Veroli ritira la maglia di Martin Colussi e attende una Trento in cerca di vittoria

Prima Veroli – Aquila Basket Trento sarà questo l’antipasto della terza giornata del campionato EuroBet di LegaDue in diretta televisiva su RaiSport 2 alle 20:45. Partita che avrà un sapore speciale al di là del risultato e delle prestazioni messe in campo dalle sue squadre in quanto la società di patron Zeppieri s’impegnerà nel ritiro della casacca numero 21 dello scomparso Martin Colussi e donazione della stessa al papà di Martin, Guido Colussi.

La Prima Veroli, del professor Franco Marcelletti, arriva a questa partita con la bella e ampia vittoria sul campo dell Aget Service Imola, tornata finalmente in patria dopo un esilio durato più di un decennio, per 68-81 grazie alla prova di uno strepitoso Erwing Walker, autore di 29 punti (6/6 da 3) e 5 assist. Una vittoria che, seppur solo alla seconda giornata di campionato, era quasi indispensabile per prendere una bella boccata d’ossigeno considerato l’avvio di stagione decisamente deficitario con la doppia sconfitta, in favore dei cugini della FMC Ferentino, agli ottavi di finale di Coppa Italia e alla prima di campionato contro la FulgorLibertas Forlì. Una Veroli che, nella partita contro Imola, ha dimostrato notevoli passi in avanti nel gioco ma che ancora non può contare sul migliore Jimmy Lee Hunter, alle prese con il completo recupero della forma. I ciociari si troveranno di fronte la neopromossa Aquila Basket Trento. La squadra di coach Buscaglia viene da un percorso decisamente diverso e, nonostante ancora un triste “zero” in classifica, ha messo in campo una qualità di gioco superiore a quella dei giallorossi. L’Aquila, come si diceva, è reduce da due sconfitte consecutive in campionato maturate contro due big del nostro campionato. La prima in casa contro la micidiale Sigma Barcellona di Troy Bell e la seconda sul campo della Givova Scafati. In entrambe le uscite i bianconeri sono stati in controllo della partita per poi subire il prepotente rientro dei più attrezzati avversari con Barcellona capace di una rimonta negli ultimi minuti e con una Scafati capace di vincere all’ultimo secondo con una prodezza da tre punti di D’Wayne Mays sulla sirena. Trento si presenterà a Veroli con l’intenzione di approfittare di questo momento, non ancora al top, della formazione di coach Marcelletti puntando soprattutto sulle motivazioni che un ex del calibro di BJ Elder (12.6 punti di media e 3.1 rimbalzi in 31’) si porta dietro.

Le dichiarazioni dei due coach
Coach
Marcelletti fa il punto di una Veroli in costruzione:  “Sicuramente abbiamo fatto dei buoni progressi sul piano della mentalità sul piano della coesione, sul piano dell’impatto difensivo che c’è stato nel primo quarto e poi durante la partita. La strada da percorrere è ancora lunga ma dobbiamo lavorare ancora tanto. Dobbiamo progredire nell’avere un’intensità costante per 40 minuti, dobbiamo migliorare sull’aspetto difensivo e avere più variabili in attacco. Trento è un’ottima squadra che domenica scorsa ha perso per un tiro da 20 metri all’ultimo secondo. Altrimenti staremo già a parlare di una sorpresa. Ha una coppia d’italiani esperti come Garri e Dordei che sono lunghi atipici, una buona coppia di americani. E’ una squadra tosta come tutte quelle di Legadue. Cercavo un playmaker veloce che oltre a costruire sapesse anche finalizzare. Walker rispetto a Jhonson è un po’ meno play deve fare dei progressi nella gestione di alcune situazioni. Lui ha un buon atteggiamento perché è un ragazzo che ha l’umiltà giusta e ha la voglia di stare ad ascoltare. Credo che ci potrà dare una mano. La mentalità difensiva e di squadra che lo scorso anno avevano acquisito ad Ostuni”.

Coach Buscaglia da parte sua, fa l’analisi della situazione:  “Dobbiamo mantenere continuità e crescere di condizione e identità. Questo, oltre all’esperienza, ci aiuterà in tutti i momenti della partita. Ovviamente ora cercheremo di mettere quel qualcosa in più per arrivare anche ai due punti, persi per vari episodi. Veroli è un’altra big di un inizio campionato di livello e contro squadre molto attrezzate. Questo è un modo importante di entrare in stagione, che ci fa comprendere la durezza del campionato. A Veroli troviamo una squadra lunga, fisica, di potenziale, e contro di loro sarà importante non far trovare loro il ritmo e la pericolosità dei loro giocatori, a volte bidimensionale. Ora ai miei ragazzi chiedo  continuità sulle cose buone, perché questa è la base che poi ci permette di migliorare dove dobbiamo, in attacco e difesa, di essere lunghi come squadra, e di avere da tutti, come sta avvenendo, un sempre migliore contributo. Le prime 7-8 partite fanno entrare nei meccanismi, tattici e mentali, compattano tecnicamente il gruppo, e permettono di costruire le fondamenta della stagione e dei suoi obiettivi”

Arbitreranno la gara i signori Denis Quarta di Torino, Mauro Moretti di Marsciano (Perugia) e Enrico Boscolo di Chioggia.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata