In esclusiva per i nostri lettori: Il professore Franco Marcelletti

Ieri sera la nostra redazione al termine della gara amichevole tra Napoli-Veroli ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva il neo tecnico dei ciociari Franco Marcelletti.

Il “professore”, l’anno passato reduce dall’esperienza di Ostuni, quest’anno è sbarcato in terra ciociara portandosi dietro una discreta truppa di ex Ostuni (NDR Rossetti, Berti, Jurevicus, Carenza, Rinaldi), così abbiamo chiesto al coach quali sono gli obiettivi per la sua nuova avventura in quel di Veroli: “L’idea di portare con me un gruppo di giocatori con i quali ho lavorato già l’anno scorso nasce dal fatto che c’è tra di noi una conoscenza reciproca, si conoscono i metodi di allenamento, e ciò ti può fare acquistare del tempo sulla tabella di marcia del nostro lavoro. Però va detto, che,  comunque i quattro quinti del quintetto (NDR il play Walker, l’ala Hunter, i lunghi Bruttini ed Infante) è composto giocatori che per la prima volta giocano insieme, quindi ci vorrà del tempo per trovare le giuste chimiche ed affiatamento in campo. Dal punto di vista del gioco, la cosa fondamentale sarà partire da una difesa forte, poi il gioco in attacco verrà di conseguenza: ci saranno momenti della partita in cui dovremo spingere in contropiede, altri nei quali sarà più consigliabile giocare ad un ritmo controllato. Per quanto riguarda gli obiettivi, adesso è sempre difficile fare pronostici, bisogna dire che quest’anno Veroli parte con un budget ridotto rispetto agli anni passati, ma posso dire a priori che l’obiettivo che deve seguire la mia squadra è quello di raggiungere i play-off”.

Proprio per quanto riguarda i pronostici vediamo quali sono le squadre che il coach, scudettato nel 1991 con la sua Caserta, accredita come favorite nel prossimo campionato di Legadue: “Le squadre sulla carta che sembrano essere superiori sono Barcellona, Verona, Scafati, Casale, ma ripeto come già detto prima è il campo che deve confermare la forza di una squadra, adesso si possono fare solo difficili previsioni. Il campionato è tutta altra cosa, bisogna tener conto di tante componenti come gli infortuni per esempio, ma anche del mercato in corso della stagione, come insegna l’acquisto l’anno scorso da parte di Brindisi di Gibson, giocatore che ha fatto fare il salto di qualità alla squadra brindisina per la promozione nei play-off”.

Alla fine, però, il coach è sicuro che anche l’anno prossimo il campionato di Legadue sarà avvincente e spettacolare: “Il campionato di Legadue nel corso degli anni ha sempre riservato sorprese, il campionato che ci appresteremo a vivere sarà equilibratissimo, e come al solito metterà  in evidenza la tattica, ed l’abilità degli staff tecnici nel preparare le proprie squadre”.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata