A2 Ovest – Siena, il mercato prende forma: ufficiali Marino, Poletti e Radonjic. Campanella vice coach

Si sta completando giorno dopo giorno il puzzle del roster della Mens Sana Basket, che quest’estate riparte da 0 a caccia di riscatto dopo l’ultimo tempestoso anno. La proprietà, ancora alle prese con qualche noia economica e burocratica (si parte da -3 per la ben nota vicenda della sesta rata federale saldata in ritardo) ha scelto di affidarsi nuovamente al ds Marruganti e a coach Moretti, che stanno costruendo la squadra partendo dal fondamentale asse play pivot, formato dai neo acquisti Tommaso Marino, che ha salutato Treviglio, e Mitchell Poletti, ultima stagione a metà tra Roma e Verona. Esperienza, personalità e muscoli assicurati. Il terzo acquisto ufficiale è quello di Todor Radonjic, Guardia/Ala di 196 cm per 90 chilogrammi, montenegrino di nascita (1/4/1997), ma italiano per la Fip, che ha militato lo scorso anno a Tortona.

Come cambio di Marino, le trattative coinvolgono Caroti, in uscita da Reggio Calabria e il prodotto delle giovanili di Venezia, Visconti. Sotto canestro si pensa a Francesco Ihedioha e sopratutto a Jess Perry, ultima stagione in maglia Trapani. Come guardia, circolano voci sul possibile ritorno di Kt Harrell, che già nel 2017 vestì senza troppo successo la casacca senese e non ha fatto faville nemmeno in Belgio nell’ultimo anno.

Novità anche nello staff tecnico. Il vice di Moretti sarà Federico Campanella, ex Montecatini e Cecina già assistente del capo coach mensanino a Livorno nel 2006. Campanella è vecchia conoscenza in casa Siena, avendo vinto da allenatore delle giovanili i titoli under 17 e 19, successi che gli hanno permesso di entrare stabilmente nello staff di Simone Pianigiani. Sostituisce Matteo Mecacci, che cercherà fortuna come capo allenatore altrove. Fronte società, la famiglia Macchi azionista di maggioranza della società, ha dichiarato di voler aumentare la ricapitalizzazione fino a 300mila euro, con la previsione di arrivare in futuro al 90% delle quote societarie. Il presidente Massimo Macchi ha avuto parole polemiche con un socio di minoranza, il Consorzio, che a suo dire non avrebbe dato tutto il sostegno richiesto: da qui i problemi di liquidità palesati.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *