Euroleague: Olympiacos si vendica e batte il Fener ai supplementari

Olympiacos
Un gran Georgios Printezis regalava la vittoria all’Olympiacos

Sfida di altissimo livello alla Ulker Arena di Istanbul per la settima giornata della Turkish Airlines Euroleague, con le due finaliste dello scorso anno Fenerbahce e Olympiacos che si ritrovavano faccia a faccia. I greci hanno consumato la loro vendetta battendo i campioni in carica dopo un tempo supplementare per 8390.

Avvio di partita con botta e risposta come ci si aspettava. Gigi Datome e Nicolò Melli, in campo con il quintetto iniziale, si sono resi subito protagonisti con una tripla a testa, dimostrando l’ottimo stato di forma e concentrazione. Melli, rimasto in campo più a lungo, segnava ancora, mentre dall’altra parte era Georgios Printezis a mantenere alto il profilo dei greci, che chiudevano avanti il primo quarto avanti 17-18. Il secondo parziale si apriva con un parziale di 6-0 sospinto da Melli, sia in fase di realizzazione che come assistman. James Nunnally contribuiva ad aumentare il vantaggio del Fenerbahce, mentre Jamel McLean svegliava i suoi dal torpore con una bella schiacciata. Rientrava in campo Gigi Datome e metteva a segno un bel 2+1 con la sinistra. Il Fenerbahce premeva sull’acceleratore e chiudeva la prima metà avanti 40-30.

Azzurri in campo anche in avvio di ripresa, che ha visto un ottimo Brad Wanamaker mettendo a segno punti per i padroni di casa, ma l’Olympiacos rispondeva con due triple di Brian Roberts ed altrettante schiacciate di Nikola Milutinov. Un’altra tripla di Roberts riportava i greci in partita (-4) e Zeljko Obradovic era costretto a chiedere un time-out. Una tripla di Hollin Thompson riportava in vantaggio gli ospiti sul 51-52, mentre Kostas Sloukas provava a cambiare il ritmo in campo. Ancora Roberts dai 6.75 permetteva all’Olympiacos di andare a riposo avanti 53-57.

Una tripla di Sloukas apriva gli ultimi dieci minuti, ma un 2+1 di McLean manteneva inalterate le distanze. Janis Strelnieks segnava ancora da oltre l’arco portando gli ospiti avanti 58-67. Un canestro di Nicolò Melli rompeva il parziale visitante, mentre Gigi Datome contribuiva ad aumentare l’intensità difensiva del Fenerbahce con un paio di stoppate, che di poco servivano, se i canestri dei turchi non entravano. James Nunnally ci provava con due triple consecutive, e Wanamaker ridava il -4 ai padroni di casa. Milutinov schiacciava per il +6. Due tiri liberi di Sloukas rimettevano il Fenerbahce  a -4 e Gigi Datome fissava il -2 dalla lunetta. Una clamorosa palla persa dei greci regalava l’ultimo possesso al Fenerbahce. Jan Vesely realizzava dalla lunetta, fissando il 75-75 e mandando tutti ai supplementari.

Roberts e Wanamaker mettevano a segno un botta e risposta, ma poi l’Olympiacos si portava avanti sul +4. Wanamaker riduceva dalla linea dei tiri liberi. Printezis ristabiliva le distanze, e ormai non c’era più niente da fare per i turchi, la vittoria aveva un padrone: era del l’Olympiacos.

  • Fenerbahçe: James Nunnally (22 punti, 4 rimbalzi, 4 assist), Nicolò Melli (11 punti, 3 rimbalzi, 2 stoppate), Gigi Dtome (8 punti, 4 assist, 2 stoppate)
  • Olympiacos: Georgios Printezis (18 punti, 7 rimbalzi), Brian Roberts (21 punti), Nikola Milutinov (10 punti, 5 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperi)