A2 Ovest – E’ già la Junior di Sanders, Siena battuta per la prima volta

Se c’era un buco nelle precedenti Junior di Ramondino, era quello nel ruolo del realizzatore di professione: quello che segna 20 punti o giù di lì a partita, in qualsiasi condizione si trovi. Un difetto che pare essere stato colmato con l’arrivo della guardia ex Trento Jamarr Sanders. Qualche acciacco l’aveva frenato la scorsa stagione dopo l’addio al Trentino, la prima giornata di campionato ci dice che, salute permettendo, farà lustrare gli occhi (o preoccupare, a seconda dei punti di vista) per i mesi a venire. I suoi 30 punti, distribuiti in modo equanime e nei momenti giusti del match, consentono a Casale di battere per la prima volta nella sua storia la rinnovata e ambiziosa Siena – prima sei sconfitte, tra A e A2 – squadra arrivata bellicosa in Monferrato e che ha retto comunque bene il confronto, facendo intravedere buone potenzialità di crescita. Ebanks (23+8 rimbalzi), seppure leggermente limitato per falli nel secondo tempo, ha mostrato una parte della sua classe, tenendo in piedi la baracca quando Casale ha provato a scappare, riuscendoci definitivamente negli ultimi 5’. Fin lì sostanziale equilibrio, con i rossoblu di casa che passavano a condurre nel secondo quarto dopo aver subito la migliore precisione al tiro degli ospiti per tutto il primo periodo. Siena arrivava al massimo al +5, senza abusare dell’estro degli americani ma distribuendo bene le responsabilità tra tutti gli elementi entrati sul parquet. Ancora sugli scudi, come nel successo esterno dello scorso campionato, Giovanni Vildera, che pur non ripetendo la prestazione-monstre della stagione 2016-17 andava subito a fare la voce grossa sotto le plance (chiuderà con 10+7 rimbalzi). Il sorpasso arrivava quando all’immarcabile Sanders si univano il sempiterno Blizzard (15) e Tomassini (12); appena il gioco iniziava a trovare sbocchi sul perimetro e la difesa si stringeva, giovandosi delle lunghe leve del giovane centro Cattapan, la Junior poteva mettere la testa avanti. Inerzia che proseguiva nel terzo parziale, quando Casale approdava al +8 (57-49), con la Soundreff che comunque non sbandava mai e rimaneva a contatto. All’inizio dell’ultimo periodo, complici i minuti di riposo concessi a Sanders, i senesi davano l’idea di poter riazzannare la preda. Bastava l’ingresso della guardia americana di casa e una sua raffica di tiri da tre per respingere ogni offensiva, mentre in difesa la Junior si metteva a non concedere più nulla, trascinata dall’indomito Severini. Blizzard con una tripla in punta scoccava la freccia mortale del 72-60, poi gli uomini di Ramondino potevano agevolmente controllare fino alla sirena conclusiva.

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO – SOUNDREEF MENS SANA SIENA: 76-66 (21-22; 42-40; 59-53)

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: Ielmini ne, Banchero ne, Nicora ne, Denegri 2, Tomassini 11, Valentini ne, Blizzard 15, Martinoni 12, Severini 6, Cattapan, Bellan, Sanders 30. All. Ramondino

SOUNDREEF MENS SANA SIENA: Masciarelli ne, Ebanks 23, Casella 2, Cepic ne, Borsato 4, Vildera 10, Simonovic 9, Sandri 2, Saccaggi, Ceccarelli ne, Lestini 6, Turner 10. All. Griccioli

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *