EuroBasket Gruppo C: tutto secondo copione, Pau Gasol fa storia

Pau Gasol
Pau Gasol è il massimo realizzatore della storia dell’EuroBasket – Laura Cristaldi (BasketItaly)

Ultima giornata delle partite dei gironi di qualificazione dell’EuroBasket e ultima giornata per quanto riguarda il gruppo C, un girone nel quale le cose sono andate esattamente come avevamo predetto tre settimane fa in fase di presentazione.

La strafavorita Spagna le ha vinte tutte, seguita a ruota dalla Croazia trascinata da Bojan Bogdanovic e Dario Saric. Il Montenegro ha trovato la forza nelle sue due torri Nikola Vucevic e Bojan Dubljevic e l’Ungheria di Adam Hanga ha raggiunto la qualificazione a sorpresa trascinata dal neo acquisto del Barça. La Repubblica Ceca, orfana di Vesely, è rimasta fuori nonostate un generoso Tomas Satoransky e la Romania non ha impensierito nessuno.

Diamo una rapida occhiata a come sono andati gli incontri di questa quinta giornata del gruppo.

Repubblica Ceca – Croazia 69-107

Partita con nulla in gioco e con pochissima storia. La Repubblica Ceca, già matematicamente eliminata, giocava contro la Croazia, che sapeva già che avrebbe chiuso il girone al secondo posto. I balcanici si sono divertiti annotando canestri a piacimento; Bojan Bogdanovic e Dario Saric hanno rimpinguato le proprie già generose statistiche del torneo, mentre, dall’altra parte, un demotivato Tomas Satoransky non ne metteva una. La Croazia affronterà la Russia agli ottavi.

  • Repubblica Ceca: Patrik Auda (19 punti, 5 rimbalzi), Vojtech Hruban (15 punti, 4 rimbalzi, 4 assist)
  • Croazia: Bojan Bogdanovic (25 punti, 3 rimbalzi), Dario Saric (18 punti, 10 rimbalzi, 3 assist)

Ungheria – Spagna 64-87

Altra partita con nulla in gioco, solo la storia. Un’Ungheria già storicamente agli ottavi si è permessa il lusso di far riposare Adam Hanga in vista di domenica e la Spagna, già prima del girone, ha giocato in scioltezza, a tratti forse anche troppo rilassata, rischiando addirittura un’incredibile rimonta… Ma è bastato un time-out di Sergio Scariolo per rimettere in riga i suoi. La notizia è arrivata a minuto 6.15 quando Pau Gasol, con una tripla, sorpassava Tony Parker, convertendosi nel massimo realizzatore storico dell’EuroBasket. Per il centro spagnolo 1.114 punti in competizioni continentali con la maglietta delle Furie Rosse. La Spagna affronterà agli ottavi la Turchia, mentre la Serbia sarà il rivale dell’Ungheria.

  • Ungheria: Csaba Ferencz (17 punti, 3 rimbalzi), David Vojvoda (10 punti, 3 assist)
  • Spagna: Pau Gasol (20 punti, 8 rimbalzi, 2 assist, 1 stoppata), Sergio Rodríguez (15 punti, 7 assist)

Altra notizia conosciuta in giornata: l’EuroBasket di Álex Abrines è finito. L’ala piccola dei Thunder, infatti, aveva giocato solo durante la prima sfida contro il Montenegro e poi era rimasto a riposo precauzionale per una leggera contusione al ginocchio. Il franchise di Oklahoma City è intervenuto e oggi la Federazione Spagnola ha annunciato che il giocatore è out per il resto del torneo, scatenando amarezza e anche un po’ di indignazione nell’ambiente: Abrines sembra stare bene e recuperato, ma ancora una volta è l’NBA che comanda

Montenegro – Romania 86-69

Neanche nell’incontro tra Montenegro e Romania c’era molto in gioco. I padroni di casa hanno provato a tener testa ai balcanici durante il primo quarto, ma poi non c’è stato nulla da fare: la qualità degli uomini di Tanjevic ha preso il sopravvento e la partita si è conclusa con comoda vittoria per i montenegrini, che si preparano per la sfida degli ottavi di finale contro la Lettonia. Il giocatore del Valencia Basket Bojan Dubljevic è risultato ancora una volta il migliore in campo, ben assistito da Nemanja Djurisic. Per il capitano dei rumani Andrei Mandache la soddisfazione di aver messo a segno l’unica tripla-doppia del torneo.

  • Montenegro: Bojan Dubljevic (13 punti, 9 rimbalzi), Nemanja Djurisic (14 punti, 7 rimbalzi)
  • Romania: Andrei Mandache (14 punti, 10 rimbalzi, 11 assist), Nador Kuti (18 punti, 4 assist)