S.Antimo manca il blitz ad Ostuni, la salvezza è appesa ad un filo

Al PalaPentassuglia di Brindisi la Domotecnica Ostuni batte l’Igea Sant’Antimo con il punteggio di 75-69 al termine di una partita nella quale i napoletani non hanno mai mostrato la stessa cattiveria e intensità vista nella partita della settimana scorsa contro Barcellona. Il basket semplice ed elementare del prof. Franco Marcelletti si è dimostrato ancora una volta determinante contro un gioco di Sant’Antimo troppo confusionario. La situazione per quanto riguarda la lotta salvezza si fa davvero complicata per i napoletani che, non essendo riusciti a rispondere a tono alla vittoria di Forlì, si trovano nuovamente rosicchiati in ultima posizione trovandosi obbligati a vincere le prossime due partite sperando, al contempo, in una sconfitta di Forlì e Bologna impegnate, rispettivamente, a Pistoia e a Brindisi. In casa Ostuni, la vittoria ha contribuito ad alimentare il sogno playoff (piuttosto remoto) mentre Sant’Antimo dovrà immediatamente voltare pagina per dedicarsi interamente alla preparazione della prossima gara interna contro Piacenza.

Avvio in equilibrio con le due formazioni che non riescono ad imporre un ritmo veloce alla partita. Jurevicus e Klobucar aprono le marcature con la complicità di una latitante difesa napoletana. Al 3’ minuto la tripla di Troy Bell impatta a quota 4. Johnson ispira e la Domotecnica tenta il primo allungo con un parziale di 6-0 ma S.Antimo, con grinta, risponde alla grande con un contro parziale di 7-0 grazie al quale trova il primo vantaggio della partita al minuto 6 (10-11). Nel finale di periodo i napoletani sprecano tanto dalla lunga distanza e Ostuni ne approfitta per allontanarsi nuovamente e chiudere il primo quarto sul 18-13. Gli ospiti tentano la zona per limitare la vena positiva della Domotecnica e la mossa di coach Di Carlo sembra portare i frutti desiderati quando, dopo un paio di palle recuperate, Bell e Rossi riportano sotto di tre punti i napoletani (23-20) al 16’. L’intensità difensiva dell’Igea dura poco e Jurevicus ne approfitta per riportare i suoi in vantaggio di nove lunghezze (29-20) ma i napoletani sono duri a morire e con nuovo parziale di 7-0 ritornano nuovamente a contatto (29-27) al 18’ costringendo Marcelletti al timeout. Le squadra andranno a riposo sul 31-27.

Al ritorno in campo la Domotecnica prova a scappare via ma il talento di Troy Bell permette a S.Antimo di restare attaccata alla partita, al 24’ il punteggio è 36-33. Di Carlo punta ancora sulla zona ma Ostuni la buca troppo facilmente, quando non ci riesce, ha il rimbalzo offensivo assicurato. I padroni di casa potrebbero dilagare eppure S.Antimo riesce a rosicchiare qualche punto grazie ai tiri liberi e il piazzato di Eliantonio rimette il risultato nuovamente in discussione (44-40) al 29’. Sul finale Ostuni incrementa il vantaggio (47-41). L’Igea arranca e Ostuni vola presto sulla doppia cifra di vantaggio al 33’ (58-45). La partita sembra in ghiaccio ma l’energia di Campbell e Rossi riportano Sant’Antimo prepotentemente in partita al 35’ (60-54). Jurevicus si scatena e inizia a segnare da tutte le parti ma Campbell non vuole saperne di mollare e con Troy Bell che inizia a fare il fenomeno Sant’Antimo ritorna sotto di tre punti a 22’’ (70-67). Johnson è infallibile dalla lunetta e S.Antimo sfrutta in malo modo l’ultimo pallone. Sulle note de “O’ Surdat Nnammurat” Ostuni batte l’Igea Sant’Antimo per 75-69.

Domotecnica Ostuni – Pall. Sant’Antimo 75-69 (18-13, 31-27, 47-41)

BasketItaly.it – Riproduzoine Riservata