Europeo U20: l’Italia asfalta la Russia ed arriva seconda nel girone

L’Italia U20 con il pass per i quarti già in tasca, sfida la Russia per piazzarsi seconda ed evitare la temibile Grecia per ora imbattuta. La partita non ha storia, con l’Italia che subito allunga e poi gestisce facilmente il vantaggio. Sugli scudi Landi con 26 punti in 23 minuti e finalmente una presenza costante in attacco, dopo un Europeo un po’ abulico ed Abass, con 18 punti e tanti voli sopra il ferro.

Quintetto “nuovo”, ma soprattutto grosso per coach Sacripanti che decide di partire con Ruzzier, Della Valle, Abass, Chillo e Cefarelli. La Nazionale parte subito forte si costruisce un ottimo margine già nel primo quarto: 24-10 con 2’30 da giocare. La squadra allenata da coach Sacripanti si presenta con un paio di voli sopra il ferro di Abass, che subito indirizzano la partita. La solita difesa press italiana produce ottimi dividendi, con la Russia che quando non perde palla si ritrova comunque in difficoltà, nonostante possa appoggiarsi al centro di 2.20 come Rogozhkin, che però si prende due stoppate assurde dai nostri coloured. Alla fine del quarto comunque gli Azzurrini sono avanti 27-13, con tutti i giocatori entrati in campo che mostrano decisamente un piglio diverso rispetto la partita di ieri. Anche Landi, finora abbastanza molle, dopo la buona prova nell’ultimo quarto di ieri, sembra essere entrato in clima Europeo. Forse entrati in campo un po’ troppo rilassati, gli Azzurri si fanno rimontare qualche punto, ma sopratutto si lasciano trasportare in un gioco frenetico che porta solo a palle perse e coach Sacripatni decide di parlarci su, a 6’24 dal termine. Il minuto non ha l’effetto sperato e l’Italia si ritrova solo a +7, punita da un piazzato di Gudamak. La partita continua ad essere frenetica, con soluzione estemporanee da una parte e dall’altra, ma due ottime penetrazioni di Abass ed Imbrò riportan l’Italia ad un sicuro +13. Per chiudere il quarto Abass vola (letteralmente) ad inchiodare il 45esimo punto italiano, con il primo tempo che finisce 45-35 per gli Azzurini. I migliori della partita sono Landi con ben 16 punti e il 50% dal campo in 13′ scarsi e Abass con 13 punti, che ha scelto di dedicarsi ai tiri ad alta percentuale, con voli sopra il ferro paurosi. La compagine nostrana è entrata in campo con lo spirito giusto e un paio di penetrazioni di Della Valle l’hanno portato sul +16, prima che una tripla di un Abass scatenato ha segnato il massimo vantaggio, 56-37. La Russia prova a rientrare ed arriva fino al -13, ma poi una tripla di Landi da 8 metri li ricaccia indietro. Ancora Landi, letteralmente scatenato, prima segna in post, poi appoggia in tap-in allo scadere e chiude il quarto sul 71-54 Italia. Il lungo della Virtus è a quota 23, miglior marcatore dell’incontro. Il vantaggio degli Azzurrini continua ad essere tra i 15 e i 19 punti di vantaggio, quando dopo 4′ minuti, si fa male Ruzzier, costretto ad uscire dal campo zoppicante, speriamo non sia nulla di grave. La partita prosegue senza particolari emozioni e finisce sul risultato si 88-70, con l’Italia che arriva seconda e giocherà i quarti venerdì, con un Laganà in più nel motore, visto che il giocatore ha confermato su twitter che ci sarà.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *