Scafati passeggia su Piacenza e raggiunge la testa della classifica

La Givova Scafati nell’anticipo televisivo della quinta giornata di ritorno del campionato di Legadue travolge la Morpho Piacenza per 89-71, e raggiunge momentaneamente in testa alla classifica Reggio Emilia e Pistoia a quota 24 punti.

La squadra campana conferma la sua imbattibilità interna stagionale con la decima vittoria interna in altrettante gare disputate tra le mura amiche del Palamangano, e ribadisce la propria imbattibilità anche nel girone di ritorno con la quarta vittoria consecutiva. Nell’altra metà campo invece un’arrendevole Piacenza ha mostrato sin dalle prime battute dell’incontro il fianco ad una formazione campana che ha avuto come al solito un approccio alla gara casalinga molto aggressivo in difesa con ritmi altissimi in attacco. La Morpho in evidente affanno nell’ultimo periodo di campionato con la sconfitta odierna arriva alla quarta sconfitta consecutiva, la quinta nelle ultime sei gare. Per i padroni di casa ottima prova  di squadra, e come al solito il miglior realizzatore in serata è stato Marigney.

 

Scafati parte subito fortissimo ed allunga subito sul 8-0 al 3’ costringendo ad un immediato time out il coach piacentino Corbani,  che aveva cercato di limitare l’attacco dei padroni di casa con una difesa a zona dalla prima azione difensiva. All’uscita del minuto di sospensione le cose non migliorano per la formazione piacentina che concede tante penetrazioni facili al ferro ai padroni e finisce sotto di 14 lunghezze dopo appena cinque minuti di gioco (16-2). Piacenza prova a reagire realizzando tre bombe in fila con Voskuil, Infante e Simoncelli e cerca di riportarsi in linea di galleggiamento (23-13 al 7’). Il primo quarto va in archivio con la Givova in vantaggio sul 30-18. L’inizio della seconda frazione si apre con due bombe in fila realizzate da Juan Marcos Casini, e Scafati vola sul +21 (39-18 al 13’). I padroni di casa hanno cifre dalla lunga distanza da sballo, mentre i piacentini non ne imbroccano una giusta né in attacco né in difesa, così i gialloblù raggiungono addirittura il +30 di vantaggio sul 54-24 al 17’. Si va all’intervallo lungo con una bomba di Mats Levin con la quale la Givova doppia gli ospiti nel punteggio al tabellone (64-32 al 20’). Ad inizio ripresa la Givova arriva addirittura sul +38 (70-32 al 22’), poi i padroni di casa si rilassano allentano la pressione e Piacenza con una bomba di Casella si riporta sul -26 (74-48 al 29’). Prima della sirena del terzo quarto Ghiacci con due liberi fissa il punteggio sul 76-48 al 30’. Il quarto finale si apre con Scafati che raggiunge nuovamente il trentello di vantaggio (82-52 al 33’), poi la Givova alza definitivamente il piede dell’acceleratore, così i biancorossi tornano sotto le 20 lunghezze di svantaggio (84-65 al 38’).

Givova Scafat-Morpho Piacenza 89-71 (30-18, 64-32, 76-48)

Givova Scafati: Levin 13, Marigney 19, Radulovic 10 , Rosignoli 7, Thomas 9, Ghiacci 9, Casini 8, Sorrentino 7, Gueye 7

Morpho Piacenza: Passera 4, Voskuil 17, Infante 9, Harrison 6, D. Anderson 4, R.  Amoroso 8, Casella 5, Perego 4, Simoncelli 13