PlayOff LegaDue: Brindisi, Barcellona e Scafati tengono. Veroli corsara a Pistoia

Gara 2 dei PlayOff Eurobet di LegaDue è alle spalle ma ormai tutta l’attenzione dei media è sempre più rivolta all’esito della serie tra Pistoia e Veroli. Mentre, infatti, Brindisi, Barcellona e Scafati continuano senza problemi a portare a casa la vittoria dinanzi al pubblico amico (portandosi tutte sul 2-0) l’unica serie che si trova in situazione di parità è quella tra Pistoia e Veroli. Ma andiamo con ordine:

Enel Brindisi – Domotecnica Ostuni 77-59 (2-0 nella serie)
Anche in questa occasione la squadra di coach Piero Bucchi non ha avuto particolari problemi a liberars della matricola Ostuni cara a Franco Marcelletti. La partenza dei padroni di casa è stata di quelle veramenti importanti e con i 28 punti messi a referti nel solo primo quarto hanno ben inteso quelle che erano le loro intenzioni. Nel secondo periodo, però, la Domotecnica ha messo in campo tanta energia e grazie ai canestri da fuori di Berti e di Sirakov è riuscita a risalire fino al 33-25 al 15′. Nonostante una visibile difficoltà nell’andare a canestro e la quasi inerme difesa sugli uomini dell’Enel, Ostuni resta attaccata alla partita mantenendo un margine di svantaggio che oscilla tra i 10 e i 15 punti. Nel finale, però, il crollo della Domotecnica è evidente e Brindisi ne approfitta per volare anche sul +22 ma i canestri allo scadere di Johnson e Berti chiudono il risultato sotto il ventello.
Brindisi: Borovnjak 15, Ndoja 14, Formenti 14;
Ostuni: Johnson 16, Diliegro 13, Rinaldi 12.

Sigma Barcellona – Morpho Basket Piacenza 79-65 (2-0 nella serie)
Nonostante il fattore campo inviolato per la Sigma Barcellona, questa serie si sta dimostrando decisamente più equilibrata della precedente. Ci sono voluti ben 5 uomini in doppia cifra a Barcellona per avere la meglio su una mai arrendevole Piacenza di un Alan Voskuil da 21 punti (5/11 da 3). Barcellona ha messo subito in campo grande intensità andando a segno con Bucci, Green e Martin ma la squadra di coach Corbani senza scomporsi troppo ha risposto ai siciliani recuperando il piccolo svantaggio e andando addirittura in vantaggio con la schiacciata di un pericoloso Anderson (9-12) all’8′. Le due squadre vogliono portare l’inerzia della gara dalla loro ma la partita continua a viaggiare sui binari dell’assoluto equilibrio anche per tutta la durata della seconda frazione con vantaggi, da una parte e dall’altra, che non superano 2/3 punti. Il primo tempo si chiude, appunto, sul 35 pari. Al ritorno in campo Piacenza sembra riuscire a mettere in campo un qualcosa in più e con le conclusioni da fuori di Voskuil e con l’atletismo di Anderson arriva a toccare anche il +7 (37-44) al 25′. Barcellona, però, inizia a martellare da fuori e le triple di Hicks, Lukauskis, Da Ros e Green ribaltano completamente la situazione al 30′ (57-51). Negli ultimi dieci minuti la Moprho sembra aver finito la benzina e la Sigma ne approfitta per allungare prepotentemente fino al +14 dopo 3′ di gioco. Gli ospiti non riusciranno più a rientrare in partita. Il punteggio finale è di 79-65.
Barcellona: Green 17, Lukauskis 10, Bucci 10, Mocavero 10, Da Ros 10;
Piacenza: Voskuil 21, Anderson 18, Infante 10.


Tesi Group Pistoia – Prima Veroli 83-84 (1-1 nella serie)

Era la serie più difficilmente inquadrabile e lo si è visto già a partire da queste due prime giornate con Pistoia, una piccola squadra che si è trovata a fare la grande, e Veroli, una grande che si è trovata a fare un campionato da piccola. Alla squadra di coach Nando  è bastata una sola gara per prendere le misure alla Tesi Group così da andare a espugnare il PalaFermi di Pistoia in gara piuttosto accesa. La partenza degli ospiti è stata subito forte costringendo i padroni di casa a rincorrere fin da subito. Qualcosa, però, intorno all’ottavo minuto sembra andare storto per gli uomini di Gentile e Pistoia ne approfitta per costruire un gap importante, grazie ai canestri di Hardy e Jones, che le consente di chiudere il primo quarto sul +12 (33-21). Con l’inizio del secondo periodo, Pistoia va subito a segno per allungare il suo vantaggio ma Veroli sembra non accusare il colpo e trova la forza per rispondere all’attacco di Pistoia in maniera impressionante. Jackson e Brkic danno il via ad una pazzesca rimonta che si conclude con la tripla, a fil di sirena, del giovane Rullo che vale addirittura il vantaggio laziale al 20′ (48-49). Nel terzo quarto Pistoia cerca il nuovo allungo, sempre grazie ad un infermabile Hardy, ma i ragazzi di Gentile sono bravi a restare in partita ed a ridurre lo svantaggio a soli sette punti quando il quarto periodo è alle porte. Veroli resta sotto per 3/4 dell’ultimo periodo ma da BJ Elder arriva la scossa. L’americano mette a referto 11 punti di fila (dei suoi 13 totali) e, subito dopo, Jackson mette i tiri liberi che valgono il vantaggio ospite (83-84) a pochi secondi dalla fine. Galanda fallisce la tripla della vittoria e Veroli impatta nella serie.
Pistoia: Hardy 25, Gurini 17, Saccaggi 12, Tavernari 11;
Veroli: Jackson 29, Elder 13, Gatto 12, Brkic 10.

Givova Scafati – Centrale del Latte Brescia 106-92 (2-0 nella serie)
I campani si portano sul 2-0 nella serie battendo largamente Brescia ma, anche questa volta, non senza patemi. La squadra di Sandro Dell’Agnello, infatti, è restata in partita per ben 20′ minuti trovandosi in vantaggio di ben 8 punti alla fine del primo parziale e sotto solo di 3 lunghezze all’intervallo per poi cadere sotto i colpi di Marigney e compagni incassando un parziale di 34-18 nel terzo intervallo. L’inizio di gara è piuttosto equilibrato anche se Brescia sembra essere decisamente più motivata rispetto ad una Givova piuttosto sprecona e molle a rimbalzo. Alla fine del primo periodo è Scafati a dover rincorrere (17-25) ma Sorrentino non riesce a dare velocità alla manovra e Brescia, con Farioli e Rombaldoni, ne approfitta per toccare la doppia cifra di vantaggio al 12′. La formidabile macchina offensiva messa in campo da Brescia inizia a perdere colpi e Scafati non si lascia di certo pregare. James, Radulovic e Marigney e in cinque minuti Scafati si riprende nuovamente il comando della gara (40-39) al 18′. Brescia risponde con Ghersetti ma le triple di Casini e Marigney mandano le squadre a riposo sul 50-47. Negli spogliatoi Griccioli deve aver detto veramente qualcosa di importante ai suoi giocatori perché al ritorno in campo la squadra padrona di casa sembra radicalmente cambiata. Canestri da ogni dove e un’intensità difensiva che blocca l’attacco ospiti, già non più brillante come ad inizio gara. Al 26′ la Givova tocca la doppia cifra di vantaggio (71-61) e al 32′ Brescia sprofonda sotto un pesante -22 (90-68). Gli uomini di coach Dell’Agnello giocano un positivo ultimo periodo (vincendolo per 22-27) ma è ormai troppo tardi. Scafati si aggiudica Gara 2 per 106-92.
Scafati: Marigney 23, Casini 17, Radulovic 16, Ghiacci 14 e Thomas 14;
Brescia: Thompson 17, Ghersetti 16, Rezzano 15, Goldwire 13.

PROGRAMMA PER LA 3.a GIORNATA DEI PLAYOFF
Le squadre sono già pronte per tornare in campo. A sfidarsi, già da questa sera, sono le squadre della parte sinistra del tabellone mentre le altre si daranno battaglia Martedì 15. Ecco il programma:
Domotecnica Ostuni – Enel Brindisi (13/05 ore 18:15 – Diretta Tv su E’ Tv)
Morpho Piacenza – Sigma Barcellona (13/05 ore 20:30 – Diretta Tv su Rai Sport 2)
Prima Veroli – Tesi Group Pistoia (15/05 ore 20:45)
Centrale Latte Brescia – Givova Scafati (15/05 ore 20:45)

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata