Trieste – Cavaliero: “Promisi che sarei tornato in A con Trieste. Questa è la vittoria più bella della mia carriera”

Daniele Cavaliero

Daniele Cavaliero è stato uno dei protagonisti della cavalcata della Pallacanestro Trieste che ha da poco riconquistato la Serie A dopo ben 14 anni di assenza.

Cavaliero era nella squadra che nel 2003/04 retrocesse in LegaDue, che condusse direttamente al fallimento del club. «Quando Trieste retrocesse piansi e andai coi tifosi in piazza a contestare la dirigenza – ha dichiarato Cavaliero in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. Ero uno stupidello molto emotivo, a 20 anni si dicono tante parole, ricordo che subito dissi e promisi a quei tifosi e a me stesso che presto o tardi sarei tornato in serie A con Trieste. È arrivato quel momento dopo 14 anni ed è come se si fosse chiuso un cerchio. Ho giocato tante stagioni in A e nelle coppe, ho vestito la maglia della Nazionale ma questa, a 34 anni, è la vittoria più bella della mia carriera».

Dopo tante stagioni in Serie A, una carriera lunghissima ma infine il ritorno a Trieste. «L’anno passato ero a Varese. Mi trovavo benissimo, avevo il mio spazio ma quando a metà stagione si è presentata l’opportunità di trasferirmi a Trieste non mi sembrava vero. Ho firmato un contratto che prevede un 1 +1 per le prossime due stagioni, ma non cercavo un posto comodo per svernare, non avrei mai accettato di andare in panchina a sventolare gli asciugamani. Volevo tornare a casa, nella mia Trieste, per fare bene e mettere in pratica l’impegno che avevo assunto nel 2004. Per me non era cambiato quasi nulla da allora: ho ritrovato molti professionisti che lavoravano nella vecchia Pallacanestro come il preparatore, i medici, il team manager Dalla Costa»

Una stagione sudata e il futuro tutto da programmare. «È stata una stagione stupenda ma anche molto faticosa. Il sostantivo che sposa bene l’idea di questo successo è sudore. L’anno prossimo avremo più stranieri, suppongo, il club farà delle scelte che non mi competono ma sarebbe importante non snaturare questa squadra. Un compagno speciale? I numeri dicono Javonte Green, per me un fratello. Se penso che uno come lui, potenzialmente un talento da Nba, l’anno passato giocava in terza lega spagnola mi viene da ridere».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *