Barcellona vs Ferentino: sfida di livello in attacco, unico risultato nel ‘Palazzo’ ritrovato

Tutto è pronto per la prima sfida al ‘Palalberti’ della nuova stagione di Legadue 2012-13, di scena si affronteranno Barcellona contro la  neo-promossa Ferentino degli ex coach Franco Gramenzi e del play della stagione della promozione ‘Ciccio’ Guarino. La Sigma viene da un inizio di stagione non particolarmente brillante, in classifica la squadra di coach Perdichizzi è ferma a 2 punti

(dopo l’esclusione di Napoli dal torneo e l’annullamento della gara con i partenopei), e soprattutto le due sconfitte di fila ad opera di Forlì a Cefalù e di sabato scorso a Verona mettono in guardia i giallorossi in vista del match casalingo dove il roster potrà finalmente sentire il calore del proprio Palazzo. Davanti troverà un avversario non facile come sembrerebbe in apparenza per una matricola, il team di coach Gramenzi è stato ben allestito in fase di pre-campionato, lo score dei punti è uguale a Barcellona con soli 2 punti, ma la causa è data anche da un calendario assai difficile per i laziali che arrivano da una sconfitta in Coppa Italia ad opera di Pistoia (73-82). Mentre la Sigma, in settimana ha fatto sua la prima gara dei quarti di Coppa contro Trento per 83-86, grazie agli ottimi Callahan 19 punti e 5 rimbalzi, Sanders 14 e 7 rimbalzi, Bell 14 e 5 assist. Egregio anche l’apporto del capitano Bucci con 9 punti e Giuri 8 rimbalzi totali, il play italiano è stato schierato titolare contro i trentini a causa di uno stop precauzionale per Taurean Green. Uscito malconcio Cittadini che risulta in dubbio in vista di Ferentino. La prima gara ufficiale al ‘Palalberti’ si preannuncia piena di insidie per la Sigma del presidente Bonina che deve fare i conti con una matricola dotata di ottimi elementi come i due americani James e Ekperigin, oltre alla guardia El Amin e il veterano Righetti. Andando ad analizzare il roster laziale che si presenta domani sera a Barcellona, palla a due ore 18,15, della scalata alla Legadue dello scorso anno sono stati riconfermati il play titolare Guarino, Carrizo e Pongetti, il più pericoloso è l’ex regista giallorosso: grandi qualità in fase di impostazione nel gioco d’attacco, egregio tiratore ed anche in penetrazione diventa difficile da tenere. Ferentino può contare su Muhammad El Amin, buona guardia americana ancora in fase di ‘rodaggio’ dotato di ottime qualità offensive; l’esperto Alex Righetti, buon tiratore e ottimo ‘rimbalzista’ nei due lati del campo. Sugli esterni le alternative sono molto valide: l’under play Giovanni Tommasini, buona fisicità e utile in fase difensiva; la guardia Giacomo Gurini, autore l’anno scorso di una grande stagione a Pistoia e tra i migliori in questo inizio di torneo; e la guardia-ala riconfermata Manuel Carrizo, per lui si preannuncia un minutaggio ristretto, ma elemento di ottime qualità soprattutto al tiro da fuori arco. Nel reparto lunghi Ferentino può contare sul duo ‘colored’ composto da Delroy James e Laureance Ekperigin: per il primo alcune difficoltà in questo avvio di stagione dopo l’ottima pre-season, risulta essere un ‘4’ di talento al tiro e solidità fronte a canestro; il secondo è il giocatore rivelazione di questo primo quarto di campionato, questi i numeri per Ekperigin, (18 punti di media, 11 rimbalzi a gara ed uno straordinario 28,3 di valutazione). Infine completano il roster gli altri due buoni pivot, Luca Pongetti e Francesco Basei, per loro il minutaggio è di circa 10 minuti con lo scopo di dare fiato ai titolari, utili in fase di difensiva e nei rimbalzi. Barcellona-Ferentino è un match che si preannuncia dal punteggio elevato,  due squadre tra le prime nella classifica di punti realizzati ma entrambe da rivedere in difesa, anche se il roster laziale ha messo in luce degli aggiustamenti in questa fase nell’ultima gara contro Forlì. La Sigma, dal proprio canto, ha un roster di primo livello soprattutto in fase offensiva su tutti Troy Bell, primo nella classifica marcatori con 22 punti circa di media, e Graig Callahan al terzo con 20, in un team in cui non spicca ancora il play titolare Green, tenuto a riposo mercoledi. Bene l’altro passaportato georgiano Melvin Sanders a Trento con 14 punti e 7 rimbalzi, ma da lui come dagli altri ci sia aspetta molto più attenzione e grinta in fase difensiva rispetto alle altre uscite. E in conferenza stampa pre-gara, il patron giallorosso Immacolato Bonina alla vigilia della gara contro Ferentino ha affermato che: “I due turni di squalifica che abbiamo scontato a Cefalù hanno sottolineato quanto questa città e i propri tifosi sono vicini alla squadra. Purtroppo non siamo riusciti a battere Forlì e di questo mi dispiace”. Inoltre fiducioso ha aggiunto: “Il roster è di alto livello e sono certo possa regalare ciò che tutti si aspettano. Risulta presto dare giudizi, dalla nostra abbiamo tanto tempo e anche un tecnico che sa cosa fare e come lavorare – ha sottolineato Bonina -. Rispetto al passato vedo gente motivata e desiderosa di correre. Non voglio guardare indietro, ma da questo punto di vista questo gruppo è totalmente diverso rispetto al precedente”.

BasketItaly.it – Riproduzione Riservata