Fiba Europe Cup – Venezia ai quarti di finale con leggerezza, Kormend la batte in gara 2 88-86

Qualificazione mai in discussione per l’Umana Reyer Venezia che dopo il +32 dell’andata, perde 88-86 in casa degli ungheresi dell’Egis Körmend Hivatalos e accede al turno successivo della competizione europea, nei quarti di finale gli oro-granata se la vedranno contro i russi del Nizhny Novgorod che hanno eliminato i ciprioti del Keravnos. Un match affrontato con leggerezza e tanta tranquillità dagli uomini di Walter De Raffaele che ha deciso di non schierare Michael Bramos e dare minuti a giocatori come Bolpin e Cerella poco schierati durante la stagione e far quindi girare tanto i quintetti. Buonissima partita di Stefano Tonut con 24 punti (22 nel primo tempo), 19 per Peric.

CRONACA_ Venezia senza Marquez Haynes rientrato negli USA per motivi familiari.
Un devastante primo quarto di Stefano Tonut con 13 punti personali tengono testa a un inizio pimpante degli ungheresi, De Nicolao con la tripla conduce la Reyer sul 19-24 dopo 7′, time-out Kormend. Entra Bolpin per una Reyer che continua a far male alla difesa magiara con Johnson, Biligha e Daye per il +10 prima della tripla di Marquis Wright che chiude il primo quarto sul 22-29 a favore degli oro-granata. Brutto inizio di secondo quarto per i lagunari, l’Egis con Tuoyo e un break di 8-2 torna davanti per il 33-31 al 13′, time-out di De Raffaele che vuole parlarci su. Peric porta avanti Venezia sul 37-38 al 15′, poi ancora Stefano Tonut attaccando continuamente il ferro e con una tripla riporta la Reyer avanti di 9 prima del canestro di Nemeth, 45-52 all’intervallo. 22 i punti di Stefano Tonut.
Si rientra dagli spogliatoi e due canestri di Watt contengono il +7 per Venezia al 24′ sul 49-56. Dopo un fallo tecnico fischiato a Daye, gira l’inerzia del match con il Kormend a mettere un break di 11-1 con Ferencz e Nemeth, 60-57 al 27′. Johnson impatta con la bomba, Peric mette il +4 ospite, ma i padroni di casa con un 2+1 di Horti e l’affondata solitaria di Fanning chiudono il terzo quarto sul 65-64 a favore dell’Egis Kormend. Ultimo quarto. La partita si trascina fino al termine con la Reyer già qualificata. Si innervosisce Peric dopo una stoppata irregolare secondo la terna arbitrale di Ress su un tiro di Csorvasi che porta l’Egis sul 71-69, le triple dello stesso croato e di Daye danno il +4 veneziano a 6′ dal termine, time-out Potocnik. Tonut e ancora Daye con la tripla piazzano il +5 Reyer a 2’16” dal termine, ma gli ungheresi con Marquis Wright autore di due triple consecutive ritornano avanti per l’85-84 a 35”. Jenkins dopo il time-out di De Raffaele mette il jumper del +1 Venezia a 27”4. Altro minuto di sospensione, stavolta del Kormend, e Ferencz tutto solo dall’angolo ben servito da Wright segna la tripla decisiva del +2 ungherese a meno di 3”. L’ultima possibilità Reyer è nelle mani di Tonut che però sbaglia il fade-away. 88-86 il risultato finale per l’Egis Körmend, ma ai quarti ci va la Reyer.

MVP BasketItaly.it: Marquis Wright.

Egis Körmend Hivatalos – Umana Reyer Venezia 88-86 (22-29; 45-52; 65-64)

Körmend: Davis-Smith 6, Wright 17, Ban ne, Halasz 2, Tuoyo 10, Horti 10, Fanning 15, Csorvasi 4, Marton ne, Ferencz 18, Nemeth 6, Oroszi ne. Coach: Gasper Potocnik.

Venezia: Peric 19, Johnson 8, Bramos ne, Tonut 24, Daye 7, De Nicolao 8, Jenkins 6, Bolpin, Ress, Biligha 4, Cerella 3, Watt 7. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Petar Denkovski (Macedonia), Uroš Nikolic (Serbia) e Arnis Ozols (Lettonia).

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *