A2 Ovest – Siena chiude il mercato col botto: ufficiale l’ex Lakers Devin Ebanks

devin-ebanks

La Soundreef Mens Sana Basket Siena completa il roster e ufficializza anche il secondo americano: sarà Devin Ebanks, con cui la società biancoverde comunica infatti di aver raggiunto un accordo. L’ala classe 1989, ex giocatore dei Los Angeles Lakers nel triennio 2010-2013 (con massimi di 16 minuti di impiego e 4 punti di media), newyorchese, 2.06 cm per 96 kg,  è giocatore potenzialmente devastante per la serie A2: lo scorso 24 Giugno con l’Atléticos de San Germán, nella Lega portoricana, ha realizzato 50 punti. Dopo l’esperienza Nba, alcuni anni in D-League, poi un girovagare tra leghe minori e sudamerica; fino allo scorso 27 Giugno ha giocato nel campionato “Superior Nacional”, la serie A portoricana, con la maglia dell’Atléticos de San Germán. In 20 partite ha realizzato 414 punti (20.7 di media) con il 36% da tre (18/50) e il 59% da due (135/230) oltre a 1.9 assist e 4.2 rimbalzi.

Lo manda Kobe Bryant – “È vero, ci siamo incontrati recentemente con Kobe e mi ha confermato che Ebanks è un giocatore dal potenziale enorme”ha  rivelato a margine dell’ufficialità di Ebanks il Presidente della Soundreef Mens Sana, Guida Bagatta Dopo Simonovic, Elston Turner e gli italiani si chiude una campagna acquisti nella quale tutta la società ha fatto il massimo possibile per ridare alla città una squadra competitiva. È una squadra che farà divertire e che se la giocherà su tutti i fronti provando a togliersi qualche soddisfazione” ha aggiunto “Ebanks era un obiettivo che insieme al Ds Marruganti avevamo individuato da una decina di giorni e come per Turner anche in questo caso il nostro Direttore sportivo è stato bravissimo a lavorare sotto traccia e a portarlo a Siena senza interferenze” ha spiegato ancora Bagatta. Ora il roster biancoverde è al completo: “Abbiamo due americani eccellenti, due grandi colpi di mercato che spero possano dare nuova linfa alla passione dei tifosi della Mens Sana. Più di così, e il roster che abbiamo lo dimostra, la società non poteva fare. A questo punto la palla passa ai nostri sostenitori: abbiamo bisogno di una risposta importante” ha concluso il Presidente della Soundreef Mens Sana.