Sant’Antimo: La favola continua, in DNA ci va Forlì

L’Igea Sant’Antimo espugna il PalaCattani di Faenza per 81-88 e, nonostante la vittoria di Forlì su ReggioEmilia, conquista la permanenza nel campionato di LegaDue faticando non poco. I ragazzi di coach Di Carlo hanno dovuto faticare fino alla fine per piegare l’arcigna resistenza di una mai arrendevole Imola e per conquistare, di fatto, la salvezza per la seconda volta in campionato. Un vero e proprio miracolo quello compiuto dalla società di patron Cesaro, partita con un record negativo di 0-8, e conquistato solo dopo l’ultimo minuto di gioco dell’ultima partita del campionato.

Di Carlo si affida ancora una volta a capitan Carlo Cantone in quella che è la partita più importante della stagione. Sant’Antimo, così come nella scorsa gara con Piacenza, mette subito in campo una grandissima intensità per rendere chiare quelle che sono le sue intenzioni. Il capitano detta benissimo i tempi di gioco e Campbell e Cittadini sono bravi a raccogliere le occasioni, al 5’ il punteggio arride ai napoletani 6-13. Imola cerca di bucare la difesa azzurra con il tiro da fuori di Prato ma S.Antimo è brava ad allungare il vantaggio con le penetrazioni di Cantone e i canestri del solito Bell. Al 6’ il punteggio è 9-17 e Fucà chiama TimeOut. Imola prova a sfruttare la fisicità dei suoi lunghi, Kotti e Dupree, ma gli attacchi di Sant’Antimo sono efficaci e al 9’ arriva la prima doppia cifra di vantaggio della partita (15-25). Nel secondo quarto Dupree prova a mettersi sulle spalle la squadra. Le sue penetrazioni sono una vera spina nel fianco della difesa di Sant’Antimo, al 12’ i padroni di casa tornano sotto solo di cinque lunghezze (23-28). Sant’Antimo, d’altra parte, è brava a non farsi intimorire e Kommatos scuote i suoi piazzando un canestro dalla lunga distanza. La squadra di coach Fucà trova grande fluidità in attacco e le conclusioni dalla lunga di Prato e Masoni ne sono la prova ma ci pensa un pazzesco Troy Bell a ricacciare giù l’Aget Service. Con sette punti di fila, l’americano consente ai suoi di tornare sul +10 (36-46) quando il cronometro segna diciotto minuti. Nel finale di quarto i napoletani non sono attenti a sfruttare un paio di occasioni e Imola ne approfitta per andare a riposo sul 44-50.

Quando le squadre tornano sul parquet il tema non cambia. Con Cantone che detta i tempi e con un fantascientifico Troy Bell, Sant’Antimo conferma la costante doppia cifra di vantaggio al 23’ (48-58) costringendo Fucà al timeout. Kotti prova a tenere vivi i suoi ma l’Igea risponde con Cittadini e finalmente i napoletani sfondano il muro della doppia cifra di vantaggio, arrivando a quota 14 punti (48-62) al 26’. L’Aget Service non ci sta a chiudere con una sconfitta la sua stagione e con un parziale di 7-0 ritorna sotto alla grande. Nel finale ci pensa ancora Troy Bell ad allontanare gli avversari e chiudere il quarto sul 62-68. Negli ultimi dieci minuti al PalaCattani di Faenza il clima è di quelli incandescenti. Imola si fa immediatamente sotto sempre grazie ai suoi lunghi ma l’Igea Sant’Antimo trova nel suo immenso capitano Cantone la forza di reagire e al 33’ gli ospiti tornano sopra per 66-75. I padroni di casa, però, non vogliono saperne di mollare e trovano nel gioco da tre punti di Cournooh il minimo svantaggio dall’inizio della gara per 72-75 al 35’. Sant’Antimo non si aspettava una ostilità così arcigna da parte dell’Aget Service ma a togliere le castagne dal fuoco ci pensa sempre e solo Troy Bell con una serie di canestri folli e che ridanno ai napoletani la tranquillità. Ad un minuto dalla fine il punteggio è 78-82 e nonostante una disperata pressione di Imola, Sant’Antimo riesce a portare a casa la vittoria per 81-88 guadagnandosi un’incredibile salvezza.

Aget Service Imola – Pall. Sant’Antimo 81-88 (17-26, 44-50, 62-68)

Imola: Riga, Cournooh 13, Turel 3, Masoni 13, Kotti 24, Prato 17, Bruttini ne, Whiting 0, Foiera 0, Dupree 11
S.Antimo: Cittadini 21, Campbell 19, Petrazzuoli ne, Moraschini 0, Bell 26, Rossi 0, Ianes 2, Kommatos 8, Cantone 12, Eliantonio ne.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata