Fiba Europe Cup – Novgorod con super Jelovac batte Venezia 94-90, ma è semifinale per la Reyer.

L’Umana Reyer Venezia esce sconfitta dal campo russo del Nizhny Novgorod per 94-90 nel ritorno dei quarti di finale di Fiba Europe Cup, ma complice il +10 nella partita d’andata finita 86-76 al PalaTaliercio, si qualifica per le semifinali di Fiba Europe Cup.
Primo tempo equilibrato, nessuna delle due squadre riesce mai a prendere il sopravvento ma alla fine i russi conducono di 2 grazie a una seconda incredibile frazione da 20 punti dell’ex casertano Stevan Jelovac. Al rientro in campo la Reyer prova ad allungare arrivando al +7 sul 59-66 al 26′, ma il Nizhny con una pallacanestro solida ricuce lo strappo chiudendo avanti il terzo quarto 71-70. Nel quarto periodo Venezia rimane sempre a contatto non concedendo mai la fuga alla squadra russa che solo nell’ultimo minuto allunga fino 94-90 della sirena finale, che però qualifica Venezia. Per Stevan Jelovac 38 punti e 15 rimbalzi.
L’avversaria della Reyer in semifinale uscirà dal confronto tra gli olandesi del Donar Groningen e i montenegrini del Mornar Bar.

CRONACA_ La Reyer affronta la gara di ritorno a Novgorod dei Quarti di Finale partendo dal +10 della partita d’andata e senza Michael Bramos.
Per l’Umana Reyer in quintetto Haynes, Johnson, Cerella, Daye e Watt. La schiacciata di Johnson e la tripla di Haynes danno alla Reyer il 2-5 iniziale, il Nizhny con Jelovac e il play Grigoryev risponde presente per il 12-7 al 4′. Haynes e Daye impattano sul 12 pari, poi ancora Grigoryev e Gubanov ai liberi, complice il bonus di falli già toccato dall’Umana dopo 5′, portano Novgorod sul 18-14 dopo 7′. Venezia migliora in difesa, viene chiamato antisportivo a Panin su Cerella che ai liberi realizza, Biligha è concreto in post basso e De Nicolao in penetrazione mette il 20-22 dopo 10′. Venezia sempre con un positivo De Nicolao in attacco (a parte il suo fallo sul tiro da tre di Jelovac che poi concretizza dalla lunetta) si porta sul +5 con il canestro di Tonut, 28-33 al 14′. Ma l’ex casertano Stevan Jelovac si accende con canestri in fila che spingono il team russo sul 37-33, la Reyer risponde con le triple di un ottimo Haynes e Tonut per il 37-42 al 17′, time-out Lukic. Jelovac però è letteralmente immarcabile: in un match dal ritmo forsennato, il serbo risponde colpo su colpo alla Reyer aiutando il Nizhny dopo che era sotto 43-47 con i liberi di Watt, i canestri di Strebkov e Martynov chiudono il primo tempo a favore dei russi avanti 49-47. Per Stevan Jelovac alla pausa 25 punti e 8 rimbalzi.
Si rientra in campo, la tripla di Odum porta il Nizhny sul 52-49; intanto Watt commette in pochi secondi il 3° e 4° fallo personale. Gubanov mette il 54-50 al 22′ dopo che Daye commette il 3° fallo. Ma nel momento di difficoltà, Haynes e Jenkins prendono per mano la squadra portandola sul 58-64 al 25′ con tre triple consecutive, time-out Lukic. Biligha da sotto mette il massimo vantaggio Reyer sul 59-66 ma il Nizhny rientra nel match: Jelovac, Odum e Komolov danno il sorpasso per il 69-68 al 29′, time-out De Raffaele. L’alley-oop De Nicolao per Biligha e il solito Jelovac chiudono il terzo quarto sul 71-70 a favore dei russi. Ultimo quarto. La tripla del solito Jelovac porta i russi sul 76-72 ma la Reyer, complice un fallo tecnico chiamato a Gubanov, si riporta avanti con De Nicolao e Watt per il 76-77 a 6’41” dal termine, time-out Lukic. Watt spreca ai liberi con ¼ che può costare caro, De Nicolao è ossigeno puro con il vantaggio oro-granata per l’80-82 a 3’30”. Watt esce per falli, Gubanov impatta dalla lunetta, Daye segna l’82-84 ma ancora Jelovac segna l’85-84 a 2’24” dal termine, time-out De Raffaele. De Nicolao e Haynes con ½ ai liberi a testa portano l’85-86 a 1’27”, time-out Lukic. E’ girandola di liberi e di fallo sistematico del Nizhny per riaprire la partita: dopo il canestro di Odum per il 91-87, De Nicolao fa ½ sbagliando il secondo, ma Biligha con il rimbalzo in attacco e subendo fallo da Jelovac (il suo 5° personale) chiude il discorso qualificazione con 2/2 ai liberi. La tripla di Odum consegna la vittoria per 94-90 al Nizhny, ma in semifinale di Fiba Europe Cup ci va l’Umana Reyer Venezia.

MVP BasketItaly.it: Stevan Jelovac.

Nizhny Novgorod – Umana Reyer Venezia 94-90 (20-22; 49-47; 71-70)

Novgorod: Martynov 4, Grigoryev 7, Komolov 3, Jelovac 38 e 15 rimbalzi, Zhbanov, Uzinskii 4, Gubanov 13, Popov ne, Strebkov 2, Panin, Odum 23. Coach: Zoran Lukic.

Venezia: Haynes 21, Peric, Johnson 2, Tonut 5, Daye 6, De Nicolao 17, Jenkins 9, Bolpin, Ress ne, Biligha 16, Cerella 4, Watt 10. Coach: Walter De Raffaele.

Arbitri: Panagiotis Anastopoulos (Grecia), Gintaras Vitkauskas (Lituania) e Yener Yilmaz (Turchia).

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *