[VIDEO] Euroleague Final Four: il veterano Reyes spinge il Real alla Finale

Non tradisce le attese ‘el superclasico’ di Spagna in edizione europea, che vede uscire vittorioso il Real Madrid sul Barcellona per 74-67, dopo un match combattuto e ricco di cambi nell’inerzia e nel punteggio. E’ un inossidabile Felipe Reyes a firmare il successo madridista con 17 punti, 5 rimbalzi e 6 falli subiti, capace di cambiare gli equilibri in vernice nell’ultimo quarto (per il Real 16 rimbalzi offensivi, 40-36 il conto totale), quando i Blancos piazzano il parziale decisivo.

Non poteva mancare Rudy Fernandez (8 e 3/10 dal campo, ma 5 rimbalzi, 4 assist e 4 recuperi) tra i protagonisti, capace di svolgere prezioso lavoro difensivo in una serata poco brillante al tiro, come preziosi sono i mattoni portati da Llull (13, 3/6 da tre) e Rodriguez (12 e 9 assist) che chiudono la prima fuga blaugrana girando l’inerzia di un difficile primo tempo. Il Barça imposta bene la partita in avvio, prendendo il controllo del pitturato e compensando la serata problematica dal perimetro (6/22 a fronte del 7/18 Real) con un sontuoso Tomic (18, 6/7 dal campo, con 12 reb e 6 falli subiti), ma a far difetto è la qualità del movimento di palla, che produce pochi tiri aperti. E quando il centro croato cala alla distanza, il tabellone blaugrana diventa terra di conquista per i lunghi avversari, mentre gli zero punti di Navarro (9 con 3/9 dal campo) in un secondo tempo monopolizzato dalla iniziative di un ispirato Huertas (19 7/15 dal campo), affossano l’attacco di Pascual.

In cronaca. Inizio sottotono con palle perse e mani fredde da entrambe la parti. Il Barça attacca il pitturato con Tomic a guadagnare falli e liberi. Mirotic (6, 1/8 al tiro) e Suarez (6 con 2/2 da tre) sbloccano i Blancos dai 6.75, ma grazie a Navarro e Huertas i blaugrana sono avanti 11-6 a metà frazione. Il Re catalano firma il +7 col canestro più fallo, ma si segna poco, con Fernandez che trova solo 2 punti sulla rubata in contropiede. Dopo 10′ Barça avanti 18-11.

Il Real fatica ad attaccare l’area, ma Rodriguez imprime un’accelerazione al ritmo partita, usando bene il pick’n’roll. La palla gira veloce e le tre triple in fila di Llull incendiano l’attacco madridista, riportando in equilibrio lo score sul 25-24 dopo 5′. Rodriguez con la tripla dall’angolo firma il primo sorpasso, mentre il lavoro di Tomic in area tiene su i blaugrana. Il Real cresce sotto il tabellone offensivo, capitalizzando sul + 4 a nome Rudy a 2′ dal riposo. Il time out di Pascual non cambia l’inerzia, un Rodriguez on fire e Llull piantano altre due banderillas, con uno stoico Tomic (14, 7 rimbalzi e 4 falli subiti nei primi 20′) a salvare il Barça. Ma è ancora Reyes a rimbalzo d’attacco a chiudere il primo tempo sul 33-39 pro Real.

Barça primo a scuotersi nella ripresa, la tripla di Huertas fa -1, preludio alla parità a quota 42 dopo 5′. Suarez sveglia i Blancos dai 6.75, ma i catalani ritrovano efficacia in vernice con il solito Tomic. Begic (4 e 3 reb) col minimo sindacale e Rudy al ferro tengono avanti il Real di un paio di possessi, ma il sorpasso è solo rimandato alla tripla di Marcelinho del 49-48 a 1′ dall’ultimo intervallo. Finale ricco di errori reciproci, chiuso ancora dall’1vs1 del brasiliano per il +3 blaugrana con cui si entra nel quarto decisivo.

Ancora una tripla, di tabella, di un incontenibile Huertas sciocca il Real. Il Barça sale di colpi in difesa, il numero di Jasikevicius (6, 3/5 dal campo) scrive il +8 costringendo Laso al time out dopo meno di 2′. Slaughter (6 più 3 reb) e Reyes alzano il volume in vernice e con un paio di canestri a testa bloccano la fuga blaugrana, richiudendo il gap sul – 4. La difesa di Pascual perde di qualità sotto canestro e sulla rubata di Rodriguez chiusa col lay-up solitario il Real trova il pari a 63 con 4′ da giocare. Il Barça sente scivolare via il match, la maggior reattività dei Blancos porta al +6, 69-63 sul perfetto pick’n’roll tra Rudy e un inarrestabile Reyes a 2′ dalla fine. Il Real fallisce i colpi del KO, ma Lorbek (6, 3/10 al tiro e 5 reb) e Huertas non trovano il bersaglio da oltre l’arco e la rubata di Rudy a 16″ dalla fine chiude ogni discorso. Finisce 74-67 con Felipe Reyes MVP che autografa l’accesso dei suoi alla Finale di Domenica contro l’ineffabile Olympiacos di Hines e Spanoulis, capace di asfaltare la corazzata CSKA nella prima semifinale.

 

 Stefano Mocerino

© BasketItaly.it – Riproduzione riservata

 

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *