A2 Est – Il Power Ranking di BaskeItaly.it – Le 16 squadre a pochi giorni dalla partenza

a2-girone-est

A pochi giorni dall’inizio della Regular Season  anche Basketitaly.it ha stilato il proprio Power Ranking per il girone Est dell’A2. Questi i pronostici della nostra redazione con una breve analisi delle formazioni che parteciperanno al campionato. Ovviamente le previsioni sono fatte per essere ribaltate, vedremo il campo, unico giudice, cosa ci dirà.

Qui il Power Ranking del Girone OVEST.

1) KONTATTO FORTITUDO BOLOGNA
La Fortitudo Bologna, conclusa l’ottima stagione che l’ha vista posizionarsi al secondo gradino del podio dietro la Leonessa Brescia, inaugura la nuova annata con una splendida vittoria nella Supercoppa di LNP, sconfiggendo in finale Scafati, e si prepara al match casalingo di domenica contro Piacenza con la consueta grinta che la caratterizza. Una squadra di grande spessore equipaggiata di mezzi sia tecnici che fisici per raggiungere posizioni di rilievo anche in questa nuova season. Arricchita dai nuovi innesti oltreoceano Knox e Roberts e dal tanto acclamato ritorno del talento nostrano Mancinelli, i biancoblu punteranno a ripercorrere la retta via che li ha condotti ai vertici l’anno passato ed impostare nuove dinamiche di gioco che possano permettergli di fare quel salto di qualità tanto atteso. Nuova linfa verrà offerta, inoltre dagli innesti della giovane promessa Ruzzier e dal più esperto Gandini.

2) DE LONGHI TREVISO
L’incredibile exploit della Fortitudo Bologna ha quasi “oscurato” l’estate, caratterizzata comunque da grandi numeri, della De’ Longhi. Ciononostante a Treviso la gente sogna e i 2.600 abbonamenti sottoscritti ad una settimana prima dell’inizio del campionato sono un chiaro segno da parte di una piazza che ha voglia, e fretta, di tornare fra le grandi.

Il timone è ancora nelle sapienti mani di coach Pillastrini che, tenutosi ben stretto il suo zoccolo duro, ora ha a disposizione un roster più profondo e che, sebbene è un po’ under-size sotto canestro, è probabilmente più equilibrato con quasi tutti in grado di ricoprire un doppio ruolo. Non c’è più il beniamino Powell, sostituito dal resta Jesse Perry, un’ala grande già vista in Italia con la maglia di Imola e che fa dell’atletismo ed energia il suo pane quotidiano… i tifosi non aspettano altro!

3) DINAMICA MANTOVA
È una Mantova tutta nuova quella che si appresta a prendere parte alla prossima stagione di A2. Gli Stings hanno fatto tesoro degli errori commessi nella scorsa stagione e l’eliminazione al primo turno di playoff contro Agrigento ha rappresentato il punto di partenza per la costruzione di un progetto giovane e di lunghe vedute. Gli arrivi dei giovanissimi Marco Timperi (19 anni), Luca Vencato (21) e Francesco Candussi (22) ben esprimono il senso della direzione intrapresa dalla dirigenza lombarda che ha però sapientemente mischiato le carte con le conferme di Lorenzo Gergati e Alessandro Amici, e l’ingaggio di Andrea Casella.

Gli americani Lamarshall Corbett e DeAndre Daniels completano un roster equilibrato, non stellato ma che se ben orchestrato potrà dar fastidio a tutti e togliersi belle soddisfazioni.

4) TEZENIS VERONA
La Scaligera Verona si presenta alla nuova stagione armata di tanta determinazione e grande coraggio con l’obbiettivo primario di conquistare la tanto agognata promozione in serie A. La rispettosa ottava posizione conquistata al termine di un agguerrito campionato in cui Verona ha saputo lottare a testa alta, ha lasciato, nella franchigia veneta, un po’ di amaro in bocca per la prematura sconfitta maturata nella prima fase dei playoff. I gialloblu approcciano la nuova stagione con un organico eterogeneo, un giusto mix di freschezza ed esperienza, che possa garantire un gioco veloce ma ben strutturato in grado di sorprendere l’avversario sia sul fronte offensivo che difensivo. Nuovi innesti di spessore come Dane Deliegro e Dawan Robinson associati alla grande esplosività di un playguardia versatile come Portannese e ad alcune scommesse come Fall Yande renderanno la Scaligera un avversaria alquanto imprevedibile.

5) SEGAFREDO ZANETTI VIRTUS BOLOGNA
Dopo la triste retrocessione della scorsa stagione con le V nere che sono tornate negli inferi della A2, la società virtussina ha deciso di ripartire da 0, squadra nuova, e coach nuovo ma esperto come Alessandro Ramagli. I giocatori arrivati hanno tutti esperienza nel campionato italiano, particolare non da poco per una squadra che vuol essere subito competitiva per ritornare in Serie A1. Il quintetto sarà composto dal giovane play Spissu, 10 di media a Tortona lo scorso anno, dall’americano Umeh, reduce da una stagione in israele ma visto tra le altre anche a Verona, ottimo realizzatore e giocatore all-around, dagli esperti Rosselli e Ndoja, solidità e garanzia di rendimento e dal lungo, l’anno scorso 20 piu’10 di media, Kenny Lawson, preso da Recanati. In panchina ramagni potrà contare sui giovani del vivaio virtussino e su Spizzichini, da Scafati, e Andrea Michelori, un ritorno a Bologna, pronto a dare il suo contributo di esperienza e solidità. Se tutto andrà come deve, la Virtus sarà protagonista.

6) BONDI FERRARA
Chiusa la stagione appena trascorsa con una dignitosa posizione di media classifica, Ferrara approda a questo campionato 2016-2017 con la tassativa pretesa di salvezza e con l’aspirazione di scalare, quanto più possibile, le classifica. Nonostante il budget alquanto limitato Ferrara è riuscita ad allestire un roster che può tentare di “giocarsela” anche con squadre, sulla carta, più equipaggiate. Con due americani di livello ed un gruppo di italiani ben assortito e determinato a reggere ritmi sostenuti, i biancoazzurri cercheranno di impostare una pallacanestro diversa da quella della scorsa stagione più rapida e dinamica. Questo ritrovato entusiasmo alberga, indubbiamente, nell’innesto dell’ultimo tassello stagionale Roderick, che assieme al neoarrivato Bowers formerà sicuramente la coppia di U.S.A più competitiva che Ferrara abbia visto negli ultimi anni.

7) ORASI’ RAVENNA
Discrete ambizioni per la Orasì Ravenna di coach Antimo Martino che, con qualche conferma importante ed arrivi davvero interessanti, potrà dire sicuramente la sua in chiave playoff. La coppia di lunghi sarà la stessa della passata stagione con Masciadri e Smith, che assicurano punti e rimbalzi sotto le plance. Cambia invece  il pacchetto esterni perché all’arrivo dell’ottimo Tambone da Treviglio, play, e Sgorbati  da Imola, si aggiunge il colpaccio della società romagnola che ha ingaggiato Marks, l’anno scorso tra i migliori a Tortona. Anche la panchina si preannuncia davvero competitiva potendo contare su come Gherardo Sabatini, il San Marinese Raschi, confermato dopo la positiva stagione trascorsa, e soprattutto sull’arrivo di Chiumenti da CasalPusterlengo, 11.1 di media nell’ultimo campionato. Una squadra ambiziosa e davvero diffichile da affrontare.

8) ANDREA COSTA IMOLA BASKET
La scorsa stagione è stata una bellissima favola per tutto il popolo biancorosso. Un campionato da cenerentola esaltante che ha riscattato nel migliore nei modi una piazza che tanto ha sofferto negli ultimi anni. L’Andrea Costa adesso però non è più una cenerentola e la fiaba è finita: è giunto il momento di fare sul serio. La piazza ci crede, lo spera invece coach Ticchi al quale è stato affidato un roster molto interessante sebbene stravolto rispetto a quello dell’anno scorso di cui gli unici superstiti dello starting five sono Norman Hassan e il sempreverde Michele Maggioli. Al duo Cohn-Norfleet l’arduo compito di non far rimpiangere le gesta compiute da Karvel Anderson e da Leonard Washington.

9) U.C.C. ASSIGECO PIACENZA
Dalla fusione con l’Assigeco CasalPusterlengo, torna il grande basket in riva al Po. Piacenza si presenta ai nastri di partenza del campionato con l’ambizione di ben figurare, squadra esperta che vuol togliersi grandi soddisfazioni. Il coach sarà Marco Andreazza, trevigiano al salto di categoria dopo l’esperienze da resp.settore giovanile di CasalPusterlengo. La squadra, completamente rinnovata, vedrà un quintetto con De nicolao, da Imola, in cabina regia, Raspino, a Ferentino la scorsa stagione, in ala piccola e Luca  Infante, da Biella pivot. La coppia di americani è di sicuro affidamento. Sarà Kenny Hasbrouck a giocare da guardia mentre l’eterno Bobby Jones, 11.6 di media a Caserta lo scorso anno sarà il n.4. Dalla panchina si alzano il reggino Valerio Costa, Stefano Borsato, il campione d’Italia con Sassari Matteo Formenti e il lungo Persico, l’anno scorso buon protagonista a Piombino in B. Non sarà facile avere la meglio su questa formazione.

10) UNIEURO FORLI’
Dall’ultima fallimentare apparizione di Forli in a2 le cose sembrano essere profondamente cambiate. Un campionato di B vinto in maniera convincente, una società solida e il solito amore e calore della piazza, lasciano presagire che quest’anno il PalaFiera sarà davvero un fortino di quelli difficili da espugnare. Pochi i cambiamenti rispetto alla squadra della promozione. Confermata l’asse play-pivot Ferri-Rotondo, Vico, dopo una vita da califfo nelle categorie inferiori, sarà la guardia titolare in un quintetto che potrà puntare sull’apporto dei due americani Crockett, l’anno scorso 21 di media nel campionato elevetico e soprattutto Blackshear, visto in a1 a Pistoia la scorsa stagione, 10 di media. La panchina sembra lunga e affidabile, con il confermato Boancini, e gli arrivi dell’Eterno Pierich, di Infante da Piacenza, Paolin da Valsesia e Thiam, da Livorno. Obiettivo tranquillità con uno sguardo convinto ai playoff.

11) ALMA-AGENZIA PER IL LAVORO TRIESTE
Il solito gruppo di ragazzi terribili con qualche aggiunta di grande esperienza, guidati dal padrone di casa Eugenio Dalmasson. Trieste si presenta a questo campionato di A2 con il solito obiettivo, sempre centrato, di stupire tutti.Solo due gli innesti rispetto alla scorsa stagione. Parliamo della guardia Green, classe 1993, l’anno scorso Mvp in Lega Leb Plata in spagna, e della solidissima ala Matteo Da Ros, in arrivo da Verona. Completano il quintetto il playmaker Bossi, il confermato americano Parks e il pivot Pipitone. Dalla panchina si alzano l’eterno Andrea Pecile, triestino doc, Prandin, Baldasso ed il capitano Andrea Coronica. Volendo puntare su una sorpresa, il nostro euro lo mettiamo su Trieste.

12) GSA UDINE
Altro grande ritorno nel campionato di A2 è quello della GSA Udine. Tanta esperienza per i friuliani a partire dal coach, un grande del nostro Basket, Lino Lardo. Pochi cambi anche qui rispetto alla squadra che ha conquistato la promozione. Il playmaker sarà l’americano Laser, in arrivo dal secondo campionato Greco, discreto realizzatore e buon passatore, la guardia sarà Riccardo Truccolo, mentre la solidità di Stan Okoye, arrivato da pochi giorni ad Udine per sostituire il secondo americano non vistato, sarà utile nello spot di 3. Sotto le plance agirà la coppia italiana formata da Castelli e da Joel Zacchetti, capitano e bandiera della squadra udinese. In panchina tanta esperienza con gli ex sassaresi Pinton e Vanuzzo, col giocatore piu’ alto d’Italia Gino Cuccarolo e con Nobile e Ferrari. Ben tornata Udine, l’obiettivo è salvarsi nel piu’ breve tempo possibile.

13) AURORA BASKET JESI
Mantenere la categoria ma con maggiore serenità. È questo l’obiettivo che si legge tra le righe della nuova Aurora Jesi che ha affidato al confermato coach Cagnazzo una squadra (un po’) meno giovane e (un po’) meno inesperta. Gran parte di questo contributo d’esperienza arriva dall’ingaggio di Tim Bowers, 34enne guardia lo scorso anno protagonista a Ferentino con 12 punti di media realizzati. Alle conferme del play Battisti e del lungo Maganza, si sono aggiunti gli arrivi dell’esperta ala grande Andrea Benevelli (anche lui in uscita da Ferentino) e dell’ala piccola Dwayne Davis.

14) U.S. BASKET RECANATI
La prossima sarà una stagione molto importante per il Basket Recanati. Il trasferimento del campo da gioco rappresenta indubbiamente l’inizio di un nuovo corso per un club sano e che punta a consolidarsi nel panorama cestistico. Nelle mani di coach Calvani, che ritorna in corsa dopo la negativa esperienza di Sassari, c’è un team dalle buone potenzialità ma con un’età media molto bassa e che avrà bisogno di tempo. Stesso discorso per quanto riguarda i due americani, la guardia Korey Billbury e il centro Jalen Reynolds, interessanti ma entrambi alla prima esperienza dopo il college.

15) ROSETO SHARKS
Scommesse, giocatori in cerca di rilancio, Esperti del campionato che vogliono dare ancora grande qualità alla loro carriera. Gli sharks, dopo una stagione tribolata, sanno di dover soffrire ma hanno costruito una squadra che potrà ben figurare e lottare fino alla fine. Il play sarà Robert Fultz, dopo anni di rientro a Roseto, l’anno scorso a CasalPusterlengo, la guardia sarà Smith, rookie da Georgia Tech, 15.3 di media lo scorso anno. Altro giovanissimo nel ruolo di ala piccola, direttamente dalla stella azzurra arriva Radonjic. Sotto le plance il secondo americano Lewis-Briggs, protagonista lo scorso anno nel campionato georgiano e il pivot Paci, 7.7 punti a Jesi. Dalla panchina tanta esperienza con Mei, Fattori e soprattutto con l’ultimo arrivato firmato dopo la preparazione svolta in abruzzo Valerio Amoroso, lui potrà essere l’ago della bilancia della squadra. A completare la pancha per coach Emanuele di Paolantonio, debuttante in categioria, ci saranno anche Casagrande e Gloria.

16) PROGER CHIETI
Non può essere che la salvezza l’obiettivo della squadra abruzzese che, con tanti nuovi arrivi, si presenta ai nastri di partenza della A2 con lo scopo di mantenere la categoria. Coach Massimo Cedro Galli punta su un quintetto che vede tra i confermati solo Sergio, autore di un buon campionato con 8.5 punti di media. Il playmaker arriva da Piombino in serie B ,Venucci infatti è stato top scorer della passata stagione con 19.2 punti di media, nuova anche la coppia di americani con Golden, 22 di media a Cipro, e Cade Davis, numero 3, americano bianco, nell’ultima stagione in Finlandia. Il pivot sarà Mortellaro, l’anno scorso a Rieti che unisce solidità e presenza sotto canestro. Dalla panchina usciranno i confermati Piazza e Allegretti che dovranno dare qualcosa di importante affinchè i teatini possano centrare l’obiettivo salvezza. Completano il roster Antonicelli, Piccoli e Zucca.

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *