il 15 mattina, ma in una seduta di tiro in cui non ci sarà spazio per il pubblico, ma solo per la ricerca della concentrazione per la gara e per l’analisi degli ultimi dettagli tattici.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *