Settimana decisiva per il Nuovo Napoli Basket,Napoli è ancora viva!

La prossima sarà una settimana di passione per il Nuovo Napoli Basket in attesa che venga discusso il ricorso contro l’esclusione al campionato di Legadue. Nonostante tutto sembra remare contro si continua lavorare ininterrottamente per far si che la verità possa venire a galla e che giustizia sia fatta. Ma c’è già una certezza , anche in caso in verdetto negativo Napoli è viva e continuerà a lottare.

 Questa volta , a differenza dei recenti fallimenti, tutti hanno fatto la propria parte senza risparmiarsi. Un gruppo dirigenziale che seppur dimissionario ha continuato a lavorare giorno e notte riuscendo a coinvolgere un imprenditore entusiasta come Maurizio Balbi in grado di tirare fuori in un tempo brevissimo una cifra consistente in una città dove spesso i fatti hanno lasciato il campo alle chiacchiere  . Una squadra  composta da veri uomini i quali proprio non ne vogliono sapere di concludere anzitempo l’esperienza partenopea nonostante molti di loro abbiano richieste anche al piano superiore.  Dei tifosi indomabili che si sono autotassati per dare una segnale alla nuova proprietà , che hanno deciso  (come ha dichiarato il Club dei Tifosi) di rinunciare all’abbonamento per poter contribuire pagando il biglietto ad ogni impegno casalingo oppure  che non hanno desistito quando c’erano da fare migliaia di km pure di essere a Cefalu’ per tifare Napoli (come gli ultras della Banda Alcolica).Come non apprezzare e sottolineare il sostegno delle Istituzioni Comunali con il sindaco Luigi De Magistris in prima linea per difendere il basket. Non è questo che più dovrebbe interessare ad un Fip lungimirante e assennata piuttosto che continuare la caccia alle streghe per un eventuale e presunto ritardo di pagamento di una cartella? La nuova proprietà continuando con i ricorsi reclamando con forza un posto in Legadue non dimostra che forse c’e veramente un progetto serio alle spalle? Questa volta non è Napoli a perdere il basket ma è  l’intero movimento che rischia di lasciarsi sfuggire una piazza che è tornata a mostrare la partecipazione , la passione  e la dignità dei tempi migliori. Si spera che il Tnas quanto prima,  scevro dalle pressioni dei “poteri forti” possa restituire la Legadue a Napoli, a tutta Napoli. Se ciò non dovesse accadere, questa volta Napoli sarà caduta a testa alta, anzi altissima!