A2 Playoff – Casale dal baratro alla furente rimonta, Udine battuta di un soffio in gara-1

È probabilmente il quarto di finale più incerto di questi playoff di A2, quello fra Casale e Udine. Gara-1 ci tiene a confermare immediatamente questa supposizione, consegnando al pubblico presente al Palaferraris una partita a ritmi elevati e palpitante dal primo all’ultimo secondo di gioco. Udine la indirizza in un primo tempo di gioco spumeggiante e dai mille ribaltamenti di campo, che ha il suo punto esclamativo nelle folate di un imprendibile Dykes e in una pressione sugli esterni casalesi che frutta il tremendo 0/13 dei padroni di casa nel tiro da 3. La squadra di Lardo ha infinite arme, sotto canestro con Mortellaro e Pellegrino rintuzza bene il buon rientro di Marcius e manda in confusione Cattapan, presto autore di tre falli e mai realmente incisivo. La G.S.A. scappa con un’infilata di tre triple che spezza l’equilibrio e scaglia gli ospiti a un primo netto vantaggio all’avvicinarsi della sirena, un +12 che diventa appena un +10 allo scoccare della pausa lunga. Solo Martinoni, già 14 punti a metà, si oppone alle folate udinesi. Un predominio che arriva quasi alla condanna in avvio di terzo periodo, quando al primo canestro di Sanders si contrappone immediatamente una serie di contropiede letali, per un massimo vantaggio di 14 lunghezze diretta conseguenza del gioco espresso in campo. Bastano pochi attimi, però, perché l’inerzia si blocchi e infine si riversi a favore dei rossoblu. Dal 36-50, la Junior si rilancia con una tripla di Tomassini e due rabbiose schiacciate di Sanders e Marcius, per un 47-52 che riapre completamente i giochi. Udine tiene la rotta fino allo scoccare della terza sirena (54-60), ma nel quarto parziale il 9-0 confezionato in sequenza da Blizzard, Severini e Denegri porta al primo sorpasso interno. Si accende abbacinante la stella del giovane in prestito da Pistoia, in trance agonistica su entrambi i lati del campo. Prima cancella i lunghi in maglia nera, quindi guida all’allungo i compagni. La Novipiù tocca il +5 (73-68), lo 0/2 di Tomassini ai liberi libera ottimismo nel quintetto avversario e allora Mortellaro e Raspino ricuciono al -2. Nei roventi minuti finali, Tomassini e Sanders inanellano i liberi della quasi-sicurezza (80-74 con 45” da giocare), Dykes ha troppo talento per non tentare il miracolo, e quasi ci riesce; 2/3 ai liberi e un tiro immediato da rimessa danno il -1, a poco più di 2” dal termine. Basta un 1/2 di Blizzard ai liberi per mettere la parola fine sull’83-81. Tra due giorni di nuovo in campo e, per quello che si è visto stasera, potrà accadere veramente di tutto.

Novipiù Casale Monferrato – G.S.A. Udine 83-81 (15-18, 16-23, 23-19, 29-21)

Novipiù Casale Monferrato: jamarr Sanders 17 (4/10, 1/3), Niccolò Martinoni 16 (8/11, 0/1), Luca Severini 15 (2/2, 3/7), Giovanni Tomassini 11 (2/6, 1/1), Brett alan Blizzard 10 (3/5, 1/4), Aleksandar Marcius 8 (4/5, 0/0), Simone Bellan 3 (1/2, 0/0), Davide Denegri 3 (0/2, 1/6), Riccardo Cattapan 0 (0/0, 0/0), Fabio Valentini 0 (0/0, 0/3), Federico Banchero 0 (0/0, 0/0), Alberto Ielmini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 21 – Rimbalzi: 31 10 + 21 (Aleksandar Marcius 9) – Assist: 23 ( jamarr Sanders 7)

G.S.A. Udine: Kyndall Dykes 23 (5/10, 3/5), Troy Caupain 15 (4/8, 1/4), Francesco Pellegrino 12 (6/8, 0/1), Chris Mortellaro 10 (4/5, 0/0), Tommaso Raspino 10 (1/3, 2/4), Andrea Benevelli 5 (1/1, 1/3), Mauro Pinton 3 (0/0, 1/5), Franko Bushati 3 (0/1, 1/3), Vittorio Nobile 0 (0/0, 0/0), Michele Ferrari 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 16 – Rimbalzi: 33 7 + 26 (Francesco Pellegrino 7) – Assist: 18 (Kyndall Dykes 6)

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *