Playoff Adecco Gold – Verona, coach Ramagli: “Complimenti ai miei, persone vere!”

Ramagli-Verona

«L’energia ha fatto la differenza. Noi stasera ne avevamo di più  e abbiamo giocato la pallacanestro che c’è più congeniale». Così Alessandro Ramagli, capo allenatore della Tezenis Verona, in sala stampa al termine della vittoria 99-89 contro l’Upea Capo d’Orlando valevole per gara-3 della serie per le semifinali dei playoff di Lega Adecco Gold. «Rispetto alle due partite in Sicilia – ha proseguito Ramagli abbiamo segnato da fuori con più continuità, riuscendo a vanificare la difesa molto efficace che loro hanno fatto della loro area. Stasera sono venuti fuori meglio i nostri tiratori e abbiamo giocato con più intensità. In questo modo abbiamo vinto la partita secondo le nostre abitudini tecniche. Adesso è importante azzerare tutto e pensare che fra due giorni saremo ancora qua a giocarci la possibilità di toglierci ancora una volta da una situazione in cui siamo con le spalle al muro e di riportare la serie a Capo d’Orlando. La gestione della fatica? Non è merito mio, ma dei giocatori. Lo avevo detto anche alla vigilia della serie con Veroli, sono loro i veri protagonisti, soprattutto nei playoff. Ero assolutamente convinto che i miei ragazzi avrebbero risposto in questo modo da un punto di vista emotivo, morale e tecnico. Questa squadra quando si è trovata in difficoltà ha sempre risposto in questo modo facendo emergere questo tipo di qualità. Sono persone vere, che ci tengono. Sarebbe ingeneroso non sottolinearlo e non fare loro i complimenti. Hanno meritato davvero l’applauso di tutto il pubblico presente stasera, ancora una volta molto numeroso. I tifosi hanno confermato di sapersi affezionare a chi spende fino all’ultima goccia di energia per la maglia che porta addosso. Gara-4? Non dobbiamo commettere l’errore di pensare che sabato possa essere una partita più semplice. Una serie di playoff è composta da cinque partite, non è una partita divisa in cinque pezzi. Ogni gara fa stora a sè e tutte possono essere molto diverse l’una dall’altra. Sarà un’altra partita e solo quando inizierà potremo capire di che tipo. Per lo stesso motivo la vittoria di stasera non serviva a riscattare gara-2. Bisognava vincere perchè eravamo con le spalle al muro. In una serie ci sta che una gara possa andare male. Quello che è sicuro è che anche sabato non avremo alternative e anche sabato daremo questa risposta. Se riuscissimo a riportare la serie in Sicilia saremmo felicissimi, ma l’importante è uscire dal palazzetto senza nessun rammarico per quello che daremo sul campo».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *