Eurolega: Recap completo 2° Giornata

RECAP 2° GIORNATA EUROLEGA

Andiamo a conoscere tutti i risultati delle altre partite:

ASSECO PROKOM – UNICAJA MALAGA 75-77

Partiamo dall’anticipo di martedì con l’Unicaja Malaga che ottiene la sua prima vittoria in questa Eurolega sul campo del Asseco Prokom Gdynia, per 75-77.Gli ospiti hanno tenuto in mano la partita per gran parte dei minuti giocati ma il Prokom è passato in vantaggio a tre minuti e mezzo dalla fine. Txemi Urtasun ha dato ai suoi il vantaggio decisivo con una bomba da 3 sul 72-73 ,poi i liberi di Earl Calloway hanno messo in ghiaccio la vittoria per gli uomini di Repesa. Marcus Williams ha brillato con 18 punti e 4 assist per la squadra iberica. Txemi Urtasun ha aggiunto 14 punti e Luka Zoric ha svolto un ruolo chiave in difesa con 5 blocchi in soli 20 minuti. Per i padroni di casa da registrare un Lukasz Koszarek  positivo, con 16 punti e 8 assist e una buona perfomance di Adam Hrycaniuk sotto canestro, che ha  chiuso con 11 punti e 7 rimbalzi.

 

ALBA BERLINO – ELON CHALON 74-71

Grandissima rimonta dei tedeschi che sotto di 13 lunghezze all’inizio dell’ultima frazione di gioco, riuscivano a piazzare un parzialone di 21-2 che ribaltava totalmente le sorti del match. Protagonista assoluto della rimonta era un superbo Schaffartzik (13 punti) affiancato da un glaciale Deon Thompson che firmava con una tripla a 39’secondi dal termine, la vittoria finale. Ottima la prova nel team francese di Tchicamboud che chiudeva con 20 punti a referto.

 

LIETUVOS RYTAS – REGAL BARCELLONA 49-67

Vittoria in scioltezza quella dei blaugrana che espugnano il parquet della Siemens Arena, portandosi così sul 2-0 nel girone e rimanendo imbattuti nella competizione. Dopo i primi due quarti in sostanziale equilibrio, con i padroni di casa sempre ad inseguire, la svolta del match si aveva nel terzo quarto con un ispirato Navarro che insieme a Mickael dava il via alla fuga decisiva sul 34-45.Il lavoro dei lunghi iberici nell’ultimo quarto, (Jawai e Wallace su tutti) faceva la differenza e non permetteva più rimonte da parte del team lituano. Buona la prova di Radosevic tra i padroni di casa, con 11 punti infilati nel cestello.

PARTIZAN BELGRADO – CSKA MOSCA 71-76

E’ ancora Sonny Weems, l’uomo della provvidenza per i moscoviti di Ettore Messina. E’ lui infatti il protagonista indiscusso che permette al Cska di portare a casa la vittoria dopo un overtime in quel di Belgrado.30 punti, con un sontuoso 38 di valutazione e responsabilità pesanti prese nei momenti più importanti. In un team dove stentano ancora Aaron Jackson e Drew Nicholas, è Teodosic a tenere in mano le redini del gioco ed a fare da sparring partner principale per l’americano. Il Partizan dal canto suo disputa un gran match ed è autore di una gran rimonta tra il 2° e 3° quarto. I serbi trovano in Bogdanovic e Westermann due bocche da fuoco e un Musli dominante a rimbalzo. Delude ancora però Drew Gordon da cui ci si aspettava qualcosina in più.

 

BROSE BAMBERG – BESIKTAS ISTANBUL 71-86

Colpo esterno dei turchi, che guidati da un superlativo Jerrells regolano i tedeschi del Bamberg alla Stechert Arena. Gli ospiti sempre in vantaggio durante l’arco del match danno il colpo di frusta decisivo nel 3° quarto con un parziale di 2-16 che taglia letteralmente le gambe ai tedeschi. Principale protagonista dell’incontro  è proprio Jerrells, che chiude con 27 punti ed altissime percentuali al tiro. Ottime le perfomance anche per il centro Markota (11 punti), e per Guler(14 punti), autore di una grande partita anche a rimbalzo. Tra le fila del Bamberg c’è da segnalare l’ottima prova della guardia slovacca Gavel, che porta a casa 21 punti con una prestazione quasi immacolata al tiro.

 

KHIMKI MOSCA – REAL MADRID 86-85

Il Khimki esce vincitore da un finale emozionante  e riesce a sconfiggere il Real Madrid 86-85,ottenendo così la sua prima vittoria in Eurolega in questa stagione. Khimki che dilapida un vantaggio di 18 punti accumulato durante i primi 3° quarti, subendo uno 0-16 nel quarto quarto. Real Madrid che ha la palla della vittoria ma la spreca, con Rudy Fernandez che la perde durante il palleggio decisivo. I russi possono gioire grazie al solito Planinic e ad un solido Loncar (16 punti) che fa la voce grossa sotto le tabelle. Al Real non basta il cecchino Carroll (14 punti) e l’esperienza di Reyes e Rudy Fernandez.

EFES ISTANBUL – OLYMPIACOS PIREO 98-72

Cadono i campioni d’Europa sul campo dell’Efes Istanbul e conoscono il sapore della sconfitta per la prima volta in questa Eurolega. Magnifico l’ex Lakers, Farmar,autore di una prova di altissimo livello,25 punti e un 4/4 al tiro da 3 che piegano in due la resistenza dei greci. Olympiacos mai totalmente in partita e costretto sempre ad inseguire sin dal primo quarto conclusosi 30-13.Per i turchi da segnalare l’ottima giornata di Vujacic (15 punti) e del duo Savanovic-Erden. Nei biancorossi si salva solo Spanoulis (14 punti), con Dorsey apparso in serata negativa.

 

CAJA LABORAL – ZALGIRIS KAUNAS 71-77

E’ uno Zalgiris corsaro, quello che sbanca la Fernando Buesa Arena e guadagna una preziosa vittoria nel gruppo C.I lituani costruiscono la vittoria nell’ultimo quarto dopo essere stati comunque in vantaggio per lunga parte del match. E’ un parziale di 0-7 a spegnere definitivamente le speranze dei padroni di casa con Darden e Lafayette sugli scudi. Granitica la prova di Lavrinovic D., che domina nel pitturato e chiude con 23 di valutazione. Nei padroni di casa brillano l’esperto Nocioni e la guardia Usa, Brad Oleson autore di 13 punti.

 

OLIMPIJA LUBIANA – FENERBAHCE 75-81

Pianigiani concede il bis sulla panchina dei turchi e riesce a vincere la seconda gara di fila in questa nuova stagione di Eurolega. Vittoria costruita a cavallo tra 3 e 4° quarto con i gialloblù che migliorano esponenzialmente le loro percentuali dal perimetro e stendono così i padroni di casa sloveni. Determinante ai fini del risultato finale la prova di McCalebb, quasi perfetto nel tiro da due con un 8/9 e 17 punti messi nel cestello. Con due mani calde come Onan e Bogdanovic e il sontuoso Batiste a dettar legge sotto canestro (13 punti) per gli sloveni non c’è stato nulla da fare. Delude Waters nei padroni di casa, positivo Baynes che chiude con 14 punti.

 

ALESSANDRO LUCCI

Basketitaly.it-Riproduzione Riservata